Arco di San Pierino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volta di San Piero
Arco di San Pierino 1.JPG
Altri nomiArco di San Pierino
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàFirenze
Quartierequartiere 1
Codice postale50122
Informazioni generali
Tipostrada coperta
Pavimentazionelastrico
Intitolazionechiesa di San Pier Maggiore
Collegamenti
Iniziovia dell'Oriuolo
Finepiazza San Pier Maggiore
Mappa
Coordinate: 43°46′17.76″N 11°15′42.48″E / 43.7716°N 11.2618°E43.7716; 11.2618

La volta di San Piero, meglio conosciuta come arco di San Pierino, è un passaggio coperto tra piazza San Pier Maggiore e via dell'Oriuolo angolo via Sant'Egidio/Borgo Pinti a Firenze.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Da non confondere con l'arco seicentesco ben più in vista nella piazza (si tratta invece dei resti dell'antica chiesa di San Pier Maggiore, distrutta nel Settecento)[1], l'arco di San Pierino è invece un passaggio coperto piuttosto lungo e molto più antico, realizzato in conci di pietraforte a vista.

Si ritiene che sia un vestigio dell'antica cinta muraria di Firenze, quella realizzata tra il 1173 e il 1175, che proprio qui girava ad angolo verso sud, verso l'Arno. In particolare qui si doveva aprire la postierla degli Albertinelli, dal nome di una famiglia che aveva le case in questa zona, e che era sorvegliata dalla torre dei Pazzi di Valdarno, di cui restano le vestigia in borgo Albizi 30 rosso. Su via dell'Oriuolo infatti la porta era contrassegnata da uno stemma Pazzi, oggi illeggibile. Dell'epoca in cui l'arco era una struttura difensiva restano alcune botole nel soffitto, per lo più murate, ma una delle quali conserva ancora una copertura in legno.

Dentro il passaggio vennero ricavate nel tempo alcune botteghe di cibarie, mescite di vino, friggiorie e trippai, alcune delle quali sono tuttora esistenti. Vennero descritti anche da Bruno Cicognani ne La cantiflora.

Insieme con la retrostante piazza, l'arco è stato sottoposto ad un radicale rifacimento della pavimentazione e dell'illuminazione nel 2008[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’ arco di San Pierino: vestigia del fu San Pier Maggiore, su Curiosità su Firenze. URL consultato il 27 ottobre 18.
  2. ^ Inaugurato il 'nuovo' arco di San Pierino, su La Nazione. Firenze, 8 dicembre 2008. URL consultato il 27 ottobre 18.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune di Firenze, Stradario storico e amministrativo della città e del Comune di Firenze, Firenze, Tipografia Barbèra, 1913;
  • Comune di Firenze, Stradario storico e amministrativo della città e del Comune di Firenze, Firenze, 1929;
  • Piero Bargellini, Ennio Guarnieri, Le strade di Firenze, 4 voll., Firenze, Bonechi, 1977-1978, III, 1978, p. 99.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Firenze Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze