Arcidiocesi di Antiochia di Pisidia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antiochia di Pisidia
Sede arcivescovile titolare
Archidioecesis Antiochena in Pisidia
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Antiochia di Pisidia
Mappa della diocesi civile di Asia (V secolo)
Arcivescovo titolaresede vacante
IstituitaXIX secolo
StatoTurchia
Arcidiocesi soppressa di Antiochia di Pisidia
Eretta?
Soppressa?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche
Rovine della città di Antiochia di Pisidia.
Resti della basilica di San Paolo vista dall'anfiteatro di Antiochia di Pisidia.

L'arcidiocesi di Antiochia di Pisidia (in latino: Archidioecesis Antiochena in Pisidia) è una diocesi soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Antiochia, nei pressi del villaggio di Yalvaç nella provincia turca di Isparta, è un'antica sede metropolitana della provincia romana della Pisidia nella diocesi civile di Asia e nel patriarcato di Costantinopoli.

La comunità cristiana di Antiochia ha origini antiche, che risalgono agli albori del cristianesimo. Come raccontano gli Atti degli Apostoli, furono gli apostoli Paolo e Barnaba ad annunciare per primi il vangelo nella città (13,13-52[1]). Ed ancora ad Antiochia, per la prima volta gli Atti descrivono l'istituzione di un gruppo dirigente della comunità, chiamati anziani (14,21-23[2]). Antiochia fu visitata altre volte da san Paolo (16,4-6[3] e 18,23[4]). Gli scavi archeologici hanno portato alla luce una grande basilica, chiamata "chiesa di San Paolo", dall'iscrizione "Aghios Paulos" trovata nei pressi dell'altare, costruita su una sinagoga, identificata dagli archeologici come quella in cui l'Apostolo predicò per la prima volta ad Antiochia.[5]

L'arcidiocesi è documentata da tutte le Notitiae episcopatuum del patriarcato di Costantinopoli fino al XV secolo.

Nella Notitia dello pseudo-Epifanio, composta durante il regno dell'imperatore Eraclio I (circa 640), la sede di Antiochia è elencata al 24º posto nell'ordine gerarchico delle metropolie del patriarcato di Costantinopoli[6]. In questa Notitia le sono attribuite 18 diocesi suffraganee: Filomelio, Sagalasso, Sozopoli, Apamea Ciboto, Tirieo, Baris, Adrianopoli, Limne, Neapoli, Laodicea Combusta, Seleucia Ferrea, Adada, Zarzela, Timbriade, Timando, Giustinianopoli, Metropoli e Pappa.[7] Sono documentate, benché assenti nelle Notitiae patriarcali, anche le diocesi di Prostanna e di Atenia, sedi scomparse prima del VII secolo.

Nella Notitia attribuita all'imperatore Leone VI (inizio X secolo) Antiochia è scesa al 25º posto fra le metropolie del patriarcato[8], e le diocesi suffraganee sono diventate 21: sono scomparse le sedi di Filomelio, Neapoli (elevata al rango di arcidiocesi) e Giustinianopoli, e si sono aggiunte quelle di Binda, Conana, Parlais, Malo, Siniando e Titiasso.[9]

Dal XIX secolo Antiochia di Pisidia è annoverata tra le sedi arcivescovile titolari della Chiesa cattolica; la sede è vacante dal 24 maggio 1976.

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Arcivescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

Arcivescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ At 13,13-52, su laparola.net.
  2. ^ At 14,21-23, su laparola.net.
  3. ^ Atti degli Apostoli 16,4-6, su laparola.net.
  4. ^ At 18,23, su laparola.net.
  5. ^ Dal sito www.biblelieux.com.
  6. ^ Jean Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae. Texte critique, introduction et notes, Paris, 1981, p. 205 nº 29.
  7. ^ Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae, p. 212, nnº 370-388.
  8. ^ Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae, p. 272, nº 25.
  9. ^ Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae, pp. 281-282, nnº 447-468.
  10. ^ Dopo Sergiano, Le Quien inserisce il vescovo Antonio, che prese parte al concilio di Nicea del 325. In realtà Antonino (e non Antonio) era vescovo di Antiochia in Isauria; lo stesso Le Quien inserisce il suo nome in entrambe le sedi. Gelzer, Patrum Nicaenorum nomina, Lipsia, 1898, p. LXIII nº 180.
  11. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 740-743.
  12. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 938-940.
  13. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 269-270.
  14. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 569-570.
  15. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, pp. 786-789. Dopo Pergamio, Le Quien inserisce un vescovo Giovanni, che prese parte al sinodo contro Severo di Antiochia nel 518; ma nessun vescovo di Antiochia di Pisidia fu presente a quel concilio (Destephen).
  16. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 814.
  17. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 187.
  18. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 900.
  19. ^ Destephen, Prosopographie du diocèse d'Asie, p. 520.
  20. ^ Stephanos, PMBZ nº 6919.
  21. ^ Zacharias, PMBZ nº 28479.
  22. ^ Georgios, PMBZ nº 22095.
  23. ^ Basileios, PMBZ nº 20949.
  24. ^ Euthymios, PMBZ nº 21928.
  25. ^ Theophylaktos, PMBZ nº 28229.
  26. ^ Georgios, PBW 185.
  27. ^ Anonymus, PBW 953.
  28. ^ Michael, PBW 276.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316394510
Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi