Ars memoriae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'arte della memoria
Titolo originaleArs memoriae
Bruno two wheels.JPG
Due ruote alfabetiche l'una nell'altra, figura dall'"Ars memoriae", parte III
AutoreGiordano Bruno
1ª ed. originale1582
Generetrattato
Sottogenerefilosofia
Lingua originalelatino

Ars memoriae ("L'arte della memoria") è un'opera in latino del filosofo Giordano Bruno pubblicata a Parigi nel 1582 dalla tipografia E. Gourbin in un unico volume insieme al De umbris idearum ("Le ombre delle idee"). Mentre il De umbris si può ritenere una introduzione ai principi filosofici sui quali l'autore fonda l'arte della memoria, l'Ars memoriae presenta una metodologia di applicazione della stessa.[1]

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Il testo è suddiviso in tre parti, delle quali la prima può considerarsi introduttiva. La seconda parte consta di tre capitoli: il primo verte sui sostrati (i subiecta); il secondo sugli adiecta; il terzo capitolo sullo strumento. Tale seconda parte è una premessa teorica alla pratica descritta nell'ultima parte. La terza parte illustra infatti due procedimenti pratici, denominati prima e seconda prassi, la prima più semplice, la seconda più complessa, ma basate entrambe sul medesimo procedimento. A queste esposizioni segue la descrizione di immagini utilizzabili per la seconda prassi.

Concludono il testo altri tre brevi trattati sempre inerenti all'arte della memoria, ma di più rapido apprendimento, il primo dei quali è dedicato al re Enrico III di Francia, presso la cui corte Giordano Bruno era ospite in quegli anni. In questi Bruno include alcune poesie che in forma di enigma contengono i principi di base della sua mnemotecnica.[2]

A similitudine di ogni altra arte, quella della memoria ha bisogno di sostrati: i sostrati primi (i subiecta), cioè "spazi" dell'immaginazione atti ad accogliere i simboli adatti, ossia i sostrati apposti (gli adiecta) tramite l'operazione di uno strumento opportuno.[3] Si tratta della metodologia classica dell'arte della memoria, Bruno altera i nomi: il locus diventa subiectus e l'immagine simbolica diventa adiectus.[4] Con questi presupposti, l'autore costruisce un sistema che associa alle lettere dell'alfabeto immagini tratte sia dalla mitologia sia dalla quotidianità, in modo da rendere possibile la codifica di vocaboli e concetti secondo una particolare successione di scene nello spazio dell'immaginazione. Le lettere possono essere visualizzate su diagrammi circolari, o "ruote mnemoniche", che girando e innestandosi l'una dentro l'altra, forniscono strumenti via via più potenti.

Il testo[modifica | modifica wikitesto]

Parte prima[modifica | modifica wikitesto]

L'arte della memoria è un'attitudine con la quale noi siamo indotti a «intendere, discorrere, aver memoria, formare immagini attraverso le facoltà della fantasia, avere appetiti, e talvolta anche a sentire come vogliamo».[5] E prosegue Bruno, affermando che siccome la natura è fondamento di ogni cosa, non dissimilmente qualsiasi arte è una facoltà della natura,[6] come quindi anche l'arte della memoria, che può intendersi come «scrittura interiore»[7], «pittura interiore»[8].

Citando un suo stesso testo non pervenutoci, la Clavis Magna, il filosofo elenca dodici possibili sostrati[9]: specie, forme, simulacri, immagini, spettri, esemplari, tracce, indizi, segni, note, caratteri e sigilli.[10] In questo testo egli farà riferimento alle "immagini", «immagini di cose immaginabili»[11]. Come per esempio la scrittura può aver bisogno di carta quale sostrato primo e dell'inchiostro come sostrato secondo, l'arte della memoria qui descritta utilizzerà come sostrato primo un luogo, e come sostrato secondo un'immagine da apporre al primo. A questi corrispondono le funzioni della fantasia e della cogitativa.[12]

Parte seconda[modifica | modifica wikitesto]

I sostrati[modifica | modifica wikitesto]

I sostrati primi sono luoghi ordinati nella «facoltà fantastica»[13], cioè "spazi" atti ad accogliere immagini, scelti secondo relazioni che rispettino la proporzione[14] e favoriscano la visualizzazione[15]. Il sostrato più esteso è la nostra stessa fantasia, ma sostrati possono essere anche luoghi reali, utilizzabili dalla fantasia stessa.[16]

Gli adiecta[modifica | modifica wikitesto]

Gli adiecta sono «immagini, le quali possono essere pensate, disposte ed esplicate come se fossero una serie di statue»[17]. Possono essere immagini naturali o anche artificiali, comunque in grado di stimolare l'immaginazione e il pensiero[18].

