Arturo Boniforti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arturo Boniforti
Arturo Boniforti.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mediano
Carriera
Giovanili
Saronno
Squadre di club1
1932-1934 Saronno ? (?)
1934-1936 Foggia 62 (3)
1936-1939 SPAL 86 (11)
1939-1940 Ferrara 21 (4)
1940-1941 Bologna 10 (0)
1941-1943 Pro Patria 66 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Arturo Boniforti (Saronno, 6 gennaio 1912Saronno, 22 settembre 1943) è stato un calciatore italiano, di ruolo mediano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È il fratello maggiore di Enrico Boniforti, anch'egli calciatore.[1]

Muore nel settembre 1943, a 31 anni, e in suo onore venne disputato un torneo.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nelle giovanili della sua città natale, il Saronno.[3]

Viene acquistato nel 1934 dal Foggia, che disputa la serie B.[3] Nel campionato 1934-1935 viene anche schierato, verso fine stagione, come centravanti, segnando anche due reti.[3] Rimane tra i cadetti anche la stagione successiva, l'ultima tra i rossoneri.[4]

Nel 1936 passa alla SPAL.[5][6] Nei ferraresi giocherà quattro stagioni, con un totale di 107 presenze e 15 gol.[6] Dal 1936 al 1938 è in Serie C, mentre per il campionato 1938-1939 la SPAL sale in Serie B, ma viene subito retrocessa nella stagione 1939-1940, dove la società cambia nome in Ferrara.[6]

Viene acquistato dal Bologna per la stagione 1940-1941, la prima in Serie A per Boniforti, dove, scendendo in campo per 10 volte in sostituzione dell'infortunato Michele Andreolo, si laurea campione d'Italia.[1][6]

Finita l'esperienza bolognese, nel 1941 passa alla Pro Patria, con la quale disputa due campionati di Serie B, con 66 presenze e 4 reti.[6]

In carriera ha totalizzato complessivamente 10 presenze in Serie A e 162 presenze e 10 reti in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1940-1941

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il 6º Scudetto (cap. 16), su federossoblu.com.
  2. ^ A Busto in piena guerra Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. Informazioneonline.it
  3. ^ a b c Autunno, p. 129.
  4. ^ Autunno, p. 137.
  5. ^ Autunno, p. 145.
  6. ^ a b c d e Statistiche su Enciclopediadelcalcio.it, su enciclopediadelcalcio.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pino Autunno, Foggia, una squadra, una città, Utopia Edizioni, 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]