Armonie del pianeta Saturno (Roberto Lupi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Armonie del pianeta Saturno
CompositoreRoberto Lupi
TonalitàFa Sharp.svg min.
Tipo di composizionearia
Epoca di composizione1946
Durata media35 secondi
Organicotromba, arpa, archi

Armonie del pianeta Saturno, nota anche come L'aria di Saturno (o, semplicemente, Saturno), è una composizione musicale per tromba, arpa e archi del fiorentino Roberto Lupi.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Sigle televisive RAI[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rai § Sequenze_di_apertura_e_chiusura_delle_trasmissioni.

«Domani le trasmissioni riprenderanno, su Raiuno e Raidue, alle ore 12.30 e, su Raitre, alle ore 14.00. Signore e signori, a tutti buonanotte.»

(Ultimo annuncio di ogni "signorina buonasera", dopo il TG della notte)

Il brano fu scelto per l'accompagnamento della sigla di chiusura dei programmi RAI-TV, dal 3 gennaio 1954 al 28 gennaio 1986[1].

Descrizione della sigla[modifica | modifica wikitesto]

La sigla, ambientata su di un cielo nuvoloso, era identica a quella di apertura[2]; ma il traliccio (di disegno più corto) si muoveva dal basso verso l'alto, rispetto a quanto avveniva in apertura. Davanti a quest'animazione apparivano il logo "TV" e la scritta, in stampatello minuscolo, "r a i – radiotelevisione italiana"[3]; sostituiti, poi, dalla scritta in corsivo "Fine delle Trasmissioni" che rimaneva sullo schermo, per qualche secondo, fino alla scomparsa del traliccio.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ data in cui, come si pensava, avrebbe potuto essere sostituito da Il silenzio di Nini Rosso
  2. ^ quest'ultima, invece, era accompagnata da una versione per sola orchestra del brano Tutto cangia il ciel s'abbella, tratto dal finale del Guglielmo Tell di Gioacchino Rossini
  3. ^ il primo, al centro dello schermo; la seconda, in basso

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]