Atanasio Canata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Atanasio Canata (Lerici, 25 marzo 1811Carcare, 5 aprile 1867) è stato un religioso, letterato ed educatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo degli otto figli di Giuseppe, negoziante di Lerici, e di Anna Carosini, scomparsa prematuramente nel 1818, fu educato dal fratello Gaetano, rettore del Seminario di Sarzana (e successivamente parroco di Lerici dal 1825 al 1836), che gli fece studiare materie umanistiche, in particolare filosofia e retorica. Dopo essere rientrato a Lerici, per aiutare il padre nell'amministrazione del menage familiare, si recò presso lo zio Don Agostino parroco ad Ameglia.

Qui si innamorò di una giovane contadina dalla quale però fu rifiutato: questa delusione pare fosse all'origine della sua crisi spirituale e della sua vocazione.[senza fonte] Pare che l'ultima decisione fosse presa dal giovane Atanasio davanti all'altare del Cristo Crocifisso: a soli diciannove anni entrò comunque nella Casa degli Scolopi di Genova, facendosi sacerdote e poi frate.

Rivolse pertanto la seconda parte della sua vita all'educazione dei giovani e alla loro formazione culturale e spirituale. Fu prima a Chiavari, poi a Savona ed infine a Carcare (in Val Bormida), dove rimase per ventisette anni nel collegio che faceva chiamare la Tebaide ligure. Strinse amicizia con un altro celebre educatore, San Giovanni Bosco, e cominciò ad affermarsi come poeta ed oratore.

Oltre che aver avuto fra i propri allievi futuri ufficiali, intellettuali, parlamentari e ministri, Padre Canata fu insegnante di Giuseppe Cesare Abba, Goffredo Mameli e di tanti altri patrioti del Risorgimento italiano dei quali condivideva ideali e speranze.[senza fonte] L'Abba nel suo libro "Da Quarto a Volturno" sull'Impresa dei Mille ricordava con commozione, infatti, il suo maestro e raccontava le drammatiche scene in classe il giorno dopo la battaglia di Novara: pallido e tremante Padre Canata si precipitò in aula e poi in piedi davanti alla sua cattedra annunciò "Fummo vinti a Novara!" e pianse commosso.[senza fonte]

Scritti di Padre Canata[modifica | modifica wikitesto]

Atanasio Canata fu autore di prose e tragedie, scrisse poesie, nel 1889 raccolte in due volumi. I suoi versi grondavano Cristianesimo liberale e amor di patria. Ispirato da Vincenzo Gioberti, Canata scommetteva sull'indipendenza e l'unione degli italiani. Nei suoi componimenti ricorrono alcuni materiali che troveremo presenti nel canto nazionale (composto da Mameli) e che fanno riferimento a fatti del 1846: la sanguinosa repressione austriaca dei polacchi in Galizia e il festeggiamento di Balilla a Genova (settembre 1846).[1]

Rapporto con Mameli[modifica | modifica wikitesto]

Goffredo Mameli fu alunno di Padre Canata; pare che ogni giorno facessero lunghe passeggiate insieme e che proprio da quelle lunghe conversazioni arrivarono al giovane allievo le ispirazioni per comporre l'inno "Fratelli D'Italia"[senza fonte], che sarebbe diventato l'inno ufficiale della Repubblica Italiana.

Probabile la paternità di Canata sulla terza strofa che ha un contenuto religioso:[senza fonte]

                               "UNIAMOCI AMIAMOCI 
                                L'UNIONE L'AMORE
                                RIVELANO AI POPOLI
                                LE VIE DEL SIGNORE.
                                GIURIAMO FAR LIBERO 
                                IL SUOLO NATIO;
                                UNITI PER DIO
                                CHI VINCER CI PUÒ?"

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN303601711 · ISNI: (EN0000 0004 0963 2477 · SBN: IT\ICCU\RAVV\107151 · LCCN: (ENn93017270