Arrigo Petacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arrigo Petacco nel 1973

Arrigo Petacco (Castelnuovo Magra, 7 agosto 1929) è un giornalista, saggista e storico italiano. È stato inviato speciale, caporedattore e direttore della Nazione di Firenze e del mensile Storia Illustrata. È inoltre stato autore di programmi televisivi a tema storico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Una scena dello sceneggiato Joe Petrosino: Adolfo Celi (sulla destra) interpreta il poliziotto italo-americano

Nato nel 1929 a Castelnuovo Magra, nella provincia della Spezia, ha iniziato la sua carriera giornalistica presso Il Lavoro di Genova diretto da Sandro Pertini. Prolifico scrittore storico, ha sceneggiato vari film e realizzato numerosi programmi televisivi, in particolare con la Rai. Nella sua attività giornalistica ha intervistato alcuni tra i protagonisti della seconda guerra mondiale.

Nel 1983 ha vinto il Premio Saint Vincent per il giornalismo grazie alle sue inchieste televisive[1] e nel 2006 il Premio Capo d'Orlando per il giornalismo[2]. Nel biennio 1986-87, succedendo a Tino Neirotti, ha diretto il quotidiano fiorentino La Nazione.

Dal suo romanzo biografico dedicato all'ufficiale della polizia USA Joe Petrosino, che combatté contro la mafia, è stato tratto nel 1972 lo sceneggiato televisivo intitolato appunto Joe Petrosino, mentre nel 1977 Pasquale Squitieri girò Il prefetto di ferro, tratto dall'omonimo romanzo di Petacco.

Nel novembre del 2014 viene intervistato dal blog di Beppe Grillo in merito all'omicidio Matteotti: nell'occasione, Petacco afferma di non aver "mai creduto che Mussolini avesse fatto il delitto", motivando la sua opinione con queste parole "Mussolini nel '24 ha ottenuto il 68,8% dei voti, vi rendete conto? Altro che violenza e che minaccia! E i socialisti, il povero Matteotti era al 18-20%. A questo punto la domanda che faccio io è: voi pensate che, 10 giorni prima[Da controllare, la citazione non sembra corretta. Vedi Discussione] che aveva stravinto le elezioni politiche, il capo del governo, non ancora dittatore, per fare uccidere il capo dell'opposizione manda 4 manigoldi con una lima arrugginita?"[3].

Le sue tesi sull'omicidio Matteotti sono messe in discussione da altri siti e blog[4][5].

