Associazione Calcio Femminile Dilettantistica Tradate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.C.F.D. Tradate
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical HEX-1F4169 HEX-FFDE15.svg Blu, giallo
Dati societari
Città Tradate
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1987
Scioglimento2017
Presidente Italia Savina Pasciuti
Stadio Campo Sportivo "C.M. Uslenghi" – Via Europa, Tradate
( posti)
Sito web www.acftradate.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Femminile Dilettantistica Tradate è stata una società calcistica italiana con sede nella città di Tradate (VA). Ha partecipato per tre stagioni consecutive al campionato di Serie A, massima serie del campionato italiano di calcio femminile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata all'indomani dell'ingresso del calcio femminile in ambito FIGC, il Tradate trova motivazioni e compartecipazione in una città da sempre abituata alla squadra maschile mai uscita dal calcio dilettantistico lombardo.

La squadra è retta fin dalla sua creazione da Savina Pasciuti e Franca Oman e da tutti coloro l'hanno sostenuta appassionatamente facendola crescere progressivamente.

La promozione in Serie B fu proprio il risultato della crescita del gruppo di giovani ragazze che meritavano il salto nelle categorie nazionali.

Ancor più notevole il successo ottenuto alla fine della stagione 1998-1999 aggiudicandosi l'ingresso alle finali vincendo il girone A sul filo di lana davanti alla torinese CaprieVillarAlmese, per poi superare ai play-off il Foroni battendolo in casa 3-1 pareggiando poi 0-0 la gara esterna a Verona.

Per questa provinciale si spalancavano le porte alla massima serie nazionale, un impegno notevole sia dal punto dell'organico che dal punto di vista finanziario malgrado sempre sostenuta da uno sponsor e dai simpatizzanti che avrebbero voluto fossero rimaste più a lungo in Serie A.

Scesa nella categoria inferiore, ridenominata nel 2002 Serie A2 ha disputato dei bei ed onorevoli campionati contendendo alle altre partecipanti il ritorno in Serie A mancato in due occasioni.

È stata forse la crisi generale a portare la società a dover rinunciare alla partecipazione al campionato di Serie B nel 2015, ma fu la presidentessa Pasciuti, nel riconfermare il proprio impegno nel promuovere il calcio tra le giovani calciatrici, a voler continuare a disputare i campionati partendo dalle categorie giovanili lombarde.

Nell'estate 2017 la società ha dichiarato la propria inattività[1].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'A.C.F.D. Tradate Abbiate
  • 1987 - Nasce l'A.C.F. Tradate Abbiate. La squadra è scritta al campionato di Serie D organizzato dal Comitato Regionale Lombardo.
  • 1987-1988 - 7º nel girone B della Serie D lombarda.
  • 1988-1989 - 1º nel girone unico della Serie D lombarda. Promosso in Serie C lombarda.
  • 1989-1990 - 13º nel girone unico della Serie C lombarda.
  • 1990-1991 - 11º nel girone unico della Serie C lombarda.
  • 1991-1992 - 3º nel girone unico della Serie C lombarda.
  • 1992-1993 - 3º nel girone unico della Serie C lombarda[2].
  • 1993-1994 - 2º nel girone unico della Serie Regionale lombarda. Cambia denominazione in F.C.F. Tradate Abbiate.
  • 1994-1995 - 1º nel girone unico della Serie Regionale lombarda, è ammesso alle finali nazionali per la promozione in Serie B. Perde il 1º turno di spareggi contro il Trento (0-2 fuori e 3-1 in casa).
  • 1995-1996 - 1º nel girone unico della Serie Regionale lombarda, promosso in Serie B dopo gli spareggi nazionali.
  • 1996-1997 - 4º nel girone A della Serie B.
  • 1997-1998 - 8º nel girone A della Serie B.
  • 1998-1999 - 1º nel girone A della Serie B. Promosso in Serie A.
  • 1999-2000 - 13º in Serie A.
  • 2000-2001 - 16º in Serie A. Retrocesso in Serie B.
  • 2001-2002 - 3º nel girone A della Serie B. Ammesso alla nuova Serie A2.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.C.F.D. Tradate

Calciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatrici dell'A.C.F.D. Tradate

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1998-1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicato Ufficiale nº2 del 13/07/2017 del Comitato Regionale Lombardia, su www2.lnd.it, 13 luglio 2017. URL consultato il 24 marzo 2018.
  2. ^ Il C.R. Lombardo cambia il nome al campionato: diventa "Serie Regionale"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 1998-99, Fornacette (PI), Mariposa S.r.l., dicembre 1998, p. 129, presentazione della squadra che partecipa al campionato di Serie B 1998-1999.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 1999-2000, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., novembre 1999, p. 103, presentazione della squadra che partecipa al campionato di Serie A 1999-2000.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 2000-01, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., dicembre 2000, pp. 105, presenze e reti del Tradate Abbiate della stagione 1999-2000 e 123, presentazione della squadra che partecipa al campionato di Serie A 2000-2001.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 2001/2002, Ospedaletto (PI), Etruria Football Club - Off Set Grafica, febbraio 2002, pp. 93 presenze e reti del Tradate Abbiate della stagione 2000-2001 e 165 presentazione della squadra che partecipa al campionato di Serie B 2001-2002.
  • Luca Barboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 2002/2003, Ospedaletto (PI), Etruria Football Club - Off Set Grafica, luglio 2003, pp. 167 presenze e reti del Tradate Abbiate della stagione 2001-2002, 116 presentazione della squadra che partecipa al campionato di Serie A2 2001-2002.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]