Armen Sarkissian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Armen Sarkissian
Արմեն Սարգսյան
Sarkissian armen profile.jpg

Presidente dell'Armenia
Durata mandato 9 aprile 2018 –
23 gennaio 2022
Capo del governo Serž Sargsyan
Karen Karapetyan (ad interim)
Nikol Pashinyan
Predecessore Serž Sargsyan
Successore Alen Simonyan (ad interim)

Primo ministro dell'Armenia
Durata mandato 4 novembre 1996 –
20 marzo 1997
Predecessore Hrant Bagratyan
Successore Robert Kocharyan

Dati generali
Partito politico Indipendente
Titolo di studio candidate of Sciences in Physics and Mathematics
Università Università Statale di Erevan
Firma Firma di Armen Sarkissian Արմեն Սարգսյան

Armen Sarkissian (in armeno: Արմեն Սարգսյան?; in russo Арме́н Варда́нович Саркися́н?, traslitterato Armén Vardánovič Sarkisjan; Erevan, 23 giugno 1953) è un politico e accademico armeno, presidente dell'Armenia dal 2018 al 2022.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Erevan, nell'allora Armenia sovietica, si laureò in Fisica e matematica nella locale università.

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1991 e il 1995 è stato ambasciatore nel Regno Unito, incarico per altro ricoperto anche nel biennio 1998-1999, e dal 2013 in poi. Tra il 1995 e il 1997 ha guidato la missione diplomatica armena presso l'Unione europea.

Incarichi istituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricoperto il ruolo di Primo ministro dell'Armenia dal novembre 1996 al marzo 1997.

È membro della Global Leadership Foundation, un'organizzazione che lavora per sostenere la leadership democratica, prevenire e risolvere i conflitti attraverso la mediazione e promuovere il buon governo sotto forma di istituzioni democratiche, mercati aperti, diritti umani e mantenimento e ripristino dello stato di diritto. Lo fa mettendo a disposizione, con discrezione e fiducia, l'esperienza degli ex leader nei leader nazionali di oggi. È un'organizzazione senza fini di lucro composta da ex capi di governo, alti funzionari governativi e organizzazioni internazionali che lavorano a stretto contatto con i Capi di governo su questioni relative alla governance che li riguardano.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Nouneh Sarkissian, nata Darbinyan, la coppia ha due figli e tre nipoti.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 1979 al 1984, Professore assistente della Cattedra di fisica teorica presso l'Università Statale di Erevan (URSS)
  • Dal 1984 al 1985, Visiting Lecturer, presso l'Università di Cambridge
  • Dal 1985 al 1992, docente della Cattedra di Fisica Teorica presso l'Università Statale di Erevan (URSS / Armenia),
  • Dal 1990 al 1992, è stato Capo della Cattedra di Modellizzazione Computerizzata di Sistemi complessi di Università Statale di Yerevan,
  • Dal 1992 al 1996, incaricato d’affari e ambasciatore straordinario e plenipotenziario presso il Regno Unito
  • Dal 1993 al 1994, ambasciatore presso l’Unione europea,
  • Dal 1995 al 1996, ambasciatore presso Belgio, Paesi Bassi e Città del Vaticano,
  • Dal 1996 al 1997, Primo Ministro della Repubblica di Armenia,
  • Dal 1998 al 2000, ambasciatore straordinario e plenipotenziario presso il Regno Unito
  • Nel 2000 è stato il Fondatore dell'organizzazione no-profit internazionale Eurasia House
  • Dal 2001 al 2013 ha ricoperto vari incarichi presso le compagnie British Petroleum, Alcatel e Telefónica.
  • Dal 2014 al 2018 ambasciatore straordinario e plenipotenziario presso la Repubblica d'Irlanda
  • Dal 2018 al 2022 Presidente della Repubblica

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze armene[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente Ordine di San Gregorio Illuminatore
— 2008
Medaglia di Prima Classe per i Servizi in Patria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Prima Classe per i Servizi in Patria
— 2017

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di San Gregorio Magno - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Gregorio Magno
— Città del Vaticano, 1997
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 25 luglio 2018[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Armenia Successore Coat of arms of Armenia.svg
Serž Sargsyan dal 9 aprile 2018 Vahagn Khachaturyan
Predecessore Primo ministro dell'Armenia Successore Coat of arms of Armenia.svg
Hrant Bagratyan 4 novembre 1996 - 20 marzo 1997 Robert Kocharyan