Aspasia Manos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aspasia Manos
Aspasia Manos 2.jpg
Aspasia Manos in una fotografia d'epoca
Principessa consorte di Grecia
In carica 17 novembre 1919 -
25 ottobre 1920
Predecessore Sofia di Prussia
come Regina consorte
Successore Sofia di Prussia
come Regina consorte
Nascita Atene, Grecia, 4 settembre 1896
Morte Ospedale Al Mare, Lido di Venezia, Italia, 7 agosto 1972
Luogo di sepoltura Cimitero reale, Palazzo di Tatoi
Dinastia Manos per nascita
Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg per matrimonio
Padre Petros Manos
Madre Maria Argyropoulos
Consorte Alessandro di Grecia
Figli Alessandra
Religione Greco-ortodossa

Aspasia Manos (in greco: Ασπασία Μάνου; Atene, 4 settembre 1896Venezia, 7 agosto 1972) è stata una principessa greca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Membro della famiglia dei Manos, era la figlia del colonnello Petros Manos e di sua moglie, Maria Argyropoulos. Era la nipote di Konstantinos Manos. I suoi antenati erano dei fanarioti di Costantinopoli.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 novembre 1919, a Tatoi, sposò Alessandro I. Il loro matrimonio causò uno scandalo a causa della disparità di rango dei due e così la coppia fuggì dalla Grecia e si rifugiò a Parigi, dove la loro unione venne finalmente riconosciuta. Aspasia non portò mai il titolo di Regina di Grecia; fu invece conosciuta come Principessa Consorte di Grecia e Danimarca.

Aspasia e Alessandro ebbero solo una figlia, Alessandra, nata a Tatoi cinque mesi dopo la morte di suo padre, avvenuta a causa della sepsi sopraggiunta in seguito ad un morso di scimmia; essa divenne regina di Jugoslavia sposando Pietro II.

Aspasia Manos e sua figlia sono state le uniche appartenenti alla dinastia reale greca, la Casata di Glücksburg, ad avere un'ascendenza veramente greca.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Aspasia morì a Venezia e venne sepolta nel cimitero dell'isola di San Michele prima che le sue ceneri facessero ritorno in Grecia, dove vennero tumulate nel cimitero reale nei pressi di Tatoi.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Konstantinos Manos Demetrios Manos  
 
Principessa Domnitza Marioara Caragea  
Trasybulos Manos  
Sevastia Argyropoulos Iacobos Argyropoulos  
 
Principessa Mărioara Soutzos  
Petros Manos  
Petros Mavromichalis Kyriakoulis Mavromichalis  
 
Panayotis Benakis  
Roxane Mavromichalis  
Principessa Euphrosine Soutzos Principe Costache Soutzos  
 
Ruxandra Racovitza  
Aspasia Manos  
Periklis Argyropoulos Iacobos Argyropoulos  
 
Principessa Mărioara Soutzos  
Iacobos Argyropoulos  
Principessa Aglaia Rosetti-Răducanu Principe Radu Rosetti  
 
Euphrosyne Manos  
Maria Argyropoulos  
Anargyros Petrakis Parthenius Petrakis  
 
 
Aspasia Anargyros Petrakis  
 
 
 
 

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Consorte del sovrano degli Elleni Successore
Sofia di Prussia 17 novembre 1919 - 25 ottobre 1920 Sofia di Prussia