Petacco vive a Portovenere, in provincia della Spezia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La morte cammina con la sposa, come Harry Arpet, Roma, Boselli, 1958.
  • L'anarchico che venne dall'America. Storia di Gaetano Bresci e del complotto per uccidere Umberto I, Milano, A. Mondadori, 1969; 2000. ISBN 88-04-47807-1.
  • Joe Petrosino, Milano, A. Mondadori, 1972.
  • Dal Gran Consiglio al Gran Sasso. Una storia da rifare, con Sergio Zavoli, Milano, Rizzoli, 1973.
  • Il prefetto di ferro. L'uomo di Mussolini che mise in ginocchio la mafia, Milano, A. Mondadori, 1975.
  • Le battaglie navali del Mediterraneo nella Seconda guerra mondiale, Milano, A. Mondadori, 1976.
  • Il Cristo dell'Amiata. Storia di David Lazzaretti, Milano, A. Mondadori, 1978.
  • La seconda guerra mondiale, 9 volumi, Roma, Curcio, 1979.
  • Riservato per il Duce. I segreti del regime conservati nell'archivio personale di Mussolini, Milano, A. Mondadori 1979.
  • Storia del fascismo, 6 volumi, Roma, Curcio, 1982.
  • Pavolini. L'ultima raffica di Salò, Milano, A. Mondadori, 1982.
  • I grandi enigmi fra cronaca e storia, 8 voll., Novara, De Agostini, 1983-1985.
  • Come eravamo negli anni di guerra? Cronaca e costume 1940-1945, Novara, De Agostini, 1984.
  • La Spezia in guerra, 1940-45. Cinque anni della nostra vita, Bologna-La Spezia, La Nazione-Cassa di Risparmio della Spezia, 1984.
  • Dear Benito, caro Winston. Verità e misteri del carteggio Churchill-Mussolini, Milano, A. Mondadori, 1985.
  • Italia terra di tesori, con la collaborazione di Sergio De Santis, Novara, De Agostini, 1987.
  • Storia d'Italia dall'unità ad oggi, 8 volumi, Roma, Curcio, 1987.
  • I ragazzi del '44, Milano, A. Mondadori, 1987. ISBN 88-04-30010-8.
  • Livorno in guerra. Come eravamo negli anni di guerra, hanno collaborato Ugo Mannoni e Giuseppe Isozio, Livorno, Il Telegrafo, 1988.
  • Storia bugiarda, Roma-Bari, Laterza, 1988. ISBN 88-420-3316-2.
  • W Gesù W Maria W l'Italia. Ugo Bassi, il cappellano di Garibaldi, Roma, Nuove edizioni del gallo, 1990.
  • 1940. Giorno per giorno attraverso i bollettini del Comando supremo, Milano, Leonardo, 1990. ISBN 88-355-0064-8.
  • 1941. Giorno per giorno attraverso i bollettini del Comando supremo, Milano, Leonardo, 1990. ISBN 88-355-0096-6.
  • 1942. Giorno per giorno attraverso i bollettini del Comando supremo, Milano, Leonardo, 1991. ISBN 88-355-0140-7.
  • 1943. Giorno per giorno attraverso i bollettini del Comando supremo, Milano, Leonardo, 1993. ISBN 88-355-0237-3.
  • La regina del Sud. Amori e guerre segrete di Maria Sofia di Borbone, Milano, A. Mondadori, 1992. ISBN 88-04-35979-X.
  • La principessa del nord. La misteriosa vita della dama del Risorgimento. Cristina di Belgioioso, Milano, A. Mondadori, 1993. ISBN 88-04-36725-3.
  • La signora della Vandea. Un'italiana alla conquista del trono di Francia, Milano, A. Mondadori, 1994. ISBN 88-04-35978-1.
  • La nostra guerra, 1940-1945. L'avventura bellica tra bugie e verità, Milano, A. Mondadori, 1995. ISBN 88-04-38526-X.
  • Il comunista in camicia nera. Nicola Bombacci, tra Lenin e Mussolini, Milano, A. Mondadori, 1996. ISBN 88-04-40305-5.
  • Regina. La vita e i segreti di Maria José, Milano, Mondadori, 1997. ISBN 88-04-42512-1.
  • L'archivio segreto di Mussolini, Milano, Mondadori, 1997. ISBN 88-04-42031-6.
  • L'armata scomparsa. L'avventura degli italiani in Russia, Milano, Mondadori, 1998. ISBN 88-04-42030-8.
  • Il superfascista. Vita e morte di Alessandro Pavolini, Milano, Mondadori, 1998. ISBN 88-04-44799-0.
  • L'esodo. la tragedia negata degli italiani d'Istria, Dalmazia e Venezia Giulia, Milano, Mondadori, 1999. ISBN 88-04-45897-6.
  • L'amante dell'imperatore. Amori, intrighi e segreti della contessa di Castiglione, Milano, Mondadori, 2000. ISBN 88-04-48177-3.
  • L'armata nel deserto. Il segreto di El Alamein, Milano, Mondadori, 2001. ISBN 88-04-48956-1.
  • Ammazzate quel fascista! Vita intrepida di Ettore Muti, Milano, Mondadori, 2002. ISBN 88-04-50686-5.
  • La Spezia. Una città ritrovata. Arrigo Petacco intervista il sindaco Giorgio Pagano, Genova, Sagep, 2002. ISBN 88-7058-846-7.
  • Faccetta nera. Storia della conquista dell'Impero, Milano, Mondadori, 2003. ISBN 88-04-51803-0.
  • L'uomo della provvidenza. Mussolini, ascesa e caduta di un mito, Milano, Mondadori, 2004. ISBN 88-04-53466-4.
  • La croce e la mezzaluna. Lepanto 7 ottobre 1571. Quando la Cristianità respinse l'Islam, Milano, Mondadori, 2005. ISBN 88-04-54397-3.
  • ¡Viva la muerte! Mito e realtà della guerra civile spagnola, 1936-39, Milano, Mondadori, 2006. ISBN 88-04-56002-9.
  • L'ultima crociata. Quando gli ottomani arrivarono alle porte dell'Europa, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-57261-9.
  • La scelta. L'invenzione della Repubblica Italiana, Roma, Curcio, 2008. ISBN 978-88-95049-33-5.
  • La strana guerra, 1939-1940. Quando Hitler e Stalin erano alleati e Mussolini stava a guardare, Milano, Mondadori, 2008. ISBN 978-88-04-58304-2.
  • Il regno del Nord. 1859. Il sogno di Cavour infranto da Garibaldi, Milano, Mondadori, 2009. ISBN 978-88-04-59355-3.
  • A. Petacco-Giancarlo Mazzuca, La Resistenza tricolore. La storia ignorata dei partigiani con le stellette, Collana Le Scie, Milano, Mondadori, 2010, ISBN 978-88-04-60144-9.
  • O Roma o morte. 1861-1870. La tormentata conquista dell'unità d'Italia, Milano, Mondadori, 2010. ISBN 978-88-04-60457-0.
  • La Spezia nel Risorgimento, La Spezia, Fondazione Eventi, 2011.
  • Quelli che dissero no. 8 settembre 1943. La scelta degli italiani nei campi di prigionia inglesi e americani, Mondadori, Milano, 2011. ISBN 978-88-04-61293-3.
  • Eva e Claretta. Le amanti del diavolo, Milano, Mondadori, 2012. ISBN 978-88-04-62246-8.
  • A Mosca, solo andata. La tragica avventura dei comunisti italiani in Russia, Milano, Mondadori, 2013. ISBN 978-88-04-63093-7.
  • La storia ci ha mentito. Dai misteri della borsa scomparsa di Mussolini alle «armi segrete» di Hitler, le grandi menzogne del Novecento, Milano, Mondadori, 2014. ISBN 978-88-04-63982-4.
  • Nazisti in fuga. Intrighi spionistici, tesori nascosti, vendette e tradimenti all'ombra dell'Olocausto, Milano, Mondadori, 2014. ISBN 978-88-04-64653-2.
  • Come eravamo negli anni di guerra. La vita quotidiana degli italiani tra il 1940 e il 1945, con la collaborazione di Marco Ferrari, Novara, UTET, 2015. ISBN 978-88-511-3491-4.
  • A. Petacco-Marco Ferrari, Ho sparato a Garibaldi. La storia inedita di Luigi Ferrari, il feritore dell'eroe dei due mondi, Collezione Le Scie, Milano, Mondadori, 2016, ISBN 978-88-04-65995-2.
  • La nostra guerra 1940-1945. L'Italia al fronte tra bugie e verità, Novara, UTET, 2016. ISBN 978-88-511-4065-6.
  • La guerra dei mille anni. Dieci secoli di conflitto fra Oriente e Occidente, Novara, UTET, 2017, ISBN 978-88-51-14455-5.
  • A. Petacco-Marco Ferrari, Caporetto. 24 ottobre-12 novembre 1917: storia della più grande disfatta dell'esercito italiano, Collezione Le Scie.Nuova serie, Milano, Mondadori, 2017, ISBN 978-88-046-7912-7.

Prefazioni, presentazioni e curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Bertillo, Cronaca di giorni duri. Città Sant'Angelo e la guerra, 1943-44, presentazione di Arrigo Petacco, Pescara, Orizzonti Angolani, 1986.
  • Pia Piccioni, Compagno silenzio. Una vedova italiana del gulag racconta, a cura di Arrigo Petacco, Milano, Leonardo, 1989. ISBN 88-355-0041-9.
  • Gino Patroni, Il meglio di Gino Patroni, prefazione di Arrigo Petacco, Milano, Longanesi; La Spezia, Cassa di risparmio, 1993. ISBN 88-304-1172-8.
  • Mario Lombardo, Le colonie e l'impero. Dall'archivio fotografico TCI, prefazione di Arrigo Petacco, Milano, Touring club italiano, 2004. ISBN 88-365-3071-0.
  • Alberto Cavanna e Furio Ciciliot, Nelson e noi. Un quasi saggio sul più famoso ammiraglio della storia, presentazione di Arrigo Petacco, Milano, Mursia, 2006. ISBN 88-425-3461-7.
  • Bettino Craxi, Passione garibaldina, prefazione di Arrigo Petacco, Venezia, Marsilio, 2007. ISBN 978-88-317-9371-1.
  • Giuseppe Meneghini, La Caporetto del fascismo. Sarzana, 21 luglio 1921, prefazione di Arrigo Petacco, Milano, Mursia, 2011. ISBN 978-88-425-4737-2.
  • Luciano Dalla Tana, Mussolini socialista rivoluzionario. Scritti, risse e invettive, prefazione di Arrigo Petacco, Parma, Edizioni Diabasis, 2013. ISBN 978-88-8103-808-4.

