Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Assabinidica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La parola assabinidica è una formula di saluto diffusa della lingua siciliana, equivalente al "Ciao!" italiano; di solito è rivolta a persone anziane o aventi una certa autorità. È utilizzata come formula di benvenuto e di congedo. Il significato del sostantivo è "Che Dio ti benedica" (in siciliano "Ca lu Signuri t'abbinidici").

Saluto di riverenza[modifica | modifica wikitesto]

  • Ssabinidica o Assabinidica = Ella mi benedica, da vossia (mi) benedica
  • Vossia s'abbinirica = "Vostra signoria (mi) benedica"
  • Voscenza s'abbinirica = "Vostra eccellenza (mi) benedica"
    • si risponde con Santu (Santo) ,Binidittu (Benedetto), santu e riccu nzinu a Pasqua (Santo e ricco fino a Pasqua), Santu, riccu, e ccu bonu distinu (Santo, ricco e con buona fortuna), oppure con Binidittu Iddiu (Dio)

Assonanza[modifica | modifica wikitesto]

  • forte l'assonanza con l'espressione usata dai Siciliani musulmani (Siqilli) all'epoca dell'Emirato di Sicilia "As-Salam ʿalaykum"

Genesi[modifica | modifica wikitesto]

Sulla genesi di tale parola sono state formulate varie ipotesi; una delle più probabili è la derivazione dall'espressione usata dai Siciliani musulmani (Siqilli) all'epoca dell'Emirato di Sicilia "As-Salam alaikum wa rahmatu Llahi wa barakatuhu!" traducibile con "A te la pace di Dio, che egli si prenda cura di te" (in siciliano "A tìa l'abbentu dô Signuri, e ca iddu si pigghiassi cura di tia").

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica