Arteria linguale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arteria linguale
Lingual artery.PNG
Dissezione superficiale del lato destro del collo, si notano l'arteria carotide e l'arteria succlavia. Il ramo dell'arteria linguale è indicato
Gray559.png
Vasi della lingua, il nervo ipoglosso è spostato verso il basso.
Anatomia del Gray Pagina 553
Sistema Apparato circolatorio
Irrora Muscolo genioglosso
Origine Carotide esterna
Vena Vena linguale
Identificatori
TA A12.2.05.015
FMA 49526

L'arteria linguale nasce dalla faccia anteriore dell'arteria carotide esterna tra l'origine dell'arteria tiroidea superiore e dell'arteria facciale, decorre sul muscolo costrittore medio della faringe coperta dal ventre posteriore del muscolo digastrico e dal muscolo stiloioideo, si porta al di sopra del grande corno dell'osso ioide e quindi, coperta dal muscolo ioglosso e successivamente situata tra i muscoli genioglosso e linguale inferiore, raggiunge l'apice della lingua come arteria profonda della lingua o arteria ranina, suo ramo terminale. Sui lati del frenulo della lingua l'arteria profonda si porta in superficie, trasparendo attraverso la mucosa della faccia inferiore della lingua, per poi farsi orizzontale e decorrere sopra il grande corno dell'osso ioide per salire sulla faccia inferiore della lingua.

Rami collaterali[modifica | modifica wikitesto]

  • Ramo ioideo, che decorre lungo il margine superiore dell'osso per anastomizzarsi con quello controlaterale
  • Il ramo dorsale della lingua, che irrora la muscolatura e la mucosa della radice della lingua, l'epiglottide e la tonsilla palatina
  • L'arteria sublinguale che decorre tra i muscoli genioglosso e miloioideo, cede rami alla ghiandola sottolinguale, ai muscoli circostanti, al pavimento della cavità orale, alla mucosa gengivale degli incisivi inferiori, infine prende il nome di arteria profonda della lingua o ranina e si anastomizza con la controlaterale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Fonzi, Anatomia Funzionale e Clinica dello Splacnocranio, Ed. Edi Ermes, ISBN 88-7051-238x

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]