Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico Carpenedolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Associazione Calcio Carpenedolo)
Jump to navigation Jump to search
ASD Atletico Carpenedolo
Calcio Football pictogram.svg
Rossoneri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali borders Rosso, nero
Dati societari
Città Carpenedolo
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Prima Categoria
Fondazione 1957
Rifondazione2012
Presidente Italia Innocente Marcolini
Allenatore Italia Fabio Esposito
Stadio Mundial '82
(3 000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico Carpenedolo, meglio nota come Atletico Carpenedolo o semplicemente Carpenedolo, è una società calcistica italiana con sede a Carpenedolo, in provincia di Brescia.

Fondata nel 1957, ha raggiunto come massimo livello la Serie C2, categoria in cui ha militato per sei stagioni, ove il miglior risultato conseguito è stato un secondo posto.

Nel 2012 trasferisce il proprio titolo sportivo a Montichiari e viene fondata una nuova società, l'Atletico Carpenedolo che raccoglie l'eredità sportiva del precedente sodalizio.

Attualmente milita nel girone H di Prima Categoria Lombardia, terzo livello calcistico regionale italiano.

I colori sociali sono il rosso e il nero. Disputata le partite di casa allo stadio stadio Mundial '82.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalle origini alla Serie D[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1957 viene fondata l' Unione Sportiva Carpenedolo che cambiò nome in Unione Sportiva Bober Carpenedolo nel 1959, per poi tornare alla denominazione originaria nel 1960. Nel 1965 la squadra assunse infine la denominazione di Associazione Calcio Carpenedolo e nel 1974 raggiunse la Promozione e vi militò fino al 1983.

Successivamente la squadra retrocesse fino ad arrivare in Terza Categoria, ma dalla stagione 1996-1997 il Carpenedolo iniziò una scalata che lo portò a vincere quattro campionati consecutivi così da raggiungere l'Eccllenza nel 2000. Nella stagione 2002-2003 dopo aver terminato il proprio campionato al secondo posto e aver vinto i play-off regionali e nazionali la squadra bresciana conquistò la promozione in Serie D.

La Serie C2[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 i bresciani ottennero la promozione in Serie C2 in seguito ad un campionato vinto con 68 punti in serie D. I rossoneri sfiorarono lo storico colpaccio della promozione in C1 nel campionato 2005-2006, dove la squadra venne allestita per puntare al salto di categoria. L'undici allenato da Gianluca Gaudenzi (subentrato a Mauro Melotti), raggiunse la finale play-off contro l'Ivrea, ma perse la possibilità del salto di categoria sul campo dei piemontesi dopo essere anche passato in vantaggio (1-1 il risultato finale).

Nella stagione sportiva 2008-2009 della Lega Pro Seconda Divisione, il Carpenedolo si è classificato al 13º posto, candidandosi per il play-out di categoria. Il 7 giugno 2009 conquistò la salvezza battendo, nella doppia sfida dei play-out di categoria, il Montichiari, avversaria storica. Il 3 luglio 2009 la società ufficializzò l'avvicendamento sulla panchina della squadra per la stagione 2009-2010, tra Mauro Melotti e Francesco Zanoncelli[1].

Nel maggio 2010 la formazione rossonera, dopo sei anni nel calcio professionistico, retrocesse in Serie D, categoria nella quale militò nella stagione 2010-2011, inserita nel girone D. Tale stagione fu travagliata per i rossoneri che giunsero in zona play-out; negli "spareggi salvezza" contro il Ponsacco la squadra bresciana perse sia l'andata che il ritorno, retrocedendo così in Eccellenza Lombardia[2].

Il ritorno in Serie D e il trasferimento a Montichiari[modifica | modifica wikitesto]

Tornato in serie D, al termine della stagione 2010-2011 retrocede in Eccellenza dopo aver perso i play-out ma viene ripescato in Serie D per la stagione 2011-2012. Ottenuta la salvezza ai play-out contro il Darfo Boario, trasferì la sede nella vicina Montichiari (la cui squadra, il Montichiari, non si è più iscritta in Lega Pro) cambiando i colori sociali in rosso e blu e formando così il nuovo Football Club Atletico Montichiari.

La rifondazione[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al trasferimento, una nuova compagine ne acquista loghi e tradizione sportiva e sotto il nome di Atletico Carpenedolo riparte dal settore giovanile.

Dopo aver svolto per tre anni attività a livello giovanile nel 2015 la squadra si iscrive in Terza Categoria bresciana e nel 2018 dopo aver vinto i play-off viene promosso in Seconda Categoria. La stagione 2018-2019 viene chiusa con un quarto posto e l'Atletico Carpenedolo è ripescato in Prima Categoria.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico Carpenedolo
  • 1957 - Fondazione dell'Unione Sportiva Carpenedolo.
  • 1957-1958 - 3º in Seconda Divisione Lombardia.
  • 1958-1959 - 2º in Seconda Divisione Lombardia. Ammesso in Seconda Categoria.
  • 1959 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Bober Carpenedolo.
  • 1959-1960 - 10º in Seconda Categoria Lombardia.