Lo strumento[modifica | modifica wikitesto]

Lo strumento[19] è quello del pensiero, che ricerca e distingue nei sostrati[20] al fine di rendere possibile l'intero processo, dalla scelta dei sostrati fino alla reminiscenza. Lo strumento va ovviamente educato ed esercitato in modo da renderlo sempre più efficace. Sono fondamentali nello strumento i ruoli coordinati di pensiero e immaginazione.

Parte terza[modifica | modifica wikitesto]

«Quanto magnifica sia questa scoperta, potrai comprenderlo meglio attraverso la pratica e l'applicazione ad altri casi che non attraverso la superficie stessa.»

(Bruno 2008, p. 171)

Prima prassi[modifica | modifica wikitesto]

La prima prassi può essere utilizzata per memorizzare una sequenza di lettere qualsiasi. L'autore intende la prassi anche come esercitazione,[21] introduzione esemplificativa alla seconda prassi, più complessa. Il sistema proposto da Bruno consta di ruote mnemoniche, ciascuna composta di trenta simboli[22] (le ventitré lettere dell'alfabeto latino più quattro dell'alfabeto greco[23] e tre dell'ebraico[24]). Si devono immaginare tali simboli disposti lungo il bordo della ruota in senso orario. Per consentire la memorizzazione, Bruno associa a ogni lettera una possibile immagine (di natura differente a seconda della ruota, come si vedrà), in modo che ogni sequenza da ricordare sia associata a una scena: memorizzando la scena e conoscendo il sistema di codifica, sarà allora possibile decodificando la scena risalire alla sequenza. Ricorrendo a più scene, si potranno similmente ricordare più sequenze.

Perseo con la testa di Medusa in mano, affresco del I secolo. Bruno utilizza questa scena per la coppia di lettere MM.

La prima ruota si riferisce alla prima lettera della sequenza: Bruno definisce tali lettere agentes, perché si riferiscono a immagini di "attori". La seconda ruota, che serve per la seconda lettera della sequenza, contiene le actiones, cioè le "azioni" che gli attori compiono.[25] La terza ruota contiene gli insignia ("insegna"), ovvero attributi che qualificano l'azione. In genere, scrive Bruno, tre ruote sono sufficienti per codificare buona parte delle sequenze;[26][27] ove ciò non sia possibile si può ricorrere ad altri due elementi complementari, soggetti e oggetti che non partecipano alla scena ma che si collocano sullo sfondo: gli adsitentia, elementi assistenti.

Le scene che Bruno propone per le prime due ruote (vivisualizzabili l'una dentro l'altra), e che quindi contengono ciascuna un personaggio attore e un'azione, sono:[28][29]

  1. AA = Licaone a banchetto
  2. BB = Deucalione con le pietre
  3. CC = Apollo con Pitone
  4. DD = Argo col bue

eccetera, fino a 30: שש = Glauco con l'erba.

Immaginando ora di innestare la ruota degli attori e quella delle azioni l'una dentro l'altra e di far ruotare la ruota interna mentre l'esterna resta fissa, si ottengono nuove possibili combinazioni: ognuno degli attori potrà compiere una qualsiasi delle trenta azioni tipiche del personaggio agente prima associato.[30]

Per esempio:
AB = Licaone con le pietre
Qש = Aracne con l'erba
Con l'aggiunta di una terza ruota, e quindi di una insegna, possiamo avere per esempio:
AAA = Licaone a banchetto con una catena
TRE = Giasone col cavallo con una bisaccia

Seconda prassi[modifica | modifica wikitesto]

La seconda prassi è utilizzabile quando si vogliano ricordare termini completi.[31] L'artificio è simile a quello della prima prassi, con la differenza che ogni lettera deve essere ora intesa come associata a una vocale (le cinque dell'alfabeto latino), venendo così a rappresentare una sillaba della parola che si vuol ricordare. Ogni singola ruota corrisponde pertanto a 150 sillabe, che possono così essere individuate[32]:

1: Aa – 2: Ae – 3: Ai – 4: Ao – 5: Au – 6: Ba ... 149: שo – 150: שu

A ognuna di queste combinazioni è associabile un'immagine, secondo la stessa metodologia indicata nella prima prassi. Per questa seconda prassi Bruno descrive quindi tre nuovi gruppi di immagini, così suddivisi:

  • Primo gruppo di immagini, corrispondente alla ruota degli inventori:

1: Regima con il pane di castagne – 2: Osiride pratica l'agricoltura ... – 150: Melico e l'arte della memoria[33]

  • Secondo gruppo di immagini, corrispondente alla ruota degli aggettivi:

1: nodoso – 2: mendace ... – 150: stupefacente

  • Terzo gruppo di immagini, corrispondente alla ruota delle cose:

1: oliva – 2: lauro ... – 150: tamburo

Con un sistema di cinque ruote si hanno in tutto 750 sillabe, cui sono associabili 750 immagini.[34][35]

Bruno descrive infine un ultimo gruppo di 150 immagini, traendole, come egli stesso scrive, con alcune modifiche da Teucro Babilonese[36], astrologo del I secolo, interprete del personaggio mitico Ermete Trismegisto. La fonte di Bruno è il De occulta philosophia di Cornelio Agrippa, filosofo ed esoterista tedesco.[37] Si tratta di immagini così suddivise:[38]

  • 36 immagini zodiacali, divise in 12 gruppi di tre ciascuno
  • 49 immagini planetarie, divise in 7 gruppi di sette ciascuno[39]
  • 1 immagine del Drago della Luna[40]
  • 28 immagini delle Case della Luna[41]
  • 36 immagini collegate alle Case della Luna

A esemplificazione delle immagini, ecco la descrizione della prima delle tre immagini zodiacali del Sagittario:

«Tiene la prima configurazione del sagittario un uomo tutto armato, che porta uno scudo nella sinistra, e nella destra una larghissima spada, al cui incedere la terra sembra tremare.»

(Bruno 2008, introduzione, pp. 192-193)

Le arti brevi[modifica | modifica wikitesto]

I procedimenti rapidi qui descritti da Bruno si rifanno sostanzialmente alla tradizione classica della mnemotecnica. Secondo la prima descrizione, volendo ricordare una successione di personaggi, eventi, concetti o simili, li si possono associare, sempre con l'immaginazione, ai nomi e ai luoghi di una storia nota, ricordando la quale si risalirà ai soggetti memorizzati.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

La memoria e l'immaginazione[modifica | modifica wikitesto]

«La fantasia (non senza l'atto della facoltà cogitativa) potrà giungere a un tal genere di conversione che la cogitativa (non separata dall'atto della fantasia) renderà potentemente memorabili tutte le cose.»

(Bruno 2008, parte II, XII, p. 150)
Apollo fra le nove Muse, le figlie di Mnemosine, dipinto di Anton Raphael Mengs, 1761. Nel "Settimo modo" del De umbris idearum Bruno descrive la cetra di Apollo come una scala che dalle cose inferiori conduce alle supreme.

Nell'opera di Bruno gli scritti di mnemotecnica occupano una parte tutt'altro che trascurabile. Una delle sue prime opere, andata persa, la Clavis magna, si occupava appunto di questo argomento, collegandosi a una tradizione confluita nell'opera del filosofo e mistico catalano Raimondo Lullo[42][43], cui Bruno è debitore dell'artificio delle ruote mnemoniche, che tuttavia egli utilizza servendosi di immagini associate alle lettere alfabetiche. Fondamentale in quest'uso delle ruote è il ruolo dell'immaginazione.

Bruno utilizza il termine latino phantasia[44], che deriva dal greco "phanos" col significato di "luce"[45]: la facoltà fantastica, con l'ausilio della facoltà cogitativa, assume per Bruno il potere di condurre verso la luce, illuminare ciò che è in ombra, un potere cognitivo più efficace di quello consentito dalla sola ragione.[46]

