Associazione dei santuari shintoisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Un edificio amministrativo della Jinja Honcho.

L'Associazione dei santuari shintoisti, in giapponese Jinja Honcho (神社本庁), è un'istituzione religiosa fondata nel febbraio 1946 con la separazione tra Stato giapponese e Shintoismo, con la pubblicazione della cosiddetta Direttiva shintoista. L'organizzazione ha lo scopo primario di amministrare in modo uniforme i santuari shintoisti del Giappone e conservare la tradizionale cultura religiosa giapponese. La Chiesa oggi amministra all'incirca 100.000 santuari e oltre 140 scuole in tutto il Giappone e negli ultimi decenni ha dimostrato una certa apertura anche verso Paesi esteri, ha infatti iniziato ad esportare lo Shintoismo edificando i primi santuari in America e Australia e ordinando i primi sacerdoti shintoisti non-giapponesi. Nonostante il vertice comune, tutti i santuari shintoisti godono di una certa autonomia, in quanto ognuno ha una propria storia di fondazione.

Centri amministrativi e affiliazioni[modifica | modifica sorgente]

La sede centrale della Jinja Honcho, al vertice della piramide ecclesiastica, si trova a Tokyo. Da questo nucleo si dipanano una serie di organi, ovvero uffici sussidiari, ubicati in ogni prefettura del Giappone, volti a consentire una più equilibrata amministrazione. Questi centri sussidiari sono chiamati Jinjacho. Essi amministrano i santuari delle prefetture. Sono aperti al pubblico e possono essere contattati per ricevere informazioni su santuari, attività di vario genere e festival. La Jinja Honcho gestisce anche una biblioteca contenente oltre 28.000 testi sullo Shintoismo.

Ogni santuario ha poi una relativa autonomia, potendo definire ulteriormente la propria forma di amministrazione e approccio ai fedeli. I santuari più eminenti si organizzano ad esempio in sotto-organizzazioni in cui il santuario principale diviene santuario madre facendo aprire santuari affiliati in vari territori, solitamente consacrati alla stessa divinità del santuario centrale.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di santuari shintoisti e Jinja.

Obiettivi e attività[modifica | modifica sorgente]

Gli obiettivi principali della Jinja Honcho sono i seguenti:

  • Amministrare e guidare il clero dei santuari shintoisti;
  • Preservare i festival, i riti e promuovere la morale tradizionale;
  • Pregare per uno sviluppo prospero della società giapponese e mondiale;
  • Contribuire a stabilizzare la pace nel mondo.

La Jinja Honcho considera il servizio di informazione come mezzo principale per portare a compimento questi obiettivi. Essa organizza infatti parecchie attività per incoraggiare la diffusione della morale e dei valori shintoisti. Le principali sono riportate di seguito, ovviamente sono solo le principali e ricorrenti, l'amministrazione ne organizza infatti molte altre.

  • Servizi informativi sullo Shintoismo;
  • Pratica dei rituali;
  • Attività educative per i fedeli shintoisti;
  • Pellegrinaggi al santuario di Ise (e ad altri santuari) e distribuzione dei suoi amuleti;
  • Corsi di sacerdozio nei santuari e nelle università;
  • Pubblicazione e distribuzione di opuscoli, volantini e libri sullo Shintoismo.

Questo genere di attività fanno della Jinja Honcho un'istituzione all'avanguardia, pronta a rispondere ai requisiti dell'uomo moderno, ed in particolare a quel Paese così sviluppato sotto ogni aspetto che è il Giappone. Questo approccio moderno alla fede è necessario per mantenere il contatto con la sacralità della natura in un mondo secolarizzato e tecnologizzato. La Jinja Honcho ha di recente preso in considerazione anche l'utilizzo di Internet come mezzo attraverso cui evolvere i suoi obiettivi: ogni santuario ha infatti un proprio sito web, con informazioni indirizzi e persino attività di venerazione e pellegrinaggio online.

Dettami basilari[modifica | modifica sorgente]

Alla base della Comunità non ci sono dottrine fisse ma una semplice costituzione che descrive gli obiettivi dell'organizzazione e le caratteristiche generali della vita che un fedele shintoista deve seguire per la venerazione dei kami, gli dèi. I punti principali di questa costituzione sono i seguenti:

  • Essere grati per la benedizione dei kami e degli avi ed essere diligenti nell'osservanza dei riti, applicandosi ad essi con sincerità, gioia e purezza di cuore.
  • Offrire agli altri la propria disponibilità e partecipare ad attività di miglioramento sociale, di carità e di assistenza, senza pretendere ricompense immediate; favorire il progresso del mondo in ogni suo aspetto.

Il secondo punto deve essere praticato in piena armonia con i kami, tanto da interpretare le azioni descritte come una sorta di missione volta a realizzare il volere degli dèi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]