Associazione Calcio Libertas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AC Libertas
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Granata.png Granata-bianco
Simboli le tre torri
Dati societari
Città Borgo Maggiore
Paese San Marino San Marino
Confederazione UEFA
Federazione Flag of San Marino.svg FSGC
Campionato Campionato Dilettanti
Fondazione 1928
Presidente San Marino Massimo Ghiotti
Allenatore San Marino Michele Ceccoli
Stadio Campo sportivo di Borgo Maggiore
(1000 posti)
Sito web www.polisportivalibertas.com
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato sammarinese
Trofei nazionali 11 Coppe Titano
4 Supercoppa di San Marino
Trofei nazionali 11 Coppe Titano
4 Supercoppa di San Marino
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Libertas è una società polisportiva sammarinese, con sede a Borgo Maggiore. Si tratta della più antica associazione sportiva della repubblica, essendo stata fondata il 4 settembre 1928.

Il club gioca nel Campionato Dilettanti, utilizza come campo casalingo il Campo sportivo di Borgo Maggiore ed i suoi colori sociali sono il granata ed il bianco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Libertas fu la prima squadra a laurearsi campione nazionale, vincendo l'edizione 1937 della Coppa Titano con tre punti di vantaggio sulla Castellana[1]. Fino al 1961 il club si aggiudicherà tutte le edizioni del torneo disputatesi.

Dopo l'interruzione delle attività causata dalla seconda guerra mondiale, nel 1945 la Libertas viene riorganizzata, tentando poi inutilmente di iscriversi al campionato italiano di Prima Categoria: il CONI motiverà la bocciatura dei sammarinesi con l'inadeguatezza del terreno di gioco, il vetusto campo "Sotto il Monte"[1].

Nel 1982 la Libertas è la prima società calcistica della repubblica insignita di Medaglia d'oro al valore atletico e sportivo, onorificenza concessa in occasione dei cinquant'anni di attività[2].

Dopo un lungo periodo di insuccessi, il tecnico che riporta al trionfo i granata è Pier Luigi Parenti, già segretario federale[2], con cui la Libertas si aggiudica la Coppa Titano 1987. Nel 1995-1996 i granata si aggiudicano il Campionato Dilettanti per la prima volta nella loro storia, nonché l'unica. Sempre nel 1996 arriva la terza vittoria nel Trofeo Federale, ultimo successo prima di un decennio di piazzamenti.

Nel 2006 il club si è aggiudicato la Coppa Titano per la decima volta nella sua storia. In seguito alla vittoria dell'edizione 2013-2014, la Libertas raggiunge quota 11 titoli e si qualifica, per il terzo anno consecutivo, all'Europa League.

Rosa 2012-2013[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 San Marino P Aldo Simoncini
3 San Marino D Andrea Benvenuti
4 Italia C Cristian De Marco
5 Italia C Gian Luca Morelli
6 San Marino D Davide Simoncini
7 San Marino A Daniele Ferrara
8 Italia C Mirco Petrilli
9 Italia A Marco Fantini
10 San Marino C Filippo Antonelli
11 San Marino A Nicoló Zennaro
12 San Marino P Massimo Francioni
13 San Marino A Simone Santarini
14 San Marino C Gabriele Semprini
N. Ruolo Giocatore
15 San Marino C Fabio Francini
17 San Marino D Massimo Vagnetti
18 San Marino C Lorenzo Guiggiani
19 San Marino C Nicola Polidori
20 San Marino D Manuel Simoncini
23 San Marino D Massimo Mancino
27 San Marino D Luca Cavalca
29 Italia D Alessandro Mastronicola
32 San Marino C Luigi Rocco
73 San Marino P Michele Ceccoli
78 San Marino A Marco De Luigi
90 San Marino C Alberto Stinziani

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa Titano: 11

1937, 1950, 1954, 1958, 1959, 1961, 1987, 1989, 1991, 2006, 2013-2014

Supercoppa di San Marino: 4

1989, 1992, 1996, 2014

Campionato sammarinese: 1

1995-1996

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

1982

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia, polisportivalibertas.com. URL consultato il 2 luglio 2014.
  2. ^ a b FSGC - Libertas, fsgc.sm. URL consultato il 2 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]