Arteria cerebrale posteriore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arteria cerebrale posteriore
Anatomia del Gray(EN) Pagina 580
Nome latinoarteria cerebri posterior
Identificatori
MeSHA07.231.114.228.700
TAA12.2.07.082
FMA50583

L’arteria cerebrale posteriore irrora il lobo occipitale, il tronco encefalico, il cervelletto, e tutti i nuclei dei nervi cranici.
Origina dall'arteria basilare.

Sindrome del circolo posteriore[modifica | modifica wikitesto]

Per lesioni dell'arteria cerebrale posteriore si realizzano delle "sindromi alterne", in quanto nel tronco encefalo ci sono:

  1. I nuclei dei nervi cranici
  2. Le vie lunghe ascendenti e discendenti

Quindi per sindrome alterna si intende una lesione del nervo cranico omolaterale alla lesione e disturbi di moto o sensitivi (per interessamento delle vie lunghe) controlaterali alla lesione. Dunque si avrà una paralisi periferica del nervo facciale dallo stesso lato della lesione e una emiparesi piramidale controlaterale alla lesione. Così come con il nervo facciale si può realizzare anche con il III° nervo cranico, e quindi avere una ptosi palpebrale da un lato e l'emiparesi controlaterale.

Un interessamento del talamo provoca deficit mnesici e di motilità oculare verticale, alterazione del livello di vigilanza, afasia e sindrome neglect.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R.Mutani, L.Lopiano, L.Durelli, A.Mauro, A.Chiò (2012). "Il Bergamini di Neurologia"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]