Arco di Malborghetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arco di Malborghetto
Arco di Malborghetto 0139.JPG
L'arco o casale di Malborghetto
CiviltàRomana
EpocaIV secolo
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma Capitale
Amministrazione
EnteSoprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l'Area Archeologica di Roma
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°03′08.63″N 12°29′13.32″E / 42.052398°N 12.487033°E42.052398; 12.487033

L'arco di Malborghetto è un tetrapilo (un arco quadrifronte, ovvero a quattro arcate) posto nella campagna a nord di Roma al diciannovesimo chilometro della via Flaminia. Attualmente, causa il riutilizzo nei secoli, per usi civili, si presenta come una massiccia costruzione che ricorda a prima vista una struttura di epoca medioevale. In realtà questo imponente manufatto è di età più antica risultando databile alla prima metà del IV secolo. L'originario rivestimento marmoreo è andato completamente perduto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quello che oggi appare come un austero casale era in realtà, in epoca romana, un arco quadrifronte simile per aspetto e dimensioni a quello impropriamente chiamato arco di Giano al Velabro e che viene citato nei Cataloghi regionari del IV secolo col nome di Arcus Divi Costantini. Attualmente il suo nome deriva dalla località nella quale si trova, Malborghetto, viene chiamato appunto casale o arco di Malborghetto ed è sede di un museo e di un distaccamento della Sovraintendenza dei Beni Culturali[1]. I suoi quattro archi sovrastavano l'incrocio di due importanti assi viari, la via Flaminia e la via Veientana di cui oggi rimangono interessanti resti riportati alla luce nell'area circostante il monumento.

Resti via Flaminia.

Le prime notizie ufficiali riguardanti la struttura risalgono al 1256 e le troviamo in un atto di compravendita in una divisione di beni di proprietà della famiglia Orsini, dove viene citato come un piccolo borgo protetto da una doppia cinta muraria. In epoca medioevale, forse XI secolo, l'arco fu trasformato in chiesa a croce greca con la chiusura dei quattro fornici e la costruzione di un'abside sul lato orientale. Il basolato stradale fu deviato all'esterno.

Plastico ricostruttivo dell'arco di Malborghetto trasformato in chiesa

Il toponimo Malborghetto è più recente e si ritiene riferito alla devastazione subita ad opera degli Orsini nel 1485 per scacciare i Colonna, che ne avevano preso possesso con l'appoggio del papa. L'edificio cadde in completo abbandono fino alla metà del Cinquecento quando fu preso in affitto da un aromatarius (erborista) milanese che risiedeva a Roma, di nome Costantino Pietrasanta, che lo ristrutturò completamente. L'aspetto attuale è sostanzialmente quello conferitogli dal Pietrasanta e nei secoli successivi fu adibito agli usi più vari come osteria, casale, stazione di posta.

Una svolta importante alla comprensione delle origini di questa costruzione fu data agli inizi Novecento dal giovane archeologo tedesco Fritz Toebelmann che lo studiò per cinque anni arrivando alla conclusione che fosse stato edificato prima della fine del IV secolo.

Il Toebelmann ottenne questa convinzione grazie ad una minuziosa opera di ispezione della costruzione che lo portò a scoprire, su di un mattone posto sotto l'intonaco della volta centrale dell'arco, un bollo laterizio di età Dioclezianea. Questo gli permise di dimostrare che la datazione di edificazione del monumento non potesse essere precedente a questo periodo.

Bollo laterizio Dioclezianeo.

Il geniale archeologo tedesco morì però prematuramente durante la prima guerra mondiale, non senza tuttavia aver lasciato interessanti spunti di approfondimento ai futuri studiosi. Il Toebelmann infatti descrisse in modo molto accurato l'aspetto che tale monumento doveva avere in origine, ma ancor più importante il perché si trovasse in quel luogo. Fu lui il primo a sostenere che tale monumento fosse stato eretto nel luogo dove le truppe di Costantino I si accamparono in attesa dello scontro con Massenzio in quanto, se avesse dovuto commemorare la vittoria, sarebbe stato collocato nel punto di inizio della battaglia e cioè in località Saxa Rubra o nel punto della sua conclusione cioè al ponte Milvio. Rimane curioso ancorché inusuale commemorare la locazione di castra aestiva (Castrum, accampamento da campagna militare) che ha indotto gli studiosi a supporre che il monumento potesse essere legato alla leggendaria "visione" che Costantino riferì di aver avuto alla vigilia dello scontro con Massenzio. Gli studi più recenti svolti dal prof. Gaetano Messineo hanno sostanzialmente confermato le deduzioni del Toebelmann.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura architettonica della costruzione originale era quella di un arco quadrifronte a pianta rettangolare (14,86 m x 11,87 m) di proporzioni imponenti (si ipotizza fosse alto circa 18 m) paragonabili al cosiddetto arco di Giano del Velabro come si può evincere dai basamenti di travertino dei quattro archi.

La struttura muraria in laterizio, ancora visibile, lascia supporre un rivestimento di lastre di marmo ancorate tramite grappe metalliche a fori quadrati ancora presenti sulle pareti esterne. Si ipotizza la presenza di colonne su due o quattro facciate sormontate da una imponente trabeazione. L'attico sosteneva un tetto piano ed era diviso, al suo interno, da due muri che creavano tre ambienti comunicanti tramite aperture ad arco.

Ricostruzione grafica arco di Malborghetto del Sangallo

La costruzione era attraversata in direzione nord - sud dalla via Flaminia ed in direzione est – ovest dalla via Veientana (delle quali sono ancora presenti resti del basolato all'interno del casale e nel perimetro esterno dell'arco).

Dobbiamo all'architetto Giuliano da Sangallo, uno dei più grandi architetti del Rinascimento, la prima ricostruzione grafica dell'aspetto che doveva avere il monumento originale[2].

Successivamente anche l'archeologo Fritz Toebelmann realizzò una ricostruzione grafica dello stesso.

Recenti studi in ambito universitario hanno permesso di realizzarne un nuovo modello sfruttando la tecnologia 3D.

Ricostruzione grafica arco di Malborghetto di Fritz Toebelmann
Ricostruzione grafica arco di Malborghetto dei prof. Alberto e Marco Carpiceci

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Soprintendenza Speciale, Arco di Malborghetto.
  2. ^ Codice Vaticano Barberiniano Latino 4424, carta 36v.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Fritz Toebelmann, Der Bogen von Malborghetto, Heidelberg, Carl Winters Universitätsbuchhandlung, 1915.
  • Carmelo Calci, Gaetano Messineo e F. Scoppola, Malborghetto (circ. XX), in Comune di Roma X Ripartizione AA.BB.AA. (a cura di), Relazioni su scavi, trovamenti, restauri in Roma e Suburbio - 1984, Roma, L'Erma di Bretschneider, 1985, pp. 172-174.
  • Carmelo Calci e Gaetano Messineo, Malborghetto, lavori e studi di archeologia pubblicati dalla Soprintendenza Archeologica di Roma, a cura di Gaetano Messineo, Roma, De Luca Edizioni d'Arte, 1989, ISBN 978-88-240-0418-3.
  • Gaetano Messineo e Andrea Carbonara, La via Flaminia, in Antiche Strade, Roma, Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, 1993, ISBN 978-88-240-0418-3.
  • Alberto C. Carpiceci e Marco Carpiceci, Come Costantin chiese Silvestro d'entro Siratti. Costantino il Grande, San Silvestro e la nascita delle prime basiliche cristiane, Bologna, Edizioni Kappa, 2006, ISBN 978-88-7890-781-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]