Ariel Fernandez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ariel Fernández Stigliano

Ariel Fernández Stigliano (Bahía Blanca, 8 aprile 1957) è un chimico e biofisico argentino naturalizzato statunitense[1].

Istruzione e inizio carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fernandez ha ricevuto i gradi Licenza in Chimica (1979) e Matematica (1980) dalla Universidad Nacional del Sur, Argentina.[1] Ha poi conseguito un dottorato in chimica fisica dalla Yale University, Stati Uniti d'America, nel 1984[2] nel laboratorio di Oktay Sinanoğlu. Le sue articoli presto pubblicati[3] lo elencano anche come associati con il Weizmann Institute of Science e la Università di Princeton. Era un ricercatore senior nella divisione del premio Nobel Manfred Eigen presso l'Istituto Max Planck di chimica biofisica alla Germania.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fernandez è affiliato come Professore con più istituzioni, tra cui l'Istituto Max Planck di Biochimica, l'Università di Chicago, Osaka University, l'Indiana University School of Medicine, l'Istituto Morgridge per la ricerca, e la Nazionale Tsing-Hua Università. Fernandez ha tenuto la cattedra Karl F. Hasselmann di Bioingegneria presso la Rice University (Stati Uniti d'America).[4]

Fernandez a sviluppato il concetto di dehydron,[5] un difetto strutturale nella proteina che promuove la propria disidratazione.[6] Un dehydron è costituito da un legame di idrogeno intramolecolare che è "underwrapped" o non completamente schermato dall'attacco dall'acqua nella sfera di solvatazione.[7] Il dehydron causa "tensione epistructurale", vale a dire, tensione superficiale intorno alla struttura delle proteine[8], e quindi promuove le associazioni proteina-proteina e proteina-ligando.[9] Il dehydron ha implicazioni per la scoperta di farmaci, come dehydrons possono essere bersaglio di farmaci altamente specifici / ligandi progettati per migliorare dehydron avvolgere dal legame.[10] Quindi, dehydrons costituiscono filtri di selettività efficaci per la progettazione di farmaci, dando luogo alla cosiddetta "tecnologia di confezionamento", una piattaforma per progettare farmaci più sicuri.[11][12][13][14]

Fernandez ha pubblicato tre libri e più di 426 articoli scientifici.[15]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Fernandez è stato assegnato il distinto Camille e Henry Dreyfus Nuova Facoltà nel 1989[1]; la Camille e Henry Dreyfus Teacher-Scholar nel 1991[16]; Guggenheim Fellow nel 1995[17]; ed è un Fellow eletto della American Institute per la Ingegneria medica e biologica nel 2006[18].

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Transformative Concepts for Drug Design: Target Wrapping, Ariel Fernández (ISBN 978-3642117916, Springer-Verlag, Berlin, Heidelberg, 2010).
  • Biomolecular Interfaces, Ariel Fernández Stigliano (ISBN 978-3319168494, Springer-Verlag, Berlin, Heidelberg, 2015).
  • Physics at the Biomolecular Interface, Ariel Fernández (ISBN 978-3319308517, Springer-Verlag, Berlin, Heidelberg, 2016).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ariel Fernandez, Ariel Fernandez CV and Biographical Narrative, su academia.edu.
  2. ^ Ariel Fernandez. Yale University Dissertation: Structural Stability of Chemical Systems at Critical Regimes (Dissipative Structures, Potential Energy Surfaces). Published/Created:1984
  3. ^ Ariel Fernandez ResearcherID Thomson Reuters [1]
  4. ^ Administration and faculty, in Catalog 2010–2011, Rice University. URL consultato il 2 dicembre 2014..
  5. ^ Fernández A, Scott R. Dehydron: a structurally encoded signal for protein interaction. Biophys J. 2003 Sep;85(3):1914-28. PMID 12944304 [2]
  6. ^ Fernández A, Scott R. Adherence of packing defects in soluble proteins. Phys Rev Lett. 2003 91(1):018102. PMID 12906578 [3]
  7. ^ Koppes S. for University of Chicago News Office. Discovery of new sticky force that binds proteins could lead to better drug design. 2 July 2003 [4]
  8. ^ Fernández A. Epistructural tension promotes protein associations. Phys Rev Lett. 2012 May 4;108(18):188102. PMID 22681121 [5]
  9. ^ Monroe D. Focus: Proteins Hook up Where Water Allows. Physics 2012 May 4; 5, 51 [6]
  10. ^ Crunkhorn S. Anticancer drugs: Redesigning kinase inhibitors. February 2008. Nature Revs Drug Discovery 7:120-121 doi 10.1038/nrd2524 [7]
  11. ^ Boyd J. for Rice University News and Media. Drug design: New book introduces fresh approach. 28 April 2010 [8]
  12. ^ Demetri G. D. Structural reengineering of imatinib to decrease cardiac risk in cancer therapy.2007 Dec 3; J Clin Invest. 117(12):3650–3653. doi 10.1172/JCI34252 [9]
  13. ^ Dunham W. Reworked Gleevec curbs heart-related complication. REUTERS December 3, 2007 [10]
  14. ^ Wisconsin Alumni Research Foundation, Invention: Treating Heart Failure by Inhibiting Myosin Interaction with a Regulatory Myosin Binding Protein (US patent No. 9,051,387), Inventors: Richard L. Moss and Ariel Fernandez [11]
  15. ^ ORCID Profile for Ariel Fernandez [12]
  16. ^ Camille Dreyfus Teacher-Scholar Awards Program Past Awards (PDF), su dreyfus.org. URL consultato il 3 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2016).
  17. ^ Ariel Fernández, su Fellows, John Simon Guggenheim Memorial Foundation. URL consultato il 27 settembre 2012.
  18. ^ College of Fellows, su Members, American Institute for Medical and Biological Engineering. URL consultato il 27 settembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122315132 · ISNI (EN0000 0001 1954 7012 · LCCN (ENnb2010015181 · ORCID (EN0000-0002-5102-4294