Arquebuse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arquebuse (Alpestre)
Arquebuse (Alpestre)
Origini
Luoghi d'origine Italia Italia
Francia Francia
Regione Piemonte
Zona di produzione Carmagnola
Dettagli
Categoria bevanda
Riconoscimento P.A.T.
Settore Bevande analcoliche, distillati e liquori
 

L'arquebuse, anche conosciuto come alpestre, è un distillato di erbe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È possibile datare le fonti storiche che parlano dell'arquebuse intorno alla fine del secolo XVII. Sicuramente prodotto originariamente in Francia, nella zona di Lione e del Rhone-Alpes, nacque nei monasteri. Il significato del nome ha più spiegazioni: dall'uso curativo sulle ferite da archibugio, alla sensazione che si ha dopo averlo bevuto nello stomaco, a causa dell'alta gradazione alcolica.

Caratteristiche del prodotto[modifica | modifica wikitesto]

La gradazione alcolica di questo liquore è elevata, e varia dai 30 ai 45°. Il colore varia dal giallo paglierino al verde chiaro.

Materiali e attrezzature[modifica | modifica wikitesto]

Variabile da produttore a produttore, la ricetta dell'arquebuse prevede 33 erbe, fra le quali il genepì, la verbena, la menta, la camomilla, la valeriana, l'issopo e il tanaceto. Quest'ultimo, in piemontese viene anche chiamato "erba di Arquibus".
Le erbe vengono fatte macerare, alcune secche, altre fresche, con l'alcool e dopo viene distillato il liquido ottenuto. Il liquore viene fatto invecchiare in botti di rovere.

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente veniva prodotto in quasi tutto il Piemonte. Oggigiorno è prodotto con il nome alpestre nella città di Carmagnola (TO), dove viene considerato prodotto agroalimentare tradizionale.

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina