Atenagora di Costantinopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Atenagora I
Patriarch Athenagoras (1967).jpg
Patriarca ecumenico di Costantinopoli
Elezione1º novembre 1948
PredecessoreMassimo V
SuccessoreDemetrio
 
Consacrazione episcopale1922
 
NomeAristokles Spyrou
NascitaTsaraplana
25 marzo 1886
MorteIstanbul
7 luglio 1972

Aristokles Spyrou (Tsaraplana, 25 marzo 1886Istanbul, 7 luglio 1972) è stato un arcivescovo ortodosso greco, patriarca ecumenico di Costantinopoli dal 1948 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aderì all'ortodossia cristiana ancora giovane, decidendo quindi di laurearsi in teologia. Sotto il governo di Massimo V fece una rapida carriera religiosa che lo portò a diventare il braccio destro del patriarca. Dopo le sue dimissioni, avvenute nel 1948, ne prese facilmente il posto con il nome di Atenagora I.

Atenagora con papa Paolo VI

L'evento più famoso e importante del suo patriarcato fu l'incontro che ebbe a Gerusalemme con papa Paolo VI, il 4 gennaio 1964 [1]. Quell'incontro portò poi a deliberare l'abrogazione delle reciproche scomuniche del 1054, o secondo altri 1056, anno dello Scisma d'Oriente. L'abrogazione avvenne con solenne cerimonia il 7 dicembre 1965, giorno antecedente la chiusura del Concilio Vaticano II, svoltasi contemporaneamente a Roma ed a Istanbul.

Con la "Dichiarazione comune Cattolico-Ortodossa del 1965" prese avvio una commissione congiunta per il dialogo fra le due confessioni, che nacque nel 1966 ed è ancor oggi attiva.

Un nuovo incontro tra Atenagora I e Paolo VI avvenne il 25 luglio 1967, durante il viaggio in Turchia di papa Paolo VI[2].

Atenagora I, a causa della vecchiaia e di una lunga malattia che lo affliggeva da anni, fu sostanzialmente incapace di agire con fermezza ed efficacia durante gli ultimi anni del suo patriarcato: preferì infatti affidare le mansioni più delicate al suo aiutante Demetrio, che divenne il suo favorito e il suo successore sul seggio patriarcale di Costantinopoli.

Muore nel 1972 e riceve sepoltura nella Chiesa di Santa Maria della Primavera ad Istanbul.

Il sito web della Gran Loggia di Grecia lo cita tra gli affiliati alla massoneria, senza specificare data e luogo di iniziazione, né l'eventuale grado raggiunto[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alle 21.30 del 5 gennaio 1964 nella Delegazione apostolica di Gerusalemme ha luogo il primo incontro con Paolo VI. Il colloquio avrebbe dovuto essere riservato, ma fu ripreso e registrato dai microfoni della Rai che per un disguido non furono spenti. Cfr. Fuorionda con il patriarca
  2. ^ Mario Mondello quale ambasciatore in Turchia il 12 agosto 1967 inviò un rapporto al ministro degli esteri Amintore Fanfani per riferire con dovizia di particolari il colloquio avuto col patriarca Atenagora pochi giorni dopo che ebbe incontrato Paolo VI- Cfr. Eliana Versace, Atenagora e l'ambasciatore.
  3. ^ (EL) Atenagora, Patriarca ecumenico Biografia sul sito ufficiale della Gran Loggia di Grecia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89600304 · ISNI (EN0000 0001 2282 800X · SBN IT\ICCU\SBLV\212317 · LCCN (ENn82052515 · GND (DE118637746 · BNF (FRcb11889343m (data)