Aree insulari degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un'area insulare è un Territorio degli Stati Uniti che non fa parte di nessuno stato né del District of Columbia.

Insular area è il termine generico corrente che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti usa per riferirsi a qualsiasi commonwealth, stato liberamente associato, possedimento o territorio controllato dal governo statunitense. In altri contesti, le aree insulari degli Stati Uniti possono essere descritte come dipendenze, protettorati o aree dipendenti (non facenti parte di altri paesi).

I residenti di queste aree sono considerati nazionali degli Stati Uniti, dato che non pagano le tasse federali, non partecipano alle elezioni presidenziali né eleggono membri del congresso. Sono liberi di muoversi all'interno del paese senza restrizioni di immigrati e i prodotti delle loro aree hanno l'etichetta "Made in the USA".

Lista e status[modifica | modifica sorgente]

Alcune isole dell'Oceano Pacifico e del Mar dei Caraibi sono considerate Aree insulari degli Stati Uniti.

Incorporate (parte degli Stati Uniti)[modifica | modifica sorgente]

Abitati[modifica | modifica sorgente]

  • nessuno

Disabitate[modifica | modifica sorgente]

Non incorporate (possedimenti)[modifica | modifica sorgente]

Abitate[modifica | modifica sorgente]

Disabitate[modifica | modifica sorgente]

Oltre all'Atollo Palmyra, formano le Isole minori esterne degli Stati Uniti:

Dal 18 luglio 1947 al 1º ottobre 1994 gli Stati Uniti hanno amministrato il Trust Territory of the Pacific Islands, ma successivamente hanno modificato i rapporti politici con le varie aree componenti, una delle quali sono le Marianne Settentrionali e le altre i tre stati liberamente associati.

Disputate[modifica | modifica sorgente]

Vecchi possedimenti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]