Arnolfo di Reims

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arnolfo di Reims
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti arcivescovo di Reims dal 989 al 991 e dal 995 alla morte
Nato prima del 967
Deceduto 1021

Arnolfo di Reims (prima del 9675 marzo 1021) fu arcivescovo di Reims, deposto e poi reintegrato nella carica. Era figlio illegittimo di Lotario IV.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'arcivescovo Adalberone avrebbe voluto come proprio successore Gerberto di Aurillac ma il re, Ugo Capeto, accettò Arnolfo, uno degli ultimi carolingi, nel marzo 989.[2] Nel settembre di quell'anno Arnolfo sostenne un tentativo di riportare sul trono suo zio, il duca Carlo di Lorena, il quale, per un breve periodo, riuscì a tenere le città di Reims e Laon.[3] Nel 990 Arnolfo rifiutò di assistere ad un sinodo a Senlis e lui e lo zio vennero incarcerati il 29 marzo.

Nel giugno 991 Seguin, arcivescovo di Sens, presiedette un sinodo a Verzy, nei pressi di Reims, nell'abbazia di san Basilio, che depose Arnolfo per presunto alto tradimento, sostituendolo con Gerberto. Questo atto fu però molto contestato e Papa Giovanni XV mandò Leone, abate dell'abbazia dei Santi Bonifacio e Alessio a Roma, come legato per presiedere un sinodo a Mouzon, che si tenne il 2 giugno 995. Gerberto venne sospeso dall'episcopato. Un secondo sinodo, tenuto il 1º luglio, dichiarò l'intero processo di deposizione ed elevazione illegale e non valido: Arnolfo venne quindi reintegrato ed incoronò nel 1017 Ugo, figlio di Roberto II di Francia, come co-re secondo la tradizione dei Capetingi. Tutta la resistenza alla nuova dinastia morì con Arnolfo, nel 1021, ultimo discendente in linea diretta del ramo primogenito dei carolingi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lattin, p. 10.
  2. ^ Lattin, pp. 10-11.
  3. ^ Lattin, p. 12.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Reims Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Adalberone
965 - 989
989 - 991 Gerberto d'Aurillac
991 - 995
I
Gerberto d'Aurillac
991 - 995
995 - 1021 Ebles I de Roucy
1021 - 1033
II
Controllo di autorità VIAF: (EN24956635 · GND: (DE100936938 · CERL: cnp00165562