Armilla (architettura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In architettura, con il termine armilla si indica la parte di un arco, intradossale o estradossale (la parte inferiore o superiore), costituito da conci radiali di uguale altezza, utilizzati come ornamento.

Questo elemento architettonico si ritrova spesso nell'architettura romana; alla fine del II secolo a.C., comparvero armille costituite da un concio unico e due conci sovrapposti in alternanza, mentre, dal secolo successivo, si cominciarono a costruire archi con duplici o triplici armille (ad esempio, una triplice armilla è presente nella Cloaca Massima).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cloaca Massima, Romanoimpero.com. URL consultato il 22 marzo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]