Assedio di Villa di Chiesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Assedio di Villa di Chiesa
parte Guerre combattute dal Regno di Sardegna per l'unificazione dell'Isola
Mura Iglesias.png
Mura medioevali di Iglesias
Datagiugno/luglio 1323 - 7 febbraio 1324
LuogoIglesias
EsitoResa di Villa di Chiesa
Schieramenti
Comandanti
Alfonso IV di Aragona,
Ugone II di Arborea
Vico Ronselmini,
Iacopo da Settimo
Effettivi
~ 20.000~ 2.000
Voci di battaglie presenti su Wikipedia
L'assedio di Villa di Chiesa nelle cronache di Ramon Muntaner

«[...]Il signor infante pose l’assedio a Villa di Chiesa, li faceva combattere [i difensori] tutti i giorni, e bersagliava con trabucchi; e li assediò in tal modo, che ebbero un gran numero di sventure e tante privazioni, che certamente non sapevano che cosa fare. Allo stesso tempo il signor infante e tutta la sua armata patirono tante malattie, che la maggior parte di tutta la sua gente vi morì di malattia; ed egli stesso vi fu molto malato, che sicuramente sarebbe stato in grave pericolo di morte se non fosse stato per la grande premura che madonna l’infanta gli dedicò; per questo dobbiamo tutti essere grati per la sua vita a Dio e a lei. Allo stesso tempo, il signor infante, sebbene malato, mai si lasciò allontanare dall’assedio né da medico né da nessun altro, anzi, molte volte,con la febbre addosso, si armava e si accingeva a combattere. E così per i suoi grandi sforzi e la sua buona cavalleria costrinse la villa a questo punto: che si arresero a lui, cosicché il signor infante e madonna l’infanta e tutta l’armata entrarono nella città di Villa di Chiesa, e vi lasciarono molti dei nostri, e vi lasciarono coloro che al signor infante parve che fossero più adatti.»

L'assedio di Villa di Chiesa (oggi Iglesias) fu portato avanti dall'esercito catalano-aragonese, al comando del ventiquattrenne Alfonso IV di Aragona, e dai loro alleati arborensi tra l'estate del 1323 e l'inverno del 1324. Rappresenta il primo atto della conquista aragonese dei territori sardi in mano alla Repubblica di Pisa per la creazione del Regno di Sardegna[1].

Premesse e svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Gli aragonesi iniziarono a documentarsi su Villa di Chiesa già nel 1308 quando un dossier fu compilato e consegnato al re Giacomo II d'Aragona. Nel carteggio veniva svelato che la città sardo-pisana era protetta da alte mura a forma poligonale e da venti torri merlate[2].

Nella primavera del 1323 Giacomo II e Ugone II di Arborea strinsero un'alleanza in chiave anti-pisana. Ugone divenne vassallo del re di Aragona e di Sardegna in cambio del mantenimento dei diritti dinastici sulle terre del giudicato di Arborea[3].

Partenza[modifica | modifica wikitesto]

La flotta aragonese, composta da 300 navi che trasportavano 1000 cavalieri, 10.000 fanti e diverse macchine d'assedio, partì, al comando dell'ammiraglio Francesco Carroz, da Portfangós, Catalogna, il 31 maggio del 1323. Durante il tragitto verso la Sardegna compì una sosta intermedia nelle Baleari, a Mahón[4].

Lo sbarco del 1323[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito aragonese sbarcò presso la spiaggia di Palma di Sulci (Sulcis, agro di San Giovanni Suergiu) il 13 giugno 1323[1] dove fu ricevuto dagli arborensi che nel frattempo avevano già iniziato le ostilità contro i pisani. Da qui l'esercito iberico, guidato dall'infante Alfonso (accompagnato dalla sposa, l'infanta Teresa di Entenza), si diresse verso nord ove era situata la città mineraria di Villa di Chiesa, sorta per iniziativa del conte Ugolino della Gherardesca alcuni decenni prima e al momento sotto il controllo del comune di Pisa.

Intanto, la cattura, da parte dell'arborense Pietro de Serra, di un corriere nemico, tale Guiccio, originario di Fabriano, permise alla coalizione sardo-aragonese di acquisire ulteriori informazioni sulla città che si apprestavano ad assediare tra cui il nome dei due capitani di guerra: Vico Ronselmini e Iacopo da Settimo, coadiuvati da cinque conestabili: Vero di Citona, Ciocolo d'Arimino, Mafolo di Città Castello, Pietro Rustici di San Miniato e Corrado Teutonico[5].

L'assedio[modifica | modifica wikitesto]

L'assedio fu lanciato fra giugno e luglio del 1323. Le forze numeriche in campo erano in netto favore agli aragonesi-arborensi, il cui accampamento principale era situato presso la chiesa di Nostra Signora di Valverde, che potevano contare su circa 20.000 uomini mentre Villa di Chiesa, stando a quanto riferito da Guiccio[5], disponeva per la sua difesa di 250 cavalli, 1000 soldati, tra cui 128 balestrieri, e 600 "terrazzani", oltreché di possenti mura difensive.[2]

Il caldo-umido e le epidemie di malaria, favorite anche dalle scarse condizioni igieniche, decimarono ben presto entrambi gli schieramenti, tanto che le vittime furono circa 12.000.[2]

Per mesi i balestrieri di Villa di Chiesa inflissero pesanti perdite all'esercito assediante che non riuscì a penetrare entro le mura. Gli aragonesi subirono inoltre numerose defezioni; in tanti infatti, vista la non prevista lunga durata della guerra, tornarono in terra iberica ben prima della fine delle operazioni militari[6].

L'alleanza aragonese-arborense per espugnare la città decise di tagliarle ogni forma di approvvigionamento, così da costringere i difensori alla resa per logoramento.

[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 gennaio fu stipulato un accordo fra gli assedianti e gli assediati. Questo accordo prevedeva che se entro un mese non fossero giunti alla città aiuti da Pisa la città si sarebbe arresa. Agli assediati veniva data la possibilità, qualora avessero voluto, di andarsene con tutti i loro averi o di restare, come vassalli d'Aragona, conservando anche in questo caso, i loro averi e possedimenti.

Tuttavia la città non riuscì a resistere un intero mese e si arrese per fame e malattia alle truppe catalano-aragonesi il 7 febbraio 1324 dopo otto mesi di assedio. All'entrata delle truppe iberiche in città ogni cosa di commestibile era stato consumato, stando ai resoconti, gli assediati si nutrirono persino di topi, gatti, cani e uccelli prima di capitolare[2].

Gli aragonesi proseguirono la loro marcia verso Castel di Castro (Cagliari), sconfiggendo nuovamente i pisani nella battaglia di Lucocisterna il 29 febbraio dello stesso anno[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Francesco Cesare Casula, p.303
  2. ^ a b c d Barbara Fois, (Adattamento basato su:Barbara Fois, Le mura Pisane a Iglesias), Iglesias, le fortificazioni medioevali (PDF) [collegamento interrotto], su www.comune.iglesias.ca.it. URL consultato il 13 giugno 2011.
  3. ^ Francesco Cesare Casula, p.342-343
  4. ^ Francesch Rodón i Oller, Fets de la Marina de guerra catalana, p.51
  5. ^ a b Pasquale Tola, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna vol. III - Ugone II re di Arborea, p.274-275
  6. ^ Marcello Lostia, Della nobiltà in Sardegna, su araldicasardegna.org. URL consultato il 30 giugno 2014.
  7. ^ Francesco Cesare Casula, p.304

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ramon Muntaner, Cronaca, XIV secolo.
  • Antonio Arribas Palau, La conquista de Cerdeña por parte de Jaime II de Aragón, 1952.
  • Francesco Cesare Casula, La storia di Sardegna, 1994.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]