Rapallo Pallanuoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rapallo Pallanuoto
Pallanuoto Water polo pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
WaterPoloSwimsuits front.svg WaterPoloSwimsuits back.svg
Colori sociali 600px Giallo e Azzurro.svg Giallo-Azzurro
Dati societari
Città Rapallo-Stemma.png Rapallo
Paese Italia Italia
Confederazione LEN
Federazione Flag of Italy.svg FIN
Campionato Serie A1 (femminile)
Serie B (maschile)
Fondazione 1971
Scioglimento 2011
Rifondazione 2012
Presidente Italia Enrico Antonucci
Allenatore Italia Luca Antonucci (Femminile)
Italia Diego Casagrande (Maschile)
Sede Via San Pietro 35 - 16035 Rapallo (GE)
Sito web www.rapallonuoto.it
Palmarès
ScudettoCoppa ItaliaCoppa LEN
Scudetti 1
Trofei nazionali 1 Coppa Italia
Titoli europei 1 Coppa LEN
Impianto sportivo
Piscina Olimpionica Comunale di Rapallo

La Rapallo Pallanuoto è una società sportiva affiliata alla Federazione Italiana Nuoto rifondata nel 2012 sulla via della precedente e storica società Rapallo Nuoto, quest'ultima attiva dal 1971 al 2011.

Sono attivi tre settori: nuoto, pallanuoto e master. La squadra gioca le proprie partite casalinghe nella piscina olimpionica comunale di San Pietro di Novella a Rapallo, nella città metropolitana di Genova. Attualmente la squadra di pallanuoto femminile milita in Serie A1; quella maschile, dopo la promozione nel 2013, è invece iscritta nel campionato di Serie B.

I colori sociali sono il giallo e azzurro, il simbolo un pesce.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima società (A.S.D. Rapallo Nuoto) è stata fondata a Rapallo il 30 novembre del 1971. Nei primissimi anni, a causa dell'assenza di un impianto natatorio nella cittadina rapallese, la squadra fu costretta ad "emigrare" nei vicini impianti di Camogli, Recco, Bogliasco e Genova e a svolgere i necessari allenamenti in mare, nel periodo estivo, o in palestra nelle stagioni autunnale-invernale.

Il trasloco nelle altre piscine comunali si interruppe nel 1975 quando la nuova piscina olimpionica di Rapallo (ubicata nella frazione di San Pietro di Novella) fu portata a compimento e consegnata alla società Rapallo Nuoto, gestione che tuttora mantiene.

Tra gli atleti che hanno militato nella pallanuoto maschile e femminile rapallese vi sono stati Marco Formentini e le campionesse mondiali olimpiche Francesca Cristiana Conti e Cinzia Ragusa.

Nel 1994 il Comitato Olimpico Nazionale Italiano ha conferito alla società la "Stella di Bronzo al Merito Sportivo" e negli anni 1995-1997-1998-1999-2004-2007 il titolo di "Società dell'anno" dalla locale sezione cittadina del Panathlon International.

La squadra di pallanuoto femminile ha militato, dopo la promozione nel 2006, conquistata con i playoff contro la squadra Serapo di Gaeta, nel campionato Serie A1. Nella stagione 2010-2011 la squadra femminile dopo aver battuto la società sportiva olandese della Fysius Het Ravijn ha conquistato la Coppa LEN femminile, il primo titolo nella sua storia e il settimo titolo per l'Italia dal 1999[1].

Nell'estate del 2011 viene ufficializzato il passaggio della stessa squadra nelle file della Pro Recco diventandone, di fatto, la nuova "rosa" della società recchelina. Il "trasferimento" dell'ex società rapallese a Recco è durato però soltanto un campionato in quanto, nell'estate del 2012, a seguito delle dimissioni alla presidenza recchelina di Gabriele Volpi e famiglia, la squadra e il titolo femminile sono ritornate a Rapallo.

L'11 agosto 2012 viene quindi rifondata la società rapallese di pallanuoto - con il nome di Rapallo Pallanuoto[2] - erede della storica Rapallo Nuoto e continuativa della seppur breve parentesi della Pro Recco femminile. Militante nel campionato di Serie A1, la nuova presidenza è presieduta da Enrico Antonucci e Mario Sinatra nel ruolo di allenatore e collaboratore. Nella stagione 2012-2013 la squadra femminile è Campione d'Italia, il primo titolo nella sua storia[3].

Il settore maschile della società, dopo anni di militanza nei campionati di Serie B, con la vittoria sul Bergamo Alta si aggiudica nel giugno 2013 la promozione in Serie A2[4].

Nell'agosto 2014 la formazione Under 19 della Rapallo Pallanuoto è Campione d'Italia dopo una finale vittoriosa contro la SIS Roma[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2012-13
2013-14

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2010-11

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'ASD Rapallo Nuoto (femminile)-Rapallo Pallanuoto
  • 2003-04 - 2˚ posto in Serie A2
  • 2004-05 - 2˚ posto in Serie A2
  • 2005-06 - 1˚ posto in Serie A2
  • 2006-07 - 6˚ posto in Serie A1
  • 2007-08 - 7˚ posto in Serie A1
  • 2008-09 - 10˚ posto in Serie A1
  • 2009-10 - 6˚ posto in Serie A1

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Giocatore
Italia P Federica Lavi
Italia P Giulia Bacigalupo
Italia P Alessia Gaetti
Italia D Carolina Marcialis
Italia D Marilena Sessarego
Italia D Alessia Antonini
Italia D Dorotea Giavina
Italia A Nicole Zanetta
Italia A Arianna Gragnolati
Ruolo Giocatore
Italia A Silvia Avegno
Paesi Bassi A Laura van der Graaf
Italia A Federica Tignonsini
Italia A Giulia Fiore
Italia A Giulia Cuzzupè
Italia CB Gaia Gagliardi
Paesi Bassi CB Amarence Doutsen Genee
Italia CV Margherita D'Amico
Allenatore: Italia Luca Antonucci

Giocatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Pallanuotisti della Rapallo Pallanuoto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coppa Len: Trionfa il Rapallo[collegamento interrotto], federnuoto.it. URL consultato il 19 maggio 2013.
  2. ^ Pallanuoto A1, ok la prima per le ragazze del Rapallo, piazzacavour.it. URL consultato il 19 maggio 2013.
  3. ^ Pallanuoto: A1 donne, Rapallo campione d'Italia, agi.it. URL consultato il 19 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  4. ^ Pallanuoto: Rapallo promosso in serie A2 maschile, levantenews.it. URL consultato il 10 luglio 2013.
  5. ^ Finali U19 fem. Rapallo campione d'Italia, federnuoto.it. URL consultato l'11 agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]