Armand Fallières

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Armand Fallières
Armand Fallières Paris.jpg

Presidente della Repubblica Francese
Durata mandato 18 febbraio 1906 –
18 febbraio 1913
Capo del governo Maurice Rouvier
Ferdinand Sarrien
Georges Clemenceau
Aristide Briand
Ernest Monis
Joseph Caillaux
Raymond Poincaré
Aristide Briand
Predecessore Émile Loubet
Successore Raymond Poincaré

Presidente del Senato francese
Durata mandato 3 marzo 1899 –
13 febbraio 1906
Predecessore Émile Loubet
Successore Antonin Dubost

Presidente del Consiglio della Repubblica francese
Durata mandato 29 gennaio 1883 –
17 febbraio 1883
Presidente Jules Grévy
Predecessore Charles Duclerc
Successore Jules Ferry

Dati generali
Partito politico Alleanza Democratica Repubblicana
Università Facoltà di diritto di Parigi e Università di Tolosa
Armand Fallières d'Andorra
S.A. Coprincipe d'ufficio del
Principato di Andorra
In carica 18 febbraio 1906 - 18 febbraio 1913
Predecessore Émile Loubet d'Andorra
Successore Raymond Poincaré d'Andorra
Nome completo Armand Fallières
Altri titoli ex presidente della Repubblica francese
Nascita Mézin, 6 novembre 1841
Morte Mézin, 22 giugno 1931
Religione Cattolicesimo

Armand Fallières (Mézin, 6 novembre 1841Mézin, 22 giugno 1931) è stato un politico francese.

È stato Primo Ministro dal 29 gennaio al 21 febbraio 1883 e Presidente della Repubblica di Francia dal 18 febbraio 1906 al 18 febbraio 1913.

Nettamente contrario alla pena di morte, graziò tutti i condannati a tale pena negli anni in cui fu presidente.

Come collocazione politica fu un conservatore laico[1][2], favorevole al non intervento dello Stato nel sistema economico[3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Armand Fallières proveniva da una famiglia di proprietari rurali di Albret, situata a Mézin. Suo nonno paterno, Joseph Fallières (1781-1866), era un fabbro, mentre suo padre, Pierre Fallières (1810-1874), ricoprì l'incarico di perito agrario. La madre era Marie Magdeleine Émilie Sérizac.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Avvocato, nel 1876 fu eletto deputato, sedendo in Parlamento tra i repubblicani moderati.

Da allora la carriera di Armand Fallières fu rapida: Primo ministro dal 29 gennaio al 21 febbraio 1883, senatore dal 1890, il 18 febbraio 1906 fu eletto Presidente della Repubblica francese. Durante il suo mandato, turbato da scioperi e contrasti religiosi all'interno, e da frizioni coloniali con la Germania all'esterno, Fallières agì da moderatore.

La Conferenza di Algeciras[modifica | modifica wikitesto]

Infatti, sotto il governo Clemenceau, nel 1906 vi fu la completa riabilitazione di Alfred Dreyfus dall'accusa di alto tradimento e anche il varo di una nuova legislazione sociale, ma anche la rottura con i socialisti sull'uso politico dello sciopero. In politica estera, dopo la Crisi di Tangeri con la Germania nel 1905, s'indisse, dal gennaio all'aprile 1906, la Conferenza di Algeciras, per dirimere il problema del Marocco quale sfera d'influenza tra Francia e Germania; alla fine fu la Francia a veder riconosciuti implicitamente i suoi interessi nel Paese africano.

L'attentato[modifica | modifica wikitesto]

Aggressione a Fallières da parte di Mattis (copertina del Petit Parisien illustré del 10 gennaio 1909).

Il 25 dicembre 1908, mentre Fallières stava facendo una passeggiata sui Champs-Élysées, un commesso di caffè, che fu camelot du Roi, di nome Jean Mattis, si gettò sul presidente Fallières per tirargli la barbetta. Armand Fallières reagì un po' bruscamente vedendo l'energumeno e fu graffiato al collo e all'orecchio destro. Jean Mattis fu condannato a quattro anni di reclusione.

L'occupazione di Fez[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1911 sopraggiunse la Crisi di Agadir, quando il Kaiser Guglielmo II inviò nel porto marocchino di Agadir una nave da guerra per protestare contro l'occupazione francese di Fez, in contrasto con gli accordi di Algeciras. Fu l'inizio della seconda crisi marocchina fra i governi di Parigi e Berlino, che si concluse in novembre, con il riconoscimento tedesco del protettorato francese sul Marocco e dei compensi territoriali per i tedeschi nel Congo. Infine, con il trattato di Fez del 30 marzo 1912, il sultano marocchino 'Abd al- Hafîz riconobbe ufficialmente il protettorato francese sul suo Paese.

Il ritiro e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del suo mandato, il 18 febbraio 1913, Fallières si ritirò a vita privata, abbandonando la vita pubblica e morendo il 22 giugno 1931, a 89 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kay Chadwick, Catholicism, Politics and Society in Twentieth-Century France, 2000, Liverpool University Press, p. 60.
  2. ^ (EN) Kevin Passmore, From Liberalism to Fascism: The Right in a French Province, 1928-1939, 2002, p. 15.
  3. ^ (FR) Sylvie Guillaume e Rosemonde Sanson, Le centrisme en France au XIXe et XXe siècles: un échec? Le centrisme dans l'Alliance démocratique, 2005, pp. 93–104.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Legion d'Onore

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III
— 1905[1]
Gran Croce e Collare dell'Ordine di Carol I - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce e Collare dell'Ordine di Carol I
— 1908[2]
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 14 giugno 1907
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 1909
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1909
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1909
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale della Cambogia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale della Cambogia
Gran Cordone dell'Ordine del Dragone di Annam - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine del Dragone di Annam
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero di Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero di Russia)
Royal Victorian Chain - nastrino per uniforme ordinaria Royal Victorian Chain
— 1908
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 24 aprile 1906

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo Ministro della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Charles Duclerc 1883 Jules Ferry
Predecessore Presidente della Repubblica francese Successore
Émile Loubet 1906 - 1913 Raymond Poincaré
Predecessore Coprincipe di Andorra Successore Coat of arms of Andorra 3d.svg
Émile Loubet
con Joan Josep Laguarda y Fenollera
1906-1913
con Josep Pujargimzú dal 1906 al 1907
con Juan Benlloch y Vivó dal 1907 al 1913
Raymond Poincaré
con Juan Benlloch y Vivó
Controllo di autoritàVIAF (EN22152268 · ISNI (EN0000 0000 5091 2084 · LCCN (ENnr88007440 · GND (DE117498556 · BNF (FRcb120039072 (data) · BAV (EN495/366364 · WorldCat Identities (ENlccn-nr88007440
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie