Artūras Kasputis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Artūras Kasputis
Artūras Kasputis - TDR 2012.jpg
Nazionalità Unione Sovietica Unione Sovietica
Lituania Lituania
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Termine carriera 2001
Carriera
Squadre di club
1991Postobón
1992-1995Chazal
1996-1999Casino
2000-2002AG2R Prévoyance
Nazionale
1985-1991Unione Sovietica Unione Sovietica
1992-2000Lituania Lituania
Carriera da allenatore
2003-2007AG2R Prévoyance
2008-2020AG2R La Mondiale
2021-AG2R Citroën
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Seul 1988 Ins. sq.
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su pista
Bronzo Vienna 1987 Ins. ind. dil.
Bronzo Valencia 1992 Ins. ind.
Statistiche aggiornate al gennaio 2021

Artūras Kasputis (Klaipėda, 26 febbraio 1967) è un dirigente sportivo, ex ciclista su strada e pistard lituano, sovietico fino al 1990. Campione olimpico nell'inseguimento a squadre ai Giochi di Seul 1988, dopo il ritiro dall'attività è divenuto direttore sportivo del team francese AG2R.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Specialista della pista, con la Nazionale sovietica fu bronzo mondiale di inseguimento individuale Dilettanti nel 1987 a Vienna e campione olimpico di inseguimento a squadre l'anno dopo ai Giochi di Seul, in quartetto con Vjačeslav Ekimov, Dmitrij Neljubin e Gintautas Umaras.

Professionista dal 1991, nel 1992 vinse il bronzo mondiale nell'inseguimento individuale in rappresentanza della Lituania; su strada conquistò invece una tappa al Critérium du Dauphiné Libéré 1996 e il Circuit des Mines 1999, indossò per un giorno la maglia a pois al Tour de France 1997 e fu secondo ai campionati lituani 1999 a cronometro.

Ritiratosi dalle corse a fine 2002, dal 2003 è direttore sportivo della squadra francese AG2R Citroën (già AG2R Prévoyance e AG2R La Mondiale) diretta da Vincent Lavenu.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Classifica generale Tour du Maroc
  • 1991 (Postobon, cinque vittorie)
Prologo Vuelta a Colombia (Quito > Quito, cronometro)
7ª tappa Vuelta a Colombia (Medellín > Manizales)
Circuit du Port de Dunkerque
Classifica generale Circuito Montañés
Classifica generale Tour du Gévaudan Languedoc-Roussillon
  • 1992 (Chazal, tre vittorie)
Chrono des Herbiers
2ª tappa, 1ª semitappa Route du Sud (Tonneins > Tonneins, cronometro)
Classifica generale Route du Sud
  • 1993 (Chazal, una vittoria)
Grand Prix de Beuvry la Foret
Barcelona-Montpellier (Granollers > Sant Feliu de Guíxols)
Classifica generale Barcelona-Montpellier
  • 1994 (Chazal, una vittoria)
1ª tappa, 1ª semitappa Route du Sud (Pau > Pau, cronometro)
  • 1996 (Casino, una vittoria)
1ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré (Megève > Villefontaine)
  • 1999 (Casino, tre vittorie)
Prologo Tour de l'Ain (cronometro)
7ª tappa Circuit des Mines (Rombas > Rombas, cronometro)
Classifica generale Circuit des Mines
  • 2000 (AG2R La Mondiale, due vittorie)
2ª tappa Quatre Jours de Dunkerque (Saint-Pol-sur-Mer > Boulogne-sur-Mer)
4ª tappa, 2ª semitappa Post Danmark Rundt (Nysted > Nykobing)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa Vuelta a Colombia (Arauca > Guasdualito, cronosquadre)
2ª tappa Tour de Pologne (Lublino > Kraśnik, cronosquadre)

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Campionati del mondo, Inseguimento individuale Dilettanti
Giochi olimpici, Inseguimento a squadre
Gran Caracol de Pista

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1996: ritirato (16ª tappa)
1992: 71º
1994: 44º
1995: 45º
1997: 93º
2000: ritirato (15ª tappa)
1992: 32º
1996: ritirato (14ª tappa)
1998: ritirato (4ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]