Associazione Calcio Pavia 1955-1956

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Pavia.

Associazione Calcio Pavia
Stagione 1955-1956
AllenatoreItalia Gipo Poggi
PresidenteItalia Pietro Fortunati
Serie C15° - vince spareggio
Maggiori presenzeCampionato: Cuzzoni, Resta (34)
Miglior marcatoreCampionato: Sospetti (10)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Calcio Pavia nelle competizioni ufficiali della stagione 1955-1956

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1955-1956 il Pavia ha disputato il campionato di Serie C, un torneo a girone unico con 18 squadre che prevedeva due promozioni e quattro retrocessioni. Con 31 punti in classifica si è piazzato in quindicesima posizione di classifica, retrocedendo in IVª Serie con il BPD Colleferro, con l'Empoli ed il Piombino. Il torneo ha promosso in Serie B Sambenedettese e Venezia, prime con 44 punti. Per un illecito sportivo, in piena estate il Piacenza viene retrocesso d'ufficio, il Pavia disputa così uno spareggio con il Colleferro, il 1º settembre 1956 batte i laziali (1-0) e salva la categoria.

Dovendo sempre fare i conti con le limitate risorse economiche il presidente Pietro Fortunati è costretto a lasciar partire molti giocatori della scorsa stagione, in panchina si riparte da Gipo Poggi, il portiere Carlo Baggini rientra dalla Sanremese, arrivano il mediano Emilio Lavezzari dalla Pro Patria, l'ala Sergio Sospetti dalla Portocivitanovese, l'interno Franco Govoni dal Modena e dal Brescia il trentaquatrenne centravanti, ex nazionale Renato Gei, più un giovane del vivaio pavese Enrico Muzzio che realizzerà nove reti. A metà novembre, dopo un tennistico (6-0) subito a San Benedetto del Tronto si dimette l'allenatore Gipo Poggi, al suo posto viene chiamato Gino Rossetto. La squadra naviga sempre nella bassa classifica, il 20 maggio dopo la vittoria (0-3) di Empoli la salvezza sembra conquistata, ma il pareggio interno (3-3) con il Piombino ultimo, e la sconfitta di Lecco, viene tutto rimandato ai novanta minuti dell'ultima giornata, basta un pareggio ai granata al Comunale contro la Mestrina, e invece arriva una sconfitta (0-2) che condanna il Pavia alla retrocessione. Circola voce di un illecito sportivo commesso dal Piacenza, prima dell'incontro di Piombino. Il Piacenza viene deferito per tentata corruzione del portiere dei toscani Barocelli, e si vede retrocesso all'ultimo posto, poi confermato dalla Corte d'Appello. Il Pavia deve giocare uno spareggio salvezza contro il BPD Colleferro a Firenze il 1º settembre. Sul campo che l'aveva visto protagonista di tante battaglie, Renato Gei è l'eroe della situazione, infatti con una splendida semirovesciata su centro di Sospetti, regala al Pavia che vince (1-0) una insperata salvezza della categoria.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Carlo Baggini
Italia A Giovanni Bodini
Italia A Giancarlo Colombini
Italia A Giovanni Cuzzoni
Italia C Gianfranco De Martini
Italia P Antonio Filé
Italia D Giovanni Foresi
Italia D Giovanni Gandini
Italia A Renato Gei
Italia C Franco Govoni
Italia D Luigi Guida
Italia C Emilio Lavezzari
N. Ruolo Giocatore
Italia D Paolo Marcora
Italia C Felice Mariani
Italia D Graziano Milanesi
Italia A Enrico Muzzio
Italia C Giampiero Pollini
Italia C Felice Resta
Italia A Vittorio Sarchi
Italia A Walter Scarpa
Italia A Sergio Sospetti
Italia D Giovanni Spertini
Italia A Piero Teggi
Italia C Rolando Vercesi

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie C 1955-1956.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Venezia
18 settembre 1955
1ª giornata
Venezia1 – 0PaviaStadio Pierluigi Penzo
Arbitro:  Bonetto (Torino)

Pavia
25 settembre 1955
2ª giornata
Pavia1 – 1VigevanoStadio Comunale
Arbitro:  Natalini (Bolzano)

Molfetta
2 ottobre 1955
3ª giornata
Molfetta1 – 1PaviaStadio Paolo Poli
Arbitro:  Adami (Roma)

Pavia
9 ottobre 1955
4ª giornata
Pavia1 – 1CremoneseStadio Comunale
Arbitro:  Maghernino (San Severo)

Colleferro
16 ottobre 1955
5ª giornata
BPD Colleferro0 – 0PaviaStadio Maurizio Natali
Arbitro:  Annoscia (Bari)

Pavia
23 ottobre 1955
6ª giornata
Pavia0 – 1CarbosardaStadio Comunale
Arbitro:  Baldassarre (Udine)

Sanremo
30 ottobre 1955
7ª giornata
Sanremese1 – 0PaviaStadio di Sanremo
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Pavia
6 novembre 1955
8ª giornata
Pavia1 – 0PratoStadio Comunale
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

San Benedetto del Tronto
13 novembre 1955
9ª giornata
Sambenedettese6 – 0PaviaStadio Fratelli Ballarin
Arbitro:  Annoscia (Bari)

Pavia
4 dicembre 1955
10ª giornata
Pavia0 – 0PiacenzaStadio Comunale
Arbitro:  Migliorini (Firenze)

Catanzaro
11 dicembre 1955
11ª giornata
Catanzaro2 – 0PaviaStadio Militare
Arbitro:  De Robbio (Torre Annunziata)

Siracusa
25 dicembre 1955
12ª giornata[1]
Siracusa0 – 2PaviaStadio Vittorio Emanuele III
Arbitro:  Grillo (Napoli)

Pavia
1º gennaio 1956
13ª giornata
Pavia3 – 1TrevisoStadio Comunale
Arbitro:  Clemente (Roma)

Pavia
8 gennaio 1956
14ª giornata[2]
Pavia0 – 0EmpoliStadio Comunale
Arbitro:  Annoscia (Bari)

Piombino
15 gennaio 1956
15ª giornata
Piombino1 – 1PaviaStadio Magona d'Italia
Arbitro:  Smorto (Reggio Calabria)

Pavia
22 gennaio 1956
16ª giornata
Pavia1 – 1LeccoStadio Comunale
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Mestre
29 gennaio 1956
17ª giornata
Mestrina1 – 0PaviaStadio Francesco Baracca
Arbitro:  Canepa (Genova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Pavia
5 febbraio 1956
18ª giornata
Pavia1 – 1VeneziaStadio Comunale
Arbitro:  Smorto (Reggio Calabria)

Vigevano
19 febbraio 1956
19ª giornata
Vigevano4 – 1PaviaStadio Dante Merlo
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Pavia
26 febbraio 1956
20ª giornata
Pavia2 – 0MolfettaStadio Comunale
Arbitro:  Alterio (Roma)

Cremona
4 marzo 1956
21ª giornata
Cremonese3 – 3PaviaStadio Giovanni Zini
Arbitro:  Famulari (Messina)

Pavia
11 marzo 1956
22ª giornata
Pavia2 – 1BPD ColleferroStadio Comunale
Arbitro:  Ubezio (Novara)

Carbonia
18 marzo 1956
23ª giornata
Carbosarda5 – 1PaviaStadio Comunale
Arbitro:  Clemente (Roma)

Pavia
25 marzo 1956
24ª giornata
Pavia2 – 0SanremeseStadio Comunale
Arbitro:  Bartolomei (Roma)

Prato
1º aprile 1956
25ª giornata
Prato0 – 0PaviaStadio Lungobisenzio
Arbitro:  Basciu (Genova)

Pavia
8 aprile 1956
26ª giornata
Pavia1 – 1SambenedetteseStadio Comunale
Arbitro:  Canepa (Genova)

Piacenza
15 aprile 1956
27ª giornata
Piacenza3 – 3PaviaBarriera Genova
Arbitro:  Angelini (Firenze)

Pavia
29 aprile 1956
28ª giornata
Pavia1 – 0CatanzaroStadio Comunale
Arbitro:  Basciu (Genova)

Pavia
6 maggio 1956
29ª giornata
Pavia1 – 1SiracusaStadio Comunale
Arbitro:  Ubezio (Novara)

Treviso
13 maggio 1956
30ª giornata
Treviso2 – 1PaviaStadio Omobono Tenni
Arbitro:  Marchese (Napoli)

Empoli
20 maggio 1956
31ª giornata
Empoli0 – 3PaviaStadio Carlo Castellani
Arbitro:  Campagna (Palermo)

Pavia
27 maggio 1956
32ª giornata
Pavia3 – 3PiombinoStadio Comunale
Arbitro:  Basciu (Genova)

Lecco
3 giugno 1956
33ª giornata
Lecco3 – 2PaviaStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Ferrari (Milano)

Pavia
10 giugno 1956
34ª giornata
Pavia0 – 2MestrinaStadio Comunale
Arbitro:  Corallo (Lecce)

Spareggio salvezza[modifica | modifica wikitesto]

Firenze
1º settembre 1956
Spareggio salvezza[3]
Pavia1 – 0BPD ColleferroStadio Comunale
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Partita anticipata il 18 dicembre 1955.
  2. ^ Partita anticipata il 7 gennaio 1956.
  3. ^ Disputata sul campo neutro di Firenze.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Bottazzini e Carlo Fontanelli, Il calcio a Pavia - 1911-2011 - Un secolo di emozioni, Empoli, GEO Edizioni, 2011, pp. 166-171.
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio