Astaxantina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Astaxantina
Astaxanthin.svg
Nomi alternativi
3,3'-diidrossi-β-carotene-4,4'-dione
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C40H52O4
Massa molecolare (u) 596,84
Aspetto solido viola
Numero CAS 472-61-7
Numero EINECS 207-451-4
PubChem 5281224
SMILES CC1=C(C(CC(C1=O)O)(C)C)C=CC(=CC=CC(=CC=CC=C(C)C=CC=C(C)C=CC2=C(C(=O)C(CC2(C)C)O)C)C)C
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua insolubile
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

L'astaxantina è un carotenoide di colore rosso-violaceo.

È presente, insieme ad altre molecole antiossidanti, nell'olio di krill (Euphausia superba).

È responsabile del colore rosso di vari pesci quali tonno, salmone, pesce spada, krill, gamberi, che ne contengono in quantità. Un colorante simile, derivato dal petrolio, è utilizzato come additivo alimentare.

Oltre ad una funzione antiossidante[2][3] presenta proprietà di anti-infiammatorio e protezione dai raggi-UV.
Come cantaxantina (che ad alte dosi prolungate nel tempo porta alla formazione di depositi cristallini nella retina e non sembrano comunque interferire con le funzioni della retina [4]), luteina e zeaxantina (che portano anch'essi alla formazione di depositi cristallini nella retina), è uno dei pochissimi carotenoidi in grado di superare la barriera ematoencefalica dei mammiferi, uomo incluso, e, successivamente, di superare la seconda "protezione" della Barriera emato-retinica fino a depositarsi nella retina degli occhi[5] (licopene e beta-carotene ad esempio non sono in grado di superare la barriera della retina). Rispetto alle altre forme di vitamina A, l'astaxantina è un forte antiossidante, in grado di arrivare "dentro l'occhio" dove può svolgere direttamente la sua azione[6].

La fonte vegetale più importante dell'astaxantina è un'alga unicellulare (microalga) d'acqua dolce: Haematococcus pluvialis[7], che produce in forma autonoma i lipidi contenenti astaxantina naturale quando le condizioni ambientali inducono uno stress ossidativo. Ciò avviene in presenza di acqua salata o di elevata radiazione luminosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 22.03.2013
  2. ^ H. D. Martin / C. Ruck / M. Schmidt / S. Sell / S. Beutner / B. Mayer / R. Walsh, Chemistry of carotenoid oxidation and free radical reactions, Pure and Applied Chemistry. Volume 71, Issue 12, Pages 2253–2262, ISSN (Online) 1365-3075, ISSN (Print) 0033-4545, DOI: 10.1351/pac199971122253, January 2009, Institute of Organic Chemistry and Macromolecular Chemistry presso University of Duesseldorf, D-40225 Duesseldorf, Germany, e Department of Chemistry, University of Reading, UK; pubblicato anche su 1999 IUPAC, Pure Appl. Chem. 71, 2253±2262, Great Britain
  3. ^ Quantitative assessment of antioxidantproperties of natural colorants andphytochemicals: carotenoids, flavonoids,phenols and indigoids. The role ofb-carotene inantioxidant functions, su Journal of the Science of Food and Agriculture, J Sci Food Agric 81:559±568 (online: 2001), 2001 Society of Chemical Industry. J Sci Food Agric 0022±5142/2001/: <<Three main categories ofantioxidants may be classi®ed: (1) excellent antioxidants that perfectly quench excited states as well asground state radicals (eg actinioerythrol, astaxanthin); (2) good antioxidants that strongly inhibitperoxide formation but are less ef®cient in quenching excited states (eg ¯avonols, tocopherols) or leadto considerable degradation of the antioxidant itself (egb-carotene, lycopene); (3) moderateantioxidants that fail to excel in both reactivities (eg z-carotene, ¯avone)>>
  4. ^ Dose Dependency of Canthaxanthin Crystals in Monkey Retina and Spatial Distribution of its Metabolites , su Investigative Ophthalmology & Visual Science May 2000, Vol.41, 1513-1522, PMID 10798671
  5. ^ Suppressive effect of astaxanthin on retinal injury induced by elevated intraocular pressure, su Regulatory Toxicology and Pharmacology, Volume 58, Issue 1, October 2010, Pages 121–130: condotto su topi a dosi di 5 mg/kg/day ASX per 8 settimane
  6. ^ Carotenoids in the retina — A review of their possible role in preventing or limiting damage caused by light and oxygen, su Chapter Free Radicals and Aging, Volume 62 of the series EXS pp 280-298, DOI 10.1007/978-3-0348-7460-1_29, Print ISBN 978-3-0348-7462-5: << This paper reviews the ideas that this concentration of dietary carotenoids in the macula is not accidental, but that their presence may prevent or limit damage due to their physicochemical properties and their capability to quench oxygen free radicals and singlet oxygen, which are generated in the retina as a consequence of the simultaneous presence of light and oxygen.>>
  7. ^ Haematococcus astaxanthin: applications for human health and nutrition, Mera Pharmaceuticals Inc., 73–4460 Queen Kaahumanu Hwy, Suite 110, Kailua-Kona, Hawaii 96740, USA, DOI10.1016/S0167-7799(03)00078-7
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia