Architettura selgiuchide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'architettura selgiuchide comprende le tradizioni costruttive utilizzate dalla dinastia selgiuchide, quando governò la maggior parte del Medio Oriente e dell'Anatolia tra l'XI e il XIII secolo. Dopo l'XI secolo, i Selgiuchidi del Rum emersero dal Grande Impero Selgiuchide sviluppando la propria architettura, sebbene fossero influenzati e ispirati dalle tradizioni architettoniche armene, bizantine e persiane.

Grande architettura dell'Impero Selgiuchide[modifica | modifica wikitesto]

Elementi architettonici selgiuchidi possono essere trovati in una vasta area che si estende dall'Hindu Kush all'Anatolia orientale e dall'Asia centrale al Golfo Persico. La patria di questa tradizione edilizia erano il Turkmenistan e l'Iran, dove furono costruiti i primi edifici permanenti selgiuchidi. Tuttavia, le invasioni mongole e i terremoti hanno distrutto la maggior parte di questi edifici e solo pochi rimangono. Nel 1063 Isfahan fu fondata come capitale del Grande Impero Selgiuchide sotto Alp Arslan.

Il Santuario di Khalid Walid nel Pakistan centrale presenta elementi architettonici selgiuchidi che erano stati introdotti nella regione.[1]

L'alterazione più significativa effettuata all'inizio del XII secolo fu la conversione del piano della moschea in una moschea di quattro iwan. Un altro tipo di moschea introdotto in questo momento era la moschea del chiosco, costituita da uno spazio a cupola con tre lati aperti e un muro contenente un mihrab sul lato della qibla. L'architettura di questo periodo era anche caratterizzata da tombe commemorative che di solito erano strutture ottagonali con tetti a cupola, chiamate Kümbet o Türbe. Un impressionante esempio di architettura tombale è il mausoleo del sultano Sanjar a Merv, un massiccio edificio di 27 mq con un'enorme doppia cupola che poggia su squinch e pennacchi con muqarnas.

In Siria e in Iraq i monumenti sopravvissuti sono rappresentati da madrase e tombe. Le madrase come la Mustansiriya a Baghdad o il Muristan a Damasco furono costruite secondo una pianta a quattro iwan, mentre le tombe erano caratterizzate da cupole coniche a muqarnas. Il Santuario di Khalid Walid nel Pakistan meridionale presenta elementi architettonici selgiuchidi che erano stati introdotti nella regione attraverso l'Asia centrale.[1]

Alcuni esempi di architettura dell'Impero Selgiuchide includono:

Architettura anatolica Selgiuchide[modifica | modifica wikitesto]

Çifte Minareli Medrese (Erzurum) a Erzurum

Il maggior numero di monumenti selgiuchidi sopravvissuti si trova in Anatolia. I Selgiuchidi di Rum costruirono monumentali edifici in pietra dal design elegantemente semplice e dalle proporzioni armoniose, per la maggior parte rigorosamente semplici, ma con esplosioni di elaborate decorazioni attorno alle porte.

Nella loro costruzione di caravanserragli, medrase e moschee, i Rum Selgiuchidi tradussero l'architettura iraniana selgiuchide di mattoni e intonaco nell'uso della pietra.[2] Tra questi, particolarmente notevoli sono i caravanserragli (o hans), usati come fermate, stazioni di scambio e difesa delle carovane, e di cui un centinaio di strutture furono costruite durante il periodo anatolico dei Selgiuchidi. Insieme alle influenze persiane, che hanno avuto un effetto indiscutibile,[3] l'architettura selgiuchide è stata anche influenzata dall'architettura armena, ad esempio dall'avere architetti musulmani originari dell'Armenia storica e dall'avere architetti e muratori armeni.[4][5] In quanto tale, l'architettura anatolica rappresenta alcune delle costruzioni più caratteristiche e imponenti dell'intera storia dell'architettura islamica. Successivamente questa architettura anatolica sarebbe stata trasmessa al Sultanato dell'India.[6]

La maggior parte delle opere del Selgiuchide dell'Anatolia sono di pietra lavorata, con mattoni riservati ai minareti. L'uso della pietra in Anatolia è la più grande differenza rispetto agli edifici selgiuchidi in Iran, che sono fatti di mattoni. Gli edifici fanno uso frequente di muqarnas. Nel sultanato selgiuchide del rum i tribunali sono spesso coperti per proteggersi dagli inverni più freddi e nevosi dell'altopiano anatolico. Così alcune madrase come il Çifte Minareli Medrese a Erzurum hanno un tribunale aperto, e altri, come il Karatay Medrese a Konya, hanno tribunali coperti.

Ince Minaret Medrese a Konya

Konya, la capitale dei Selgiuchidi e le altre grandi città selgiuchide: Alanya, Erzurum, Kayseri, Sivas, hanno importanti edifici selgiuchidi, ma i lavori dei selgiuchidi sono abbondanti in quasi tutte le città dell'Anatolia, specialmente nell'Anatolia centrale e orientale. Il potere dei Selgiuchidi si estendeva fino alla costa dell'Egeo, quindi ci sono türbe (tombe) anche nella città di Selçuk, vicino a Efeso, a sud di Smirne. I grandi caravanserragli, o hans, sono tra i più belli e caratteristici degli edifici selgiuchidi. Costruiti durante il XIII secolo per incoraggiare il commercio in tutto l'impero, diverse dozzine sopravvivono in buone condizioni.

Dopo le invasioni mongole della metà del XIII secolo, la ricchezza e il potere dell'impero selgiuchide diminuì. I pochi edifici della fine del XIII secolo e dell'inizio del XIV secolo che sopravvivono includono bimarhane (manicomi) ad Amasya e la "Moschea Süngür Bey" a Nigde. Uno degli ultimi tentativi architettonici selgiuchidi fu la tomba di 'Ismat al-Dunya wa' l-Din ibint al-malik al-Adil costruita dalle sue figlie dopo il 1243.[7]

Esempi di architettura selgiuchide dell'Anatolia[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di architettura selgiuchide
Stile Nomenclatura turca moderna Esempio
Moschea Cami Moschea Alâeddin
Madrasa Medrese Çifte Minareli Medrese
Kümbet Kümbet Döner Kümbet
Caravanserraglio Kervansaray Sultan Han
Ospedale Darüşşifa Grande moschea di Divriği
ponte Köprü Akköprü
Palazzo Saray Palazzo Kubadabad
Castello Kale Castello di Alanya
Cantiere navale Tersane Kızıl Kule

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mohammad Mughal, TURKEMINSTAN-UNESCO: APPRAISAL OF THE HISTORICAL CULTURAL VALUES AND DETERMINATION OF THE WAYS ON THE PROTECTION OF THE WORLD HERITAGE PROPERTIES: Abstracts of reports of the International Scientific Conference (PDF), Abstracts of reports of the International Scientific Conference, 2006. URL consultato il 25 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2017).
  2. ^ West Asia:1000-1500, Sheila Blair and Jonathan Bloom, Atlas of World Art, ed. John Onians, (Laurence King Publishing, 2004), 130.
  3. ^ Architecture(Muhammadan), H. Saladin, Encyclopaedia of Religion and Ethics, Vol.1, ed. James Hastings and John Alexander, (Charles Scribner's son, 1908), 753.
  4. ^ Henri Stierlin, "Turkey From the Selcuks to the Ottomans", Taschen's World Architecture, 1998, p73-75
  5. ^ Armenia during the Seljuk and Mongol Periods, Robert Bedrosian, The Armenian People From Ancient to Modern Times: The Dynastic Periods from Antiquity to the Fourteenth Century, Vol. I, ed. Richard Hovannisian, (St. Martin's Press, 1999), 250.
  6. ^ Lost in Translation: Architecture, Taxonomy, and the "Eastern Turks", Finbarr Barry Flood, Muqarnas: History and Ideology: Architectural Heritage of the "Lands of Rum, ed. Gulru Necipoglu, (Brill, 2007), 96.
  7. ^ Notes on Saldjūq Architectural Patronage in Thirteenth Century Anatolia, H. Crane, Journal of the Economic and Social History of the Orient, Vol. 36, No. 1 (1993), 22.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]