Arachosia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carta dell'Arachosia in cui vivevano i Pasthun

L'Arachosia è il nome greco di una regione orientale dell'Impero achemenide, corrispondente all'Afghanistan sudorientale e a parti del Pakistan e dell'India. Le schiere macedoni di Alessandro Magno deformarono il nome locale, che derivava da quello del fiume Harahuvatis (l'odierno Helmand), che attraversandola la rende la zona più fertile dell'Afghanistan meridionale. La città più grande della regione è Kandahar, presumibilmente fondata da Alessandro Magno e in suo onore battezzata; infatti il suo nome odierno deriva dal termine Iskander, la forma indiana per Alessandro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alcune zone settentrionali e occidentali dell'Arachosia furono comprese nell'impero dei Medi prima del 550 a.C., quando la provincia passò agli Achemenidi. Alessandro Magno conquistò Arachosia negli anni 320 a.C., forse fondando allo stesso tempo Kandahar.

Con la frammentazione dell'impero di Alessandro, i Seleucidi presero controllo della zona, che fu concessa all'Impero Maurya nel 305 a.C. in base ad un patto di alleanza; la provincia passò alla dinastia Shunga quando questi rovesciarono i Maurya nel 185 a.C., ma poco dopo la regione fu annessa al Regno greco-battriano, rientrando poi a metà del II secolo a.C. nel secessionista Regno indo-greco.

La metà del I secolo a.C. vide gli Indo-greci espulsi dagli Indo-sciti, a loro volta scacciati all'inizio del I secolo dai Parti e dagli Indo-parti. La fertile regione rientrò nel'Impero Kushan che la governò fino al 230 circa, quando i Kushan furono sconfitti dai Sasanidi e sostituiti da vassalli persiani noti come Kushanshas o Indo-sasanidi.

Nel 420 presero il potere i Chioniti, fondatori del regno kidarita, sostituiti negli anni 460 dagli Eftaliti o Unni bianchi, a loro volta sconfitti nel 565 da una coalizione di Persiani e Turchi: l'Arachosia fece parte del sopravvissuto regno kushano-eftalita di Kapisa, prima di divenire l'obiettivo degli Arabi musulmani.

Intorno all'870 i Kushano-eftaliti furono sostituiti dalla dinastia degli Shahi, a loro volta conquistati dai Turchi ghaznavidi all'inizio dell'XI secolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313477879