Għaxaq

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Asciac)
Għaxaq
consiglio locale
Ħal Għaxaq
Għaxaq – Stemma Għaxaq – Bandiera
Għaxaq – Veduta
Panorama
Localizzazione
Stato Malta Malta
Regione Malta Scirocco
Amministrazione
Sindaco Darren Abela (PL)
Data di istituzione 30 giugno 1993
Territorio
Coordinate 35°50′58.36″N 14°31′11.3″E / 35.849544°N 14.519806°E35.849544; 14.519806 (Għaxaq)Coordinate: 35°50′58.36″N 14°31′11.3″E / 35.849544°N 14.519806°E35.849544; 14.519806 (Għaxaq)
Altitudine 72 m s.l.m.
Superficie 3,9 km²
Abitanti 4 722 (marzo 2014)
Densità 1 210,77 ab./km²
Consigli locali confinanti Birzebbugia, Gudia, Luqa, Marsa Scirocco, Santa Lucia, Tarxien, Zeitun, Zurrico
Altre informazioni
Cod. postale GXQ
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 MT-17
Nome abitanti għaxqi (m), għaxqija (f), għaxqin (pl)
Cartografia
Għaxaq – Localizzazione
Sito istituzionale

Għaxaq[1] (in forma estesa maltese Ħal Għaxaq, pronuncia Al 'Ascia; in italiano storico anche Asciak, Axiak,[2] Casal Asciach[3]) è un comune di Malta nel sud-est dell'isola, a 6,4 km dalla Valletta.

Si tratta di una zona residenziale circondata da terreni agricoli. La parrocchia è dedicata all'Assunzione della Vergine Maria. Fino al 1626 era parte della parrocchia di Zeitun.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Festa patronale di Santa Maria

Il nome del villaggio è probabilmente legato alla nobile famiglia Axiaq (anche scritta Axiak o Asciak) che aveva terre feudali nella zona nel Trecento, [4] o può derivare dalla parola maltese che significa piacere.

Fino al 1511, il paese non aveva un luogo di culto proprio, di conseguenza i residenti dovevano spostarsi a Zeitun; in quell'anno costruirono una piccola cappella, che fu dedicata all'Assunzione della Vergine Maria. Insieme a questa fu costruita una cappella di minori dimensioni, dedicata alla Madonna del Rosario. La chiesa fu elevata al rango di parrocchia l'8 aprile 1626.

La chiesa principale del villaggio è dedicata all'Assunzione della Vergine Maria, popolarmente conosciuta in maltese come Santa Marija, che è pertanto il santo patrono del villaggio. Le celebrazioni si svolgono annualmente dal 30 luglio al 15 agosto. Una festa secondaria è celebrata la settimana prima della prima domenica di giugno, dedicata a San Giuseppe, marito di Maria. Durante queste feste il borgo è decorato con statue altamente, luci colorate e bandiere.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Saint Joseph Band Club, 1874 (Il-Meravilja)
Torre Semaforica
Torre Kalamija
Scuola elementare (Kollegg San Benedettu)
Band clubs
  • Saint Mary Band Club, 1873
  • Saint Joseph Band Club, 1874 (Il-Meravilja)
Torre Semaforica (it-Turretta)

Costruita dai britannici nel 1848 come una delle tre torri semaforiche a Malta (poiché la chiesa aveva rifiutato l'uso di cupole e campanili). La Torre Semaforica di Għaxaq è identica alle torri di Għargħur e Ta' Kenuna, composta da tre piani, ciascuna con una singola stanza. I piani sono collegati tra loro e con il tetto da una scala a chiocciola. L'apparecchiatura di segnalazione, costituita da un palo di legno con tre bracci mobili, era collocata sul tetto della torre. [5] Il sistema di comunicazione semaforico è divenuto obsoleto con l'introduzione del telegrafo e la torre è stata dismessa entro il 1880. La torre di Għaxaq sorge nel punto più alto del villaggio, con una vista su Birżebbuġa, Marsaxlokk e Mdina.[6] Dal 2011 è affittata dal Consiglio loale di Għaxaq e dalla Fondazjoni Wirt Artna. [7]

Casa delle conchiglie (Dar Il-Bebbux)

Nel 1898 Indrí Dimech detto Il-Mikk decise di decorare le due facciate della sua casa nel centro di Għaxaq con centinaia di conchiglie, disposte in pattern decorativi e simboli religiosi, incluse tre nicchie e la sua stessa firma. [8][9]

Cappelle
  • Cappella di San Filippo Neri
  • Cappella del Cristo Redentore
  • Cappella di Santa Lucia (Kappella ta' Santa Lucija tal-Barrani): costruita nel 1535 su terreni di proprietà del capitolo della Cattedrale attraverso le iniziative di Paolo Pellegrino. In cambio, un canone onorario della cattedrale era obbligato a portare le spese per la celebrazione della festa del santo e per fornire ai poveri la carità per la festa, un costume che persisteva fino alla Seconda Guerra Mondiale. Le spese per la costruzione della chiesa sono state messe in conto dal capitolo della cattedrale mentre la cappella era amministrata dal precettore dalla cattedrale . Dopo la seconda guerra mondiale la cappella fu lasciata in disuso. Solo di recente è stata restaurata e usata per il culto. [10] La cappella ha un altare e un dipinto raffigurante Santa Lucia e la Vergine Maria. L'interno è composto da 3 archi a sbalzo che sostengono le pareti e il tetto, tipici dell'architettura medievale a Malta. [11]

Zones di Għaxaq[modifica | modifica wikitesto]

  • Bir id-Deheb (Well of Gold)
  • Ħas-Saptan (Saptan Town)
  • Il-Miksur (The Broken)
  • Qasam Ħal-Dmikki
  • Tal-Barrani (Foreigner's Village)
  • Tal-Garda
  • Tal-Ġebel (Rocks' Village)
  • Tal-Millieri
  • Tal-Qattus (Cat's Village)
  • Tal-Wilġa (Open Field's Village)

Strade principali di Għaxaq[modifica | modifica wikitesto]

  • Dawret Ħal Għaxaq (Għaxaq By-Pass)
  • Triq G.M. Farrugia (G.M. Farrugia Street)
  • Triq il-Belt Valletta (Valletta Road)
  • Triq il-Ġistakor (Tail-Coat Street)
  • Triq il-Garakol (Garakol Street)
  • Triq il-Gudja (Gudja Road)
  • Triq il-Milwa (Skein Street)
  • Triq iż-Żejtun (Zejtun Road)
  • Triq San Filippu (St. Philip Street)
  • Pjazza San Filippu (St. Philip Square)
  • Triq Santa Marija (St. Mary Street)
  • Vjal il-Labour (Labour Avenue)
  • Triq it-Tgezwira
  • Triq Ganmari Dalli
  • Pjazza Santu Rokku (St. Rocco Square)
  • Triq San Pawl (St. Paul Street)
  • Triq il-Knisja (church's street)
  • Triq Marjanu Gerada

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TCI 2007
  2. ^ 1953
  3. ^ Achille Ferris, Descrizione storica delle chiese di Malta e Gozo, 1866. URL consultato l'11 marzo 2017.
  4. ^ Ħal Għaxaq, lc.gov.mt. URL consultato il 3 April 2016.
  5. ^ Ghaxaq turret passed on to council, in Times of Malta, 4 August 2011.
  6. ^ Għaxaq Tower Becomes council’s responsibility, in The Malta Independent, 5 August 2011.
  7. ^ Business Plan 2012–2014 (PDF), lc.gov.mt. (archiviato dall'url originale il 24 March 2016).
  8. ^ Fiona Vella
  9. ^ Cultural Heritage Malta
  10. ^ Mikiel Spiteri, A Hundred Wayside Chapels of Malta & Gozo, Valletta, Heritage Books, 2000, pp. 138-139, ISBN 999099305X.
  11. ^ Rizzo Naudi, Mario "Il-kappella ta’ Santa Luċija ~ Tal-Barrani, l/o Ħal Għaxaq ~", Kappelli Maltin. Retrieved on 21 October 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Malta Portale Malta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Malta