  • 1960 - Cambia denominazione in Unione Sportiva Carpenedolo.
  • 1960-1961 - 1º in Terza Categoria Brescia. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1961-1962 - 6º in Seconda Categoria Lombardia.
  • 1962-1964 - Attività a livello giovanile.
  • 1964-1965 - 3º in Terza Categoria Brescia.
  • 1965 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Carpenedolo.
  • 1965-1966 - Attività a livello giovanile.
  • 1966-1967 - 5º in Terza Categoria Brescia.
  • 1967-1968 - 2º in Terza Categoria Brescia. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1968-1969 - 7º in Seconda Categoria Lombardia.
  • 1969-1970 - 10º in Seconda Categoria Lombardia.

  • 1970-1971 - 3º in Seconda Categoria Lombardia.
  • 1971-1972 - 2º in Seconda Categoria Lombardia. Promosso in Prima Categoria.
  • 1972-1973 - 2º in Prima Categoria. Promosso in Promozione.
  • 1974-1975 - 9º nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1975-1976 - 7º nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1976-1977 - 3º in Promozione Lombardia.
  • 1977-1978 - 4º in Promozione Lombardia.
  • 1978-1979 - 14º in Promozione Lombardia. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1979-1980 - 1º in Prima Categoria Lombardia. Promosso in Promozione.

  • 1980-1981 - 11º nel girone C di Promozione Lombardia.
  • 1981-1982 - 8º nel girone C di Promozione Lombardia.
  • 1982-1983 - 15º nel girone C della Promozione Lombardia. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1983-1984 - 8º in Prima Categoria.
  • 1984-1985 - 16º in Prima Categoria Lombardia. Retrocesso in Seconda Categoria.
  • 1985-1986 - 16º in Seconda Categoria Lombardia. Retrocesso in Terza Categoria.
  • 1986-1987 - 2º in Terza Categoria Brescia. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1987-1988 - 15º in Seconda Categoria Lombardia. Retrocesso in Terza Categoria.
  • 1988-1989 - 1º in Terza Categoria Brescia. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1989-1990 - 16º in Seconda Categoria Lombardia. Retrocesso in Terza Categoria.

  • 1990-1991 - 7º in Terza Categoria Brescia.
  • 1991-1992 - 5º in Terza Categoria Brescia.
  • 1992-1993 - 11º in Terza Categoria.
  • 1993-1994 - 15º in Terza Categoria Brescia.
  • 1994-1995 - 7º in Terza Categoria Brescia.
  • 1995-1996 - 5º in Terza Categoria Brescia.
  • 1996-1997 - 1º in Terza Categoria Brescia. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1997-1998 - 1º in Seconda Categoria Lombardia. Promosso in Prima Categoria.
  • 1998-1999 - 1º in Prima Categoria Lombardia. Promosso in Promozione.
  • 1999-2000 - 1º nel girone F della Promozione Lombardia. Promosso in Eccellenza.

  • 2000-2001 - 4º nel girone C dell'Eccellenza Lombardia.
  • 2001-2002 - 3º nel girone C dell'Eccellenza Lombardia.
  • 2002-2003 - 2º nel girone C dell'Eccellenza Lombardia. Promosso in Serie D dopo aver vinto i play-off nazionali.
  • 2003-2004 - 1º nel girone B della Serie D. Promosso in Serie C2.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Turno preliminare di Poule Scudetto.
  • 2004 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Carpenedolo S.r.l..
  • 2004-2005 - 9º nel girone A della Serie C2.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Lega Pro.

  • 2010-2011 - 15º nel girone D della Serie D. Retrocesso dopo aver perso i play-out e successivamente ripescato.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2011-2012 - 17º nel girone B della Serie D. Salvo dopo aver vinto i play-out.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2012 - La società si trasferisce a Montichari e cambia denominazione in Football Club Atletico Montichiari. Nel frattempo viene fondata l'Associazione Sportiva Dilettantistica Atletico Carpenedolo.
  • 2012-2015 - Attività a livello giovanile.
  • 2015-2016 - 15º nel girone C della Terza Categoria Brescia.
  • 2016-2017 - 6º nel girone C della Terza Categoria Brescia.
  • 2017-2018 - 2º nel girone C della Terza Categoria Brescia. Promosso in Seconda Categoria dopo aver vinto i play-off.
  • 2018-2019 - 4º nel girone E della Seconda Categoria Lombardia. Ripescato in Prima Categoria.
  • 2019-2020 - nel girone H della Prima Categoria Lombardia.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali del club sono il rosso e il nero.

