Ariella Reggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ariella Reggio (Trieste, 6 settembre 1936) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi diplomata al Liceo Classico, studia recitazione alla scuola Silvio D'Amico di Trieste. Entra poi a far parte della compagnia di prosa della RAI. Negli anni sessanta si trasferisce in Inghilterra dove rimane 5 anni e collabora con la BBC, conducendo alcune trasmissioni culturali radiofoniche e televisive.

Tornata in Italia, continua a lavorare come attrice teatrale in vari teatri, tra cui il Piccolo Teatro di Milano di Giorgio Strehler ed il Teatro della Tosse di Genova, ed inizia una lunga collaborazione col Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Partecipa inoltre a numerose operette al Teatro Verdi di Trieste.

Nel 1976 è tra le fondatrici del "Teatro Popolare La Contrada", che ora ha sede a Trieste presso il Teatro Orazio Bobbio. Collabora attivamente nella produzione della Contrada in testi sia comici che drammatici; ha collaborato con il Teatro Stabile di Firenze in Ti ho sposato per allegria e il compleanno.

Nel 1988 recita in televisione ne La coscienza di Zeno, miniserie televisiva in due puntate con Johnny Dorelli e Ottavia Piccolo, diretta da Sandro Bolchi. Nel 2006 lavora al film Il giorno + bello. Nel 2008 è nel cast del film Si può fare e della miniserie TV Rebecca, la prima moglie. Dallo stesso anno è nel cast della serie televisiva Tutti pazzi per amore. Nel 2010 recita in un episodio di Boris, e nel 2011 partecipa alla miniserie TV Atelier Fontana - Le sorelle della moda.

Nel 2014 le viene conferito il premio San Giusto d'Oro dai cronisti del Friuli Venezia Giulia.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]