Area di libero scambio dell'ASEAN

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Area di libero scambio dell'ASEAN (ASEAN Free Trade Area, AFTA) fu creata nel 1992 sulla base di un trattato internazionale sottoscritto dai paesi dell'ASEAN. L'accordo consisteva in una riduzione progressiva ed il successivo annullamento dei dazi doganali tra i paesi sottoscrittori. Il trattato si è perfezionato dopo varie revisioni dell'accordo nel 2010 per i membri fondatori e nel 2015 per i restanti cinque.

Gli obiettivi principali di AFTA sono:

  • Aumentare il vantaggio competitivo di ASEAN quale base produttiva nel mercato mondiale attraverso l'eliminazione, all'interno dell'ASEAN, di tariffe e barriere non tariffarie
  • Attirare più investimenti esteri all'interno l'ASEAN.

Lo schema CEPT[modifica | modifica wikitesto]

Il meccanismo principale per raggiungere tali obiettivi è il regime tariffario preferenziale comune CEPT (Common Effective Preferential Tariff). A differenza dell'UE, l'AFTA non applica un sistema tariffario comune alle merci importate da fuori dell'area. Ciascun membro dell'ASEAN può imporre dazi sulle merci importate dall'esterno dell'ASEAN in base ai suoi programmi nazionali. Tuttavia, per le merci originarie dell'ASEAN, i membri dell'ASEAN devono applicare un riduzione tariffaria. Ai membri entrati più recentemente nell'ASEAN: Cambogia, Laos, Myanmar e Vietnam, noti anche come paesi CMLV, è stato concesso un periodo aggiuntivo transitorio per attuare la riduzione delle aliquote.

Accordi di libero scambio con stati individuali[modifica | modifica wikitesto]

L'AFTA ha singoli accordi di libero scambio con l'Australia, Nuova Zelanda, Repubblica Popolare Cinese, Corea del Sud e Giappone.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]