Asgard (Callisto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asgard
Tipo Ampia struttura anulare
Satellite naturale Callisto
Callisto terrain.jpg
Grana del terreno nel bacino di Asgard
Dati topografici
Coordinate 32°12′N 139°54′W / 32.2°N 139.9°W32.2; -139.9Coordinate: 32°12′N 139°54′W / 32.2°N 139.9°W32.2; -139.9
Diametro 1 400 km
Localizzazione
Asgard
Mappa topografica di Callisto. Proiezione equirettangolare. Area rappresentata: 90°N-90°S; 180°W-180°E.
Asgard è la struttura visibile al centro dell'immagine; gli anelli concentrici, più scuri, circondano la zona centrale leggermente più chiara. Le strutture più brillanti sono crateri da impatto più recenti; sono visibili il cratere Burr nella parte superiore dell'immagine, il cratere Tornarsuk sulla destra,[1] il cratere Njord[2] sotto il cratere Tornarsuk ed il cratere Omol'[3] sopra Tornarsuk, alla destra del cratere Burr.

Asgard è un'ampia struttura anulare presente sulla superficie di Callisto, satellite di Giove. Si compone di un cratere da impatto e degli anelli concentrici ad esso associati. Complessivamente il bacino raggiunge i 1400 km di diametro, risultando così la seconda struttura più estesa della luna.[4]

È intitolata ad Ásgarðr, la residenza degli dei nella mitologia norrena.[5]

La parte centrale del bacino è dominata dal cratere Doh,[6] che presenta un rilievo centrale detto dome (cupola), che si crede risulti da un sollevamento tettonico a seguito dell'impatto.[4]

La regione degli anelli è segnata da numerosi crateri di formazione più recenti, in particolare spiccano per il contrasto di albedo i relativamente giovani cratere Burr, a nord, e cratere Tornarsuk, a est. Una seconda struttura anulare, Utgard, è sovrapposta alla parte settentrionale del bacino di Asgard. [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tornarsuk Crater, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 febbraio 2009.
  2. ^ (EN) Njord Crater, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 febbraio 2009.
  3. ^ (EN) Omol' Crater, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 febbraio 2009.
  4. ^ a b R. Greeley, Klemaszewski, J. E.; Wagner, L.; et al., Galileo views of the geology of Callisto, in Planetary and Space Science, vol. 48, 2000, pp. pp. 829–853, DOI:10.1016/S0032-0633(00)00050-7.
  5. ^ (EN) Asgard, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 febbraio 2009.
  6. ^ (EN) Doh Crater, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 febbraio 2009.
  7. ^ (EN) Burr Crater, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 febbraio 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare