Atheist Alliance International

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atheist Alliance International
Atheist Alliance International
AAI.png
AbbreviazioneAAI
TipoOrganizzazione non a scopo di lucro
Fondazione1991
ScopoPromozione dell'ateismo
Sede centraleStati Uniti Washington D.C.
Lingue ufficialiInglese, spagnolo
Motto"For a Secular World"
[atheistalliance.org Sito web]
Simbolo generico dell'ateismo, risultato di un concorso del 2007 lanciato dall'organizzazione, creato da Diane Reed.[1][2]

Atheist Alliance International (AAI, in italiano Alleanza Internazionale Atei) è una federazione globale di organizzazioni ed individui atei, con lo scopo di educare le persone all'ateismo, al secolarismo e ad altri temi collegati. La AAI è stata fondata nel 1991.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La AAI è stata fondata nel 1991 con il nome di Atheist Alliance, un'alleanza di quattro gruppi atei statunitensi. Con il tempo la Atheist Alliance si è espansa, aggiungendo al suo interno sia gruppi locali o regionali statunitensi sia gruppi internazionali e cambiando nome in Atheist Alliance International nel 2001. Nel 2010 e nel 2011 i membri approvarono la separazione tra gli Stati Uniti e d il gruppo internazionale dell'AAI in organizzazioni differenti, per soddisfare le diverse necessità di ogni gruppo. Il gruppo statunitense dell'AAI fu rinominato come Atheist Alliance of America; il gruppo internazionale conservò il nome originale ma adottò un nuovo statuto e una nuova struttura organizzativa. La nuova AAI fu presentata, per la prima volta, in occasione della World Atheist Convention di Dublino, Irlanda, il 3 giugno 2011.[3]

Nel 2013, la AAI ottenne lo status consultivo speciale delle Nazioni Unite. Con questo ruolo la AAI potrà meglio aiutare i non credenti, affrontando le persecuzioni degli stessi da parte dei governi.

Struttura organizzativa[modifica | modifica wikitesto]

La Commissione dell'organizzazione è composta da 4 a 13 direttori eletti per due anni. Non più di tre direttori possono provenire da ogni Paese ed ogni affiliato o membro associato è limitato ad una candidatura nella Commissione in ogni momento.[4]

I funzionari della'AAI sono i direttori e sono eletti per un anno dalla Commissione dopo ogni Annual General Meeting. Il Presidente attuale dell'AAI è Christine Shellska[5] da Calgary, Canada.

L'AAI ha tre classi di soci: Membri affiliati, Membri associati e Membri individuali. I Membri affiliati e associati sono gruppi atei, che hanno i loro membri individuali ed i Membri affiliati devono essere di natura democratica. I Membri individuali sono persone che vogliono supportare il lavoro dell'AAI. Tutti i Membri possono partecipare agli incontri ma solo quelli affiliati possono votare.[6]

La visione dell'AAI è quella di "un mondo secolare in cui la vita politica, la ricerca scientifica e l'educazione non sono influenzate da credo religiosi, ma basate sulla razionalità e la ricerca di prove oggettive". La missione dell'AAI è "combattere e confrontarsi con la fede religiosa, rafforzare l'ateismo globale promuovendo la crescita e l'interazione delle organizzazioni atee di tutto il mondo ed impegnandosi a promuovere progetti educativi internazionali."[7]

Convention[modifica | modifica wikitesto]

La prima convention annuale tenuta dall'AAI si svolse nel 1995 a Los Angeles. La prima convention internazionale tenuta dall'AAI si svolse nel 2006 a Reykjavik, Islanda. Nel 2010, l'AAI ha iniziato il suo programma attuale di copresentare convention con entrambi i membri affiliati ed associati.

Dal 2010, l'AAI ha copresentato o supportato conferenze a:

Richard Dawkins Award[modifica | modifica wikitesto]

  1. Per maggiori informazioni, visitare la pagina Richard Dawkins Award

Il Richard Dawkins Award è un premio assegnato annualmente a una persona (o a più persone) per la loro notevole opera di promozione dell'ateismo. Viene assegnato dalla Atheist Alliance durante il suo congresso annuale, in riconoscimento del lavoro di Richard Dawkins.

Nei criteri ufficiali del premio si legge: "Il Richard Dawkins Award verrà assegnato ogni anno per onorare un eminente ateo, i cui contributi hanno innalzato la consapevolezza pubblica della filosofia di vita nonteista; che attraverso scritti, media e arti e/o sul palco sostengono una maggiore conoscenza scientifica; che attraverso opere o con esempi insegnano l'accettazione della filosofia nonteista; e il cui atteggiamento pubblico riflette la filosofia di vita nonteista senza compromessi del Dott. Richard Dawkins."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diane Reed response on Think Atheist website to a question regarding copyright status of the symbol., su thinkatheist.com.
  2. ^ PDF of the Secular Nation article "A Conventioneer's Delight! Pt 5 of 5" (PDF), su atheistalliance.org. (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2008).
  3. ^ New Atheist Alliance International Launched in Dublin, Ireland 3 June 2011, su Atheist Alliance International, 3 giugno 2011. URL consultato il 15 novembre 2012.
  4. ^ Directors, su Atheist Alliance International. URL consultato il 14 novembre 2012.
  5. ^ Directors, su Atheist Alliance International. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  6. ^ AAI Bylaws, su Atheist Alliance International. URL consultato il 13 novembre 2012.
  7. ^ Vision & Mission, Atheist Alliance International. URL consultato il 18 giugno 2012.
  8. ^ Holkner, Rachel, The rise and rise of atheism, su Guardian.co.uk, 15 marzo 2010. URL consultato il 13 novembre 2012.
  9. ^ Dublin hosts first atheist congress, su The Irish Times, 6 giugno 2011. URL consultato il 13 novembre 2012.
  10. ^ Centre hosts B.C.'s first non-believers conference, su kamloopsnews.ca, 4 maggio 2011. URL consultato il 13 novembre 2012.
  11. ^ Langseth, Melissa, PATAS Convention – From The Eyes of the Chairperson [collegamento interrotto], su patas.co, 6 giugno 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  12. ^ Gryboski, Michael, 'Imagine No Religion' Canadian Atheist Convention Sells Out, su The Christian Post, 17 maggio 2012. URL consultato il 14 novembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]