Argonauta (sommergibile 1932)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Argonauta
Sommergibile Argonauta (1932) alla consegna.jpg
L'Argonauta ripreso subito dopo la consegna alla Regia Marina
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
TipoSommergibile di piccola crociera
ClasseArgonauta
ProprietàRegia Marina
CantiereCRDA, Monfalcone
Impostazione9 novembre 1929
Varo10 gennaio 1931
Entrata in servizio1º gennaio 1932
Destino finalescomparso dopo il 27 giugno 1940
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione810,43 t
Dislocamento in emersione666,56 t
Lunghezzafuori tutto 61,5 m
Larghezza5,65 m
Pescaggio4,64 m
Profondità operativa80 m
Propulsione2 motori diesel Tosi da 1250 CV totali
2 motori elettrici Magneti Marelli da 800 CV totali
Velocità in immersione 8 nodi
Velocità in emersione 14 nodi
Autonomiain emersione: 2300 mn a 14 nodi
o 3180 mn a 10,5 nodi
in immersione: 7,5 mn alla velocità di 7,5 nodi
o 110 mn a 3 nodi
Equipaggio4 ufficiali, 32 sottufficiali e marinai
Armamento
Armamento

dati presi da [1]

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

L'Argonauta è stato un sommergibile della Regia Marina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'entrata in servizio passò qualche mese a Pola e Monfalcone[1].

Nel 1932 fu dislocato a Taranto e l'anno successivo la sua base fu spostata a Messina[1]. Nel 1933 svolse un lungo viaggio di addestramento in acque mediterranee[1].

Negli anni trenta fu impiegato nell'addestramento; nel 1936 fu trasferito a Tobruk, in seno alla 61ª Squadriglia Sommergibili[1][2].

Subito prima dell'ingresso in guerra dell'Italia fu mandato in missione offensiva un centinaio di miglia a nordest di Alessandria d'Egitto, al comando del tenente di vascello Vittorio Cavicchia Scalamonti[1][2][3]. Il 21 giugno fu rilevato da cacciatorpediniere e bombardato con cariche di profondità; il periscopio d'attacco fu messo fuori uso ed il sommergibile, pur riuscendo infine a sottrarsi alla caccia, subì altri danni di una certa gravità, che lo obbligarono a fare ritorno a Tobruk, dove arrivò il giorno seguente, di pomeriggio[1][2][3].

Dopo aver subito alcune riparazioni provvisorie nella base libica, il 27 giugno, alle 21.45, partì per ricevere lavori più approfonditi nell'Arsenale di Taranto (la rotta da seguire sarebbe stata la seguente: cabotaggio lungo la costa della Libia sino a Capo Ras el Hilal, poi rotta nord-nordovest verso Capo Colonne), ma non se ne seppe più nulla[1][2][3].

Due sono le azioni antisommergibile che possono con ogni probabilità aver determinato la fine dell'Argonauta:

  • un attacco con bombe di profondità compiuto alle 6.15 del 29 giugno dai cacciatorpediniere britannici Dainty, Defender e Ilex (cui parteciparono anche altri due cacciatorpediniere, il Decoy ed il Voyager) in posizione 35°16' N e 20°20' E, nel corso dell'operazione britannica «MA 3» (se così fosse, l'Argonauta fu affondato a circa un terzo del percorso)[2][3][4] (tale versione è quella più nota e generalmente accettata);
  • un attacco (due passaggi con lo sgancio di bombe) compiuto da un idrovolante Short Sunderland alle 14.50 del 29 giugno contro un sommergibile a quota periscopica, nel punto 37°29' N e 19°51' E, ritenendo di aver affondato tale battello (data però la velocità dell'Argonauta, sembra poco probabile che potesse trovarsi in quella posizione, troppo avanzata)[2].

Con il sommergibile scomparvero il comandante Cavicchia Scalamonti, 4 altri ufficiali e da 43 fra sottufficiali e marinai[2].

L'Argonauta aveva svolto due sole missioni belliche (una offensiva ed una di trasferimento) per totali 1400 miglia di navigazione in superficie e 350 in immersione[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Museo della Cantieristica.
  2. ^ a b c d e f g Sommergibile "Argonauta" 2°.
  3. ^ a b c d Regio Sommergibile Argonauta.
  4. ^ Giorgio Giorgerini, Uomini sul fondo. Storia del sommergibilismo italiano dalle origini a oggi, p. 242.
Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina