Atlantic Council

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Atlantic Council è un think tank americano con sede a Washington, D.C. il cui scopo è "Promuovere la leadeship americana e promuovere accordi internazionali basati sul ruolo centrale della comunità atlantica nell'affrontare le sfide del XXI secolo"[1]

Il Consiglio Atlantico è stata fondato nel 1961, con la missione di incoraggiare la continuazione della cooperazione tra Nord America ed Europa, che ha avuto inizio negli anni dell'immediato dopoguerra. Nei suoi primi anni il suo lavoro consisteva soprattutto nel pubblicare documenti politici ed elettorali europei ed americani sul reciproco atteggiamento nei confronti transatlantico[non chiaro] e la cooperazione internazionale. In questi primi anni la sua attenzione principale era sulle questioni economiche - soprattutto a favorire il libero scambio tra i due continenti, e, in misura minore, per il resto del mondo - ma ha anche fatto qualche lavoro su temi politici e ambientali [2].

Il Consiglio Atlantico si è guadagnato elogi dalla comunità internazionale; il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha definito il Consiglio come un "pre-eminente think tank" con una "reputazione di lunga data,"[3] e il senatore statunitense repubblicano Richard Lugar ha notato che il Consiglio è "tenuto in grande considerazione all'interno della comunità atlantica".[4]

Leadership, membri e studiosi[modifica | modifica wikitesto]

Board of Directors[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0004 0549 1750