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma dell'Atletico Carpenedolo è uno scudo rosso contenente una fascia nera verticale ed un'altra orizzontale, all'interno delle quali è presente il nome della squadra. Nella parte destra dello stemma si trova la sigla ASD e in quella sinistra lo stemma comunale che contiene un albero.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Mundial '82.

L'Atletico Carpenedolo disputa le partite di casa allo stadio Mundial '82, costruito nel 1982. È dotato di 3 000 posti a sedere, di una copertura e un terreno in erba largo 105x65 m.

Società[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1998-2012 La Leonessa
  • 2015-2018 Yokohama, TVZ
  • 2018- Yokohama, TVZ, Pastori

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.C. Carpenedolo
Allenatori
  • 1957-1958 Italia Giovanni Mazza
  • 1958-1959 Italia Francesco Bologna
  • 1959-1962 Italia Giovanni Mazza
  • 1962-1963 Italia Luigi Dal Fior
  • 1963-1964 Italia Enrico Pesci
  • 1964-1965 Italia Andrea Ferlinghetti
  • 1965-1966 Italia Enrico Pesci
    Italia Desiderati
  • 1966-1968 Italia Giovanni Mazza
  • 1968-1971 Italia Romano Di Bari
  • 1971-1975 Italia Giovanni Mazza
  • 1975-1977 Italia Franco Serini
  • 1977-1979 Italia Mario Lodetti
  • 1979-1981 Italia Giovanni Mazza
  • 1981-1982 Italia Luciano Cappello
    Italia Luigi Bettari
  • 1982-1983 Italia Gerardo Bettari e Italia Tiziano Tosoni
    Italia Mario Coffani
  • 1983-1984 Italia Mario Coffani
  • 1984-1985 Italia Angelo Pedrazzini
  • 1985-1986 Italia Walter Padovani
    Italia Tiziano Tosoni
  • 1986-1987 Italia Gerardo Bettari
  • 1987-1988 Italia Piero Rozzini
    Italia Gerardo Bettari
    Italia Piero Rozzini
  • 1988-1989 Italia Nino Virgilio Comini
  • 1989-1990 Italia Giuseppe Comini
    Italia Mario Lodetti
  • 1990-1991 Italia Mario Lodetti
  • 1991-1992 Italia Roberto Fogliata
  • 1992-1993 Italia Daniele Ruffini
    Italia Aldo Bresciani
  • 1993-1994 Italia Franco Ravera
  • 1994-1995 Italia Bruno Malacrida
  • 1995-1996 Italia Malacrida
    Italia Daniele Ruffini
  • 1996-1997 Italia Sergio Tommasi
    Italia Tiziano Zilioli

1997-1998 Italia Federico Frigerio

Presidenti
  • 1957-1958 Italia Giuseppe Manni
  • 1958-1959 Italia Adelelmo Papotti
  • 1959-1960 Italia Luciano Chiarini
  • 1960-1962 Italia Cesare Vernizzi
  • 1962-1963 Italia Zonta
    Italia Bologna
  • 1963-1964 Italia Pietro Rossini
  • 1964-1965 Italia Giuseppe Fogliata
  • 1965-1966 Italia Adelelmo Bellandi
  • 1966-1971 Italia Angelo Magri
  • 1971-1973 Italia Enrico Azzi
  • 1974-1975 Italia Luciano Baratti
  • 1975-1982 Italia Luciano Baratti
  • 1982-1984 Italia Francesco Bologna
  • 1984-1995 Italia Giuseppe Fogliata
  • 1995-2004 Italia Francesco Malpezzi
  • 2004-2007 Italia Tommaso Ghirardi
  • 2007-2008 Italia Francesco Ferraris
  • 2008-2012 Italia Maurizio Viola
  • 2012- Italia Innocente Marcolini

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.C. Carpenedolo

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

2003-2004 (girone B)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1999-2000 (girone F)
1979-1980, 1998-1999
1997-1998
1960-1961, 1988-1989, 1996-1997

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 2007-2008 (girone A)
Secondo posto: 2002-2003 (girone C)
Terzo posto: 1976-1977 (girone B)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Lega Pro Seconda Divisione 2 2008-2009 2009-2010 6
Serie C2 4 2004-2005 2007-2008
Serie D 3 2003-2004 2011-2012 3

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Il Carpenedolo ha un ridotto seguito di tifosi e i principali gruppi di ultras sono le Teste Balorde e gli Ultras Carpenedolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zanoncelli è il nuovo allenatore [collegamento interrotto], su accarpenedolo.it.
  2. ^ Salvo il Ponsacco, retrocedono Sestese e Montevarchi. Archiviato il 23 marzo 2014 in Internet Archive. Radio Bruno Toscana

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]