Sin da epoche remote l'arte di memorizzare era stata sempre tenuta in gran considerazione, d'altronde madre delle nove divinità greche che presiedono alle arti, le Muse, è proprio la dea della memoria Mnemosine. Per Bruno, come si è visto,[47] tale arte assume un significato ben più ampio che l'artificio in sé stesso. Strumento di conoscenza e di rappresentazione della realtà, la memoria si fonda sul potere dell'immaginazione e diventa quel luogo dove la realtà esterna e la mente possono incontrarsi e scoprirsi reciprocamente. Le complesse, e forse macchinose articolazioni scenografiche che Bruno propone[48] permettono non soltanto la memorizzazione di un vasto insieme di informazioni, ma anche di rappresentare la realtà. Dalle ombre delle idee si potrà così tendere verso le idee stesse, e la memoria diventa il luogo che analogicamente rappresenta in virtù dell'immaginazione quell'unità originaria da cui le idee sono emanate.[49]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno 2008, introduzione, p. 19.
  2. ^ Bruno 2008, introduzione, p. 21.
  3. ^ Bruno 2008, introduzione, pp. 116-117.
  4. ^ Yates 1993, p. 185.
  5. ^ Bruno 2008, p. 106.
  6. ^ Bruno 2008, p. 107.
  7. ^ Bruno 2008, p. 111.
  8. ^ Bruno 2008, p. 116.
  9. ^ Bruno si riferisce qui agli adiecta.
  10. ^ Bruno 2008, p. 112.
  11. ^ Bruno 2008, p. 114.
  12. ^ Bruno 2008, pp. 116-117.
  13. ^ Bruno 2008, p. 119.
  14. ^ Bruno 2008, p. 120.
  15. ^ Bruno 2008, p. 123.
  16. ^ Bruno 2008, p. 121.
  17. ^ Bruno 2008, p. 129.
  18. ^ Bruno 2008, p. 132.
  19. ^ Organum nel testo.
  20. ^ Bruno 2008, p. 137.
  21. ^ Bruno 2008, p. 158.
  22. ^ Come fa notare la Yates, il numero 30 ricorre spesso nell'opera di Bruno (Yates 1993, p. 193).
  23. ^ Ψ Φ ω θ
  24. ^ ש צ ע (da sinistra a destra)
  25. ^ Bruno 2008, p. 160.
  26. ^ Bruno 2008, p. 167.
  27. ^ Probabilmente Bruno intende riferirsi alle lettere iniziali della sequenza da memorizzare, sufficienti per ricostruire l'intera sequenza.
  28. ^ Bruno 2008, p. 159.
  29. ^ Si tratta di personaggi e avvenimenti tratti da un testo molto noto, le Metamorfosi di Ovidio.
  30. ^ Bruno 2008, p. 165.
  31. ^ Bruno 2008, p. 172.
  32. ^ Invero nel testo l'elenco di coppie lettera-vocale procede secondo una sequenza nella quale le trenta lettere non corrispondono esattamente a quelle indicata da Bruno stesso nella prima prassi.
  33. ^ Bruno include anche sé stesso: nell'immagine 126 egli scrive: Iordanus in clavim et umbras ("Giordano con la chiave e le ombre").
  34. ^ Bruno 2008, nota 11 di N. Tirinnanzi, pp. 234-235.
  35. ^ Nel testo Bruno ha descritto fino a questo punto tre gruppi di immagini, di seguito ne descriverà un ultimo gruppo (quello di Teucro Babilonese), che in totale farebbero quattro, e non cinque come preannunciato da Bruno stesso (Bruno 2008, p. 172). Secondo la storica britannica Frances Yates, che a lungo si è occupata di storia della mnemotecnica, il primo gruppo di immagini (quello che comincia con "Regima con il pane di castagne") contenendo sia un attore che un'azione sarebbe da intendersi come corrispondente a due ruote e non a una soltanto. La Yates ricostruisce, anche graficamente, l'intero meccanismo delle cinque ruote concentriche (Yates 1993, pp. 200-202).
  36. ^ Bruno 2008, introduzione, nota 19, p. 21; p. 188 e segg.
  37. ^ Yates 1993, p. 197.
  38. ^ Bruno 2008, p. 188 e segg.
  39. ^ I sette pianeti del sistema tolemaico sono: Luna, Mercurio, Venere, Sole, Marte, Giove e Saturno.
  40. ^ Il Drago della Luna è situato fra i due punti dell'asse nodale della Luna, là dove il piano dell'orbita lunare interseca quello dell'orbita terrestre.
  41. ^ Le Case sono le posizioni occupate dalla Luna nel suo giro nello Zodiaco, che nel sistema tolemaico si trovano collocate nell'ultima sfera.
  42. ^ Ciliberto 1996, p. 30.
  43. ^ Anche una delle ultime opere, il Lampas triginta statuarum (1591), è di argomento mnemotecnico.
  44. ^ «Tale conversionis genus poterit attingere - non sine cogitationis actu - phantasia, ut omnia memorabilia potenter reddat non absque phantasiae actu cogitativa.»
  45. ^ Fantasia, etimo.it
  46. ^ Sul tema metafisico della "luce" e del suo ruolo nel pensiero di Bruno si veda anche Leen Spruit, Il problema della conoscenza in Giordano Bruno, Bibliopolis, Napoli 1988. Spruit mette in evidenza che per Bruno tornare verso la luce non significa "visione di Dio"; non è una conoscenza estatica quella cui Bruno allude, ma una conoscenza nella quale il soggetto conoscente e la cosa conosciuta diventano un tutt'uno.
  47. ^ Vedi il De umbris idearum.
  48. ^ La Yates stessa ammette che la pratica mnemonica proposta da Bruno assume «forme impossibili», e si chiede se quella del filosofo non fosse un'esposizione che in realtà intendeva coprire altro, dissimulare una religione misterica, un sapere segreto che in virtù dell'amore e della magia consentisse di ritrovare in sé stessi il divino (Yates 1993, pp. 240-241). Gli studi della Yates sono stati criticati, in quest'aspetto, da Michele Ciliberto, secondo cui la Yates avrebbe interpretato l'intera opera di Bruno in chiave ermetica, facendo di Bruno un mago ermetico (Bruno 2008, introduzione, pp. 12-13).
  49. ^ Yates 1993, p. 236.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia