Arduino Paniccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Arduino Paniccia (Milano, 31 gennaio 1946) è un opinionista, scrittore e docente italiano. Analista di strategia militare e di geopolitica, insegna Relazioni Internazionali alla Facoltà di Scienze Politiche di Trieste presso la sede di Gorizia per il corso in Scienze Internazionali e Diplomatiche.

È un commentatore e analista per diverse testate giornalistiche, televisive e sul web[1] di temi di geo-politica e strategia internazionale. Opinionista di RAI UNO-mattina[2], La7, SKY dei telegiornali e giornali radio della RAI, Radio TV svizzera, Radio Vaticana[3], Radio Capodistria e Radio 24[4]. Scrive su riviste e quotidiani nazionali ed internazionali (Panorama[5], Economy, Il Foglio[6], Le Formiche[7], Herald Tribune). Frequentemente intervistato sui principali quotidiani nazionali (La Stampa[8], Il Corriere, Libero[9], Il Sole 24 ORE, Il Giornale[10]), collabora inoltre con l'ISPI[11], è direttore accademico dell'Istituto Italiano di Studi Strategici IISS N. Machiavelli[12], nel 2013 fonda a Venezia "ASCE Scuola di Competizione Economica Internazionale" [1]. Dal 2014 scrive per la Rivista Militare dello Stato Maggiore dell'esercito italiano.

Fa parte, dal 2001, del Sovrano militare ordine di Malta col titolo di Cavaliere di Grazia Magistrale[senza fonte].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Conclusi gli studi all'istituto Nautico di Trieste si imbarca su un mercantile britannico, successivamente militarizzato e partecipa al conflitto in Vietnam imbarcato nelle unità di supporto logistico (1966-1967).[13] Si laurea nel luglio del 1971 in “Scienze Economico – Marittime” presso l'Università Navale di Napoli con una Tesi in Economia dei Trasporti Marittimi e Aerei. È stato impegnato in molteplici missioni internazionali nelle aree coinvolte da conflitti, come esperto in terrorismo, guerriglia e peace-keeping. Ha preso parte alle missioni di pace nell'area balcanica, in particolare nelle operazioni di aiuto umanitario nell'inverno '93/'94 nella città assediata di Sarajevo. È stato inoltre componente della Task Force per la ricostruzione nei Balcani e Presidente della Task Force per la ricostruzione in Libia. Ha operato, oltre alla Bosnia, in Albania, Croazia, Kosovo, Macedonia e Serbia. Ha effettuato numerose missioni in Afghanistan, Pakistan, nell'area del Golfo Persico. Nel 1981 nominato Consigliere di Amministrazione nella Holding del Gruppo AGUSTA SpA.. Dal gennaio 2001 è Senior Advisor dell'UNCTAD/ONU, Ginevra, per il progetto Mediterraneo 2000 e successivamente 2007 responsabile della missione di cooperazione UNIDO per l'area del Libano, Giordania, Iraq. Con Edward Luttwak, ha scritto saggi sulle strategie della globalizzazione, ha collaborato con il Centro Studi Strategici di Washington. È altresì autore di monografie sull'ingresso della Cina nell'Organizzazione Mondiale del Commercio e sulla gestione della rete/ICANN e sulla definizione del corridoi paneuropei dei trasporti. Dal 2006 è docente della Scuola di Polizia Interforze, per il Ministero dell'interno, a Roma nel corso di Criminalità e terrorismo transnazionale.

Onorificenze e incarichi diplomatici[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994 - “Strategia e Individuo” – Muzio Editore, Padova (introd. di E. Luttwak), ISBN 88-7021-697-7;
  • 1997 - “Due Italie e mezza Europa” – Egida, Università di Padova (introd. di E. Luttwak);
  • 1998 - “Il Nuovo Ordine Economico Mondiale: G8, W.B., WTO, FMI” – Università di Trieste;
  • 2000 - “I Nuovi Condottieri – Vincere nel XXI secolo” con Edward Luttwak – Marsilio/Rizzoli (5ª edizione);
  • 2001 - “La Ricostruzione in Serbia e nei Balcani: i Corridoi Pan-Europei dei Trasporti” – Edizioni EIC/U.E. – Bruxelles;
  • 2001 - “L'Unione Europea, la Cina e gli Stati Uniti nel Sistema Multilaterale degli Scambi: l'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) dopo Seattle” – Edizioni EIC/U.E. – Venezia;
  • 2002 - Segre G., Muraro G., Paniccia A. – “Strategia e Globalizzazione” in “Fisco e Impresa nel Mercato Globale” – Cedam – Padova;
  • 2006 - “La Quarta Era” – Mazzanti Editori, Quaderni di Studi Strategici, Università di Trieste, ISBN 88-88114-64-5;
  • 2008 - “La pace armata. IL ruolo dell'Italia nella nuova dottrina strategica nel Mediterraneo” coautori Gen. CC L. Leso e Andrea Castelli Cossiga – Mazzanti Editori, Quaderni di Studi Militari e Strategici, Università di Trieste;
  • 2013 - “Trasformare il Futuro. Nuovo manuale di Strategia" - Mazzanti Editori - Venezia, ISBN 978-88-98109-11-1.
  • 2017-"Sfide geoeconomiche",Fuoco, Roma .Introduzione di Arduino Paniccia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Globalist – Affari Italiani
  2. ^ Uno mattina 2010-2011, 26/4/2011, "Il mondo nell'era post Bin Laden"
  3. ^ Radio Vaticana Radio Vaticana
  4. ^ Radio 24, 12/3/13, ore 9, intervento sui Marò in India; Arduino Paniccia con Giuliana Sgrena
  5. ^ Libia, la Task force Italia si prepara all'affare - Panorama
  6. ^ Il Foglio, 23/7/2009, pag 3, "Analisi di Arduino Paniccia: A Islamabad i talebani fanno fatica a trovare reclute"
  7. ^ Mal d'Africa. Come le guerre del continente nero sballano la sicurezza mondiale - Formiche
  8. ^ La Stampa, 3/11/2010, pag 17, "Nasce il coté atlantico dell'europa militare. Paniccia: Adesso l'Italia si allei con la Germania"
  9. ^ Libero, 15/4/2004, pag 7, "Tre squadre di agenti segreti in azione in Iraq"
  10. ^ Il Giornale, 5/12/2011, "Wikileaks secondo Arduino Paniccia"
  11. ^ Libia: democrazia o anarchia? | ISPI
  12. ^ Arduino Paniccia | Istituto Machiavelli
  13. ^ Vietnam Veterans of America – Directory 2004, pag. 1034, pag. 1084
  14. ^ http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=195333
  15. ^ http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=154003

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie