Arco di Adriano (Capua)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arco di Adriano
The Arch of Hadrian spanning the Appian Way, Northern side, Capua (14574900116).jpg
L'Arco di Adriano
CiviltàRomana
UtilizzoArco di trionfo
EpocaI-II secolo d.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneSanta Maria Capua Vetere
Amministrazione
EnteSoprintendenza archeologica della Campania
VisitabileSi
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°05′02.04″N 14°14′52.08″E / 41.0839°N 14.2478°E41.0839; 14.2478

L'arco di Adriano (detto anche "archi di Capua" o "arco Felice") è un arco romano situato a Santa Maria Capua Vetere (antica Capua, oggi in provincia di Caserta). Era in origine a tre fornici, ma oggi se ne conservano solo tre piloni e uno dei fornici laterali. Scavalcava la via Appia e costituiva un ideale ingresso alla città, forse in corrispondenza della linea del pomerio[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'arco fu eretto tra la seconda metà del I e la prima metà del II secolo, ma se ne ignora la dedica. All'arco era stata riferita un'iscrizione con dedica all'imperatore Adriano, poi ritenuta falsa[2].

È stato ipotizzato che l'erezione dell'arco sia avvenuta sotto i Flavi in seguito al conferimento dello stato di colonia alla città (Colonia Flavia Augusta)[3].

Venne restaurato con integrazioni e rifacimenti della struttura laterizia nel 1851. Nel 1860 fu interessato dai combattimenti della battaglia del Volturno: una targa commemorativa, con testo dettato da Luigi Settembrini venne collocata su uno dei piloni dell'arco. In seguito ai danni subiti durante la battaglia l'arco venne restaurato dopo il 1883, e ancora e tra il 1945 e il 1953-1955 per i danni subiti nella seconda guerra mondiale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'arco è costruito in laterizio ed aveva originariamente un rivestimento in calcare bianco, oggi perduto. Conserva i piloni del fornice centrale (più ampio, fino all'imposta dell'arcata, e una delle arcate laterali. I resti raggiungono un'altezza di 10 m e una larghezza di 18,5 m. Sono presenti integrazioni e restauri moderni.

Le arcate sia del fornice centrale che dei fornici laterali si impostavano alla medesima altezza (6,2 m), ma quella del fornice centrale, più ampia (luce di 4,85 m controluce di 3,95 m per i fornici laterali), raggiungeva in origine un'altezza maggiore.

I piloni sono rivestiti alla base da blocchi di calcare bianco e sono alleggeriti da nicchie con copertura arcuata. I fori presenti nella struttura laterizia permettono di ipotizzare la presenza di colonne che inquadravano le nicchie e dovevano sorreggere una trabeazione che correva sopra i fornici.

Sul lato interno dei piloni del passaggio centrale sono presenti delle nicchie che sono però state realizzate modernamente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quilici - Quilici Gigli 2001, citato in bibliografia, p.228.
  2. ^ CIL X, 464. All'arco era stata inoltre dubitativamente riferita anche una dedica a Settimio Severo (CIL X, 3825), che tuttavia appartiene probabilmente ad un basamento di statua: v. Quilici - Quilici Gigli 2001, citato in bibliografia, p.228.
  3. ^ Quilici - Quilici Gigli 2001, citato in bibliografia, p.231.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo Quilici, Stefania Quilici Gigli, "Sull'arco di Capua", in Lorenzo Quilici e Stefania Quilici Gigli (a cura di), Urbanizzazione delle campagne nell'Italia antica, Roma 2001, p.205-231.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]