Arcieparchia di Polack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arcieparchia di Polack
Archieparchia Polociensis Ruthenorum
Chiesa rutena
Полацк. Сафійскі сабор.jpg
La cattedrale di Santa Sofia a Polack, come si presenta oggi
Diocesi suffraganee
Luc'k e Ostrog, Pinsk e Turaŭ, Volodymyr-Brėst
Erezione 1596
Soppressione 25 marzo 1839
Rito bizantino
Cattedrale Santa Sofia
Dati dall'Annuario pontificio (ch)
Chiesa cattolica in Bielorussia
Mappa delle eparchie greco-cattoliche della Confederazione polacco-lituana nel 1772. A nord, in color marrone, l'arcieparchia di Polack.
Jozafat Bułhak, ultimo vescovo greco-cattolico di Polack.

L'arcieparchia di Polack (in latino: Archieparchia Polociensis Ruthenorum) è stata una sede della Chiesa cattolica di rito bizantino.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcieparchia comprendeva i fedeli cattolici di rito bizantino della Bielorussia.

Sede arcieparchiale era Polack, dove fungeva da cattedrale la chiesa di Santa Sofia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'arcieparchia entrò in comunione con la Chiesa cattolica in seguito all'Unione di Brest del 1596. Come eparchia era stata eretta nel XIII secolo. Ad essa erano unite le eparchie di Micislavia, eretta anch'essa nel XIII secolo, di Orša e di Vicebsk, eretta nel X secolo. Spesso ai vescovi ausiliari o ai coadiutori dell'arcieparchia veniva assegnato il titolo di queste sedi soppresse.

Durante l'episcopato di Cyprian Żochowski (1674-1693), fu unita in persona episcopi con l'arcieparchia di Kiev. In precedenza, altri vescovi, trasferiti a Kiev, mantennero in persona episcopi la sede di Polack fino alla loro morte.

Il sinodo della Chiesa ortodossa russa celebrato a Polack nel febbraio 1839 annullò ex auctoritate l'unione di Brest del 1596, sopprimendo de facto tutte le eparchie cattoliche dell'impero russo. Questa decisione fu approvata dallo zar Nicola I il 25 marzo 1839. Questo atto determinò la fine dell'arcieparchia greco-cattolica di Polack e il passaggio forzato dei suoi fedeli alla Chiesa ortodossa.[1]

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Herman Zahorski † (1596 - 1600/1601 deceduto)
  • Gedeon Brolnicki † (26 maggio 1601 - 1618 deceduto)
  • San Jozafat Kuncewicz, O.S.B.M. † (1618 succeduto - 12 novembre 1623 deceduto)
  • Anastazy Antoni Sielawa † (1624 - 12 settembre o 5 ottobre 1655 deceduto)[2]
  • Gabriel Kolenda † (12 settembre o 5 ottobre 1655 succeduto - 21 maggio 1674 deceduto)[3]
  • Cyprian Żochowski † (21 maggio 1674 succeduto - 26 ottobre 1693 deceduto)
    • Sede vacante (1693-1696)[4]
  • Marcjan Białłozor † (1697[5] - 18 giugno 1707 deceduto)
    • Sede vacante (1707-1710)[6]
  • Sylwester Peszkiewicz † (9 novembre 1710 consacrato - 8 settembre 1714 deceduto)
  • Florian Hrebnicki † (14 marzo 1716 consacrato - 18 luglio 1762 deceduto)
  • Jason Junosza Smogorzewski † (18 luglio 1762 succeduto - 1780 dimesso)[7]
  • Herakliusz Lissowski † (18 aprile 1784 consacrato - 30 agosto 1809 deceduto)[8]
  • Jan Krassowski † (13 gennaio 1811 consacrato - novembre/dicembre[9] 1826 nominato eparca di Luc'k e Ostrog)
  • Jakub Martusiewicz † (novembre/dicembre[9] 1826 - 26 gennaio 1833 deceduto)
  • Jozafat Bułhak † (17 aprile 1833 - 23 febbraio o 9 marzo 1838 deceduto)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La documentazione relativa al sinodo di Polack (o Polotsk) in: Allocuzione della santità di nostro signore Gregorio PP. XVI al sacro collegio nel concistoro segreto del 22 luglio 1842, Roma 1842, pp. 74-84.
  2. ^ Il 18 marzo 1641 è nominato arcieparca metropolita di Kiev mantenendo la sede di Polack fino alla sua morte. Welykyj, Documenta Pontificum Romanorum historiam Ukrainae illustrantia, vol. I : 1075-1700, Romae 1953, pp. 519 e seguenti. Błażejowśkyj, Hierarchy of the Kyivan Church, p. 282.
  3. ^ Il 24 aprile 1665 è nominato arcieparca metropolita di Kiev mantenendo la sede di Polack fino alla sua morte. Welykyj, Documenta Pontificum Romanorum historiam Ukrainae illustrantia, vol. I, pp. 578 e seguenti. Błażejowśkyj, Hierarchy of the Kyivan Church, p. 282.
  4. ^ Durante la sede vacante, la diocesi fu amministrata da Lew Ślubicz-Załęski, vescovo di Volodymyr-Brėst.
  5. ^ Viene nominato alla sede di Polack tra ottobre 1696 e aprile 1697. Błażejowśkyj, Hierarchy of the Kyivan Church, p. 283.
  6. ^ Durante la sede vacante, la diocesi fu amministrata da Porfiriusz Kulczycki, vescovo di Volodymyr-Brėst.
  7. ^ Un ukaz di Caterina II di Russia ordinò a Smogorzewski di lasciare Polack e di non occuparsi più della sua diocesi. Il 26 febbraio 1780 è eletto metropolita di Kiev, confermato dalla Santa Sede il 25 giugno 1781 (Hierarchia Catholica, VI, p. 249).
  8. ^ Un ukaz di Alessandro I di Russia del 24 luglio 1806 nominò Lissowski metropolita di Kiev pur conservando la sede di Polack.
  9. ^ a b In una lettera di novembre 1826, Jakub Martusiewicz si firma ancora come vescovo di Luc'k, mentre il 29 dicembre successivo è Jan Krassowski a firmarsi come vescovo di Luc'k. Questi era stato nominato con editto dello zar fin dal 3 febbraio 1826. Błażejowśkyj, Hierarchy of the Kyivan Church, pp. 266 e 286.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi