Arthur Lasenby Liberty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arthur Lasenby Liberty

Sir Arthur Lasenby Liberty (Chesham, 13 agosto 1843The Lee, 11 maggio 1917) fu un noto mercante britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio primogenito di un commerciante di stoffe di Chesham, iniziò a lavorare a 16 anni con uno zio. Nel 1859 divenne apprendista presso un mercante di stoffe, e nel 1862 venne impiegato nei grandi magazzini in Regent Street di proprietà della Farmer & Rogers, raggiungendo presto la posizione di responsabile. Dopo che alla Farmer & Rogers rifiutarono di farlo entrare da socio negli affari interni, nel 1875 aprì autonomamente un suo negozio, il Liberty & Co., specializzato nella compravendita di tessuti, ornamenti e oggetti d'arte importati dall'Estremo Oriente. Il Liberty & Co. ebbe successo, permettendo al suo creatore di ampliare i suoi esercizi commerciali e di espandersi occupando nuove strutture. La sua notorietà, in un primo momento legata all'esposizione di un vario artigianato eclettico e di stili popolari, sviluppò un'immagine radicalmente diversa e strettamente connessa al movimento estetico. L'azienda, che partecipò all'Esposizione Internazionale d'Arte Decorativa Moderna di Torino del 1902, divenne sinonimo in Italia delle nuove manifestazioni delle arti applicate e dell'artigianato conosciute come Liberty o Arte floreale.

Arthur Liberty si sposò con Emma Louise Blackmore nel 1875 da cui non ebbe figli. Fu nominato cavaliere nel 1913 e prima di morire Liberty aveva accumulato una piccola fortuna come azionista di maggioranza della sua opera che divenne una società pubblica a responsabilità limitata nel 1890.

La sua lapide venne disegnata da Archibald Knox, uno dei maggiori designer della Liberty & Co.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eugenio Rizzo e Maria Cristina Sirchia, Liberty - Album del nuovo stile, Palermo, Dario Flaccovio Editore, 2008, ISBN 9788877588272.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45102743 · ISNI (EN0000 0000 8124 0647 · LCCN (ENn93095127 · BNF (FRcb16040765b (data) · ULAN (EN500065137