Athanase Seromba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genocidio del Ruanda
Nyamata Memorial Site 13.jpg
Ruanda · Genocidio
Storia
Origini di Hutu e Tutsi
Guerra civile ruandese
Accordi di Arusha
Massacro di Nyarubuye
Paul Rusesabagina
Fazioni
Interahamwe (Hutu)
Impuzamugambi (Hutu)
Fronte Patriottico (Tutsi)
UNAMIR (Nazioni Unite)
RTLM e Kangura
Conseguenze
Tribunale Internazionale
Corte Gacaca
Crisi dei Grandi Laghi
Prima Guerra del Congo
Seconda Guerra del Congo
Media
Hotel Rwanda
Shake Hands with the Devil

Athanase Seromba (1963) è un religioso ruandese, presbitero della Chiesa cattolica, condannato per crimini di guerra da un tribunale internazionale per aver partecipato, nel 1994, al massacro di duemila Tutsi in Ruanda nel frangente storico del genocidio ruandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca dei fatti, Seromba era sacerdote di una parrocchia cattolica nella regione di Kibuye, nel Ruanda occidentale. Secondo quanto stabilito dalla condanna, fra il 6 aprile e il 20 aprile 1994 Seromba fece abbattere a colpi d'artiglieria la propria chiesa parrocchiale al fine di uccidere circa 2000 Tutsi che vi avevano cercato rifugio attirati dallo stesso sacerdote, che partecipò in modo attivo anche al successivo massacro dei pochi superstiti.

Fuggito dapprima nella Repubblica Democratica del Congo, e poi in Toscana, dove si era presentato sotto il falso nome di Atanasio Sumba Bura,venendo destinato alla parrocchia dell'Immacolata e S. Martino in Montughi di Firenze, fu poi accolto nel vescovado, territorio vaticano. Sotto la pressione di Carla Del Ponte, all'epoca incaricata delle Nazioni Unite per la persecuzione dei crimini di guerra, il 6 febbraio 2002 Seromba si consegnò al International Criminal Tribunal for Rwanda (Tribunale Criminale Internazionale per il Ruanda, ICTR) ad Arusha (Tanzania), dove fu processato per genocidio e crimini contro l'umanità. Il 13 dicembre 2006 fu giudicato colpevole e condannato a 15 anni di carcere, subendo anche l'estradizione dall'Italia.

Nel marzo 2008, il processo di appello ha condannato Seromba all'ergastolo, motivando la sentenza con la sua partecipazione attiva ai massacri, una condotta per la quale non ha mostrato mai alcun segno di pentimento.[1]

Il 27 giugno 2009 è stato trasferito nella prigione di Akpro-Missérété di Port-Novo, in Benin.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]