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

  • L'impresa di Premuda, Secondo Programma, 8 giugno 1966.
  • La battaglia d'Inghilterra, Secondo Programma, 17 marzo 1967.
  • La scomparsa di un sommergibile atomico, Programma Nazionale, 11 maggio 1967.
  • La fine della Graf Spee, Secondo Programma, 7 maggio 1968.
  • Prima pagina (Mussolini dal Gran Consiglio al Gran Sasso, con Sergio Zavoli), Programma Nazionale, 22 luglio 1968.
  • Lo sbarco di Salerno, Secondo Programma, 15 ottobre 1968.
  • Da Caporetto a Vittorio Veneto, Programma Nazionale, 13 novembre 1968.
  • Da Caporetto a Vittorio Veneto: il Piave, Programma Nazionale, 20 novembre 1968.
  • Da Caporetto a Vittorio Veneto: Vittorio Veneto, Programma Nazionale, 27 novembre 1968.
  • La fine del dirigibile, Programma Nazionale, 4 dicembre 1968.
  • La battaglia dell'Atlantico, Programma Nazionale, 11 dicembre 1968.
  • Operazione C-3: obiettivo Malta, Programma Nazionale, 18 dicembre 1968.
  • La vera storia di Eddie Chapman, Programma Nazionale, 8 gennaio 1969.
  • Valachi accusa, Programma Nazionale, 21 maggio 1969.
  • La battaglia di Mosca, Secondo Programma, 1º luglio 1969.
  • La battaglia di Mosca: i giorni della riscossa, Secondo Programma, 8 luglio 1969.
  • Lo battaglia di Normandia, Programma Nazionale, 23 luglio 1969.
  • L'ultima trincea, Programma Nazionale, 13 ottobre 1970.
  • La vera storia di Rommel, Programma Nazionale, 9 giugno 1971.
  • Sestante (I figli di Lawrence), Programma Nazionale, 29 gennaio 1972.
  • Ustascia, Secondo Programma, 15 maggio 1972.
  • Servizi speciali del telegiornale (I due Yemen), Programma Nazionale, 22 settembre 1972.
  • Servizi speciali del telegiornale (L'anno della svolta), Programma Nazionale, 11, 18, 25 agosto 1973.
  • La spia di Pearl Harbor
  • TG1, Rai 1, dal 1976 al 1986

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 1986. Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anno 1983, Premio Saint-Vincent per il giornalismo, 2 ottobre 2006. URL consultato il 26 luglio 2010.
  2. ^ Edizione 2006, Premio Capo D'Orlando. URL consultato il 26 luglio 2010.
  3. ^ Passaparola: Mussolini non ha ucciso Matteotti, Arrigo Petacco, beppegrillo.it, 24 novembre 2014
  4. ^ Arrigo Petacco: l'indegna difesa del Duce sul blog di Grillo, tagli.me.
  5. ^ grillo e petacco alla ricerca del mussolini buono, popoffquotidiano.it.
  6. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Petacco sig. Arrigo, quirinale.it. URL consultato il 6 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore de La Nazione Successore
Tino Neirotti 30 novembre 1986 - 16 novembre 1987 Roberto Ciuni
Controllo di autorità VIAF: (EN76358836 · LCCN: (ENn78096118 · SBN: IT\ICCU\CFIV\004499 · ISNI: (EN0000 0001 0917 2026 · GND: (DE1055805044 · BNF: (FRcb12175680d (data)