Arte mudéjar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Si definisce arte mudéjar quell'espressione artistica elaborata in terra iberica nel periodo immediatamente successivo alla fine del dominio musulmano di al-Andalus.

Soffitto a cassettoni della sala del trono della Aljafería di Saragozza.

Lo stile mudéjar costituisce la prosecuzione dello stile cosiddetto mozarabo ed è rappresentato esemplarmente dall'Alcázar di Siviglia, ricostruito tra il 1353 e il 1364 da Pietro I il Crudele, (re di Castiglia e León -1334-1350-1369).

Ceramiche ispano-moresche[modifica | modifica wikitesto]

Dal XII alXVI secolo l'arte della ceramica a riflessi metallici (gli azulejo, vasi, piatti, vasche) come la fabbricazione dei lampadari conobbero uno sviluppo considerevole in centri quali Malaga, Valencia, Siviglia o Granada.

Acciaio Damasco[modifica | modifica wikitesto]

Erede diretta di Damasco nell'arte di forgiare lame, Toledo non demeritò mai l'insegnamento siriano.

Architettura islamica[modifica | modifica wikitesto]

In architettura i mudéjar utilizzarono tecniche loro proprie (archi a ferro di cavallo, arcate cieche, campanili a forma di minareti) e ornamenti lori propri (arabeschi, soffitti a cassettone (artesonados) con intarsi). Applicati agli edifici romanici, ma soprattutto gotici e anche rinascimentali, questi elementi crearono uno stile ibrido di grande interesse. Le sue caratteristiche principali sono l'arco a ferro di cavallo, l'utilizzo di mattoni, la decorazione a stucco cesellata policroma (yeserias) e in ceramica (azulejos). Fu l'utilizzo delle tecniche apportate dai musulmani per edifici costruiti dai cristiani.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura