Aslı Enver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Aslıay Enver (Londra, 10 maggio 1984) è un'attrice turca, nota per le sue interpretazioni nelle serie televisive Kavak Yelleri, Suskunlar e İstanbullu Gelin, nonché nei film Tamam mıyız? e Kardeşim Benim..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Londra da genitori turchi, vive in Inghilterra sino all'età di 12 anni.[1] Trasferitasi con la famiglia a Istanbul, inizia ad appassionarsi alla recitazione frequentando corsi presso il Centro delle Arti di Mujdat Gezen. Si laurea quindi in teatro all'Università di Haliç.[2]

Inizia la propria carriera nel 2002 con una comparsa nel programma televisivo Uzay Sitcomu. Più tardi recita nella serie Hayat Bilgisi ed è poi protagonista nella popolare fiction Kavak Yelleri, remake turco di Dawson's Creek. Compie il proprio esordio cinematografico in Tamam mıyız?, film drammatico del 2013 diretto da Çağan Irmak. Nel corso degli anni duemiladieci è protagonista di numerose fiction televisive quali Suskunlar, Kayıp, Bana Artık Hicran De, Mutlu Ol Yeter e Kış Güneşi.[3]

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 luglio 2012 sposa l'attore e modello Birkan Sokullu,[1] dal quale divorzia il 27 agosto 2015.

Nel 2016 inizia una relazione con l'attore e cantante Murat Boz, conosciuto un anno prima durante le riprese del fim Kardeşim Benim.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Bensu Soral è apparsa anche nei seguenti video musicali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (TR) Birkan hayalperest ben sıkıcıyım, in Hürriyet, 5 settembre 2012. URL consultato il 15 settembre 2012 (archiviato il 22 luglio 2015).
  2. ^ (TR) Başımızda Kavak Yelleri esiyor, in Hürriyet. URL consultato il 22 giugno 2012.
  3. ^ (TR) Suskunlar dizisinin Ahu'sundan özel çalışma, televizyongazetesi.com. URL consultato il 22 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]