Arabistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le mura della "Medina" (città vecchia) di Sfax (Tunisia), capitale araba della cultura 2016

L'arabistica è la branca di studi e ricerche che riguarda la cultura araba antica e moderna e che coinvolge per lo più i campi della linguistica e della letteratura.

Non va confusa con l'islamistica, dal momento che non tutti gli Arabi sono musulmani, esistendo aliquote non indifferenti di Arabi-cristiani e, in passato, anche di ebrei che, ad esempio il noto poeta preislamico Samawʾal ibn ʿĀdiyāʾ, scrivevano in lingua araba.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Gli insegnamenti in Occidente di lingua e letteratura araba furono introdotti per volere di un Concilio ecumenico nel XIII secolo e riguardarono gli atenei di Bologna, Parigi, Salamanca e Oxford.

In Italia le principali strutture arabistiche sono l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" (già Istituto Universitario Orientale di Napoli), l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e l'Università "Ca' Foscari" di Venezia ma a Roma sono presenti anche il Pontificio Istituto di Studi Arabi e d'Islamistica (PISAI) e il Pontificio Istituto Orientale (PIO).

Tra gli istituti non accademici il più antico e istituzionalmente vocato agli studi arabistici moderni e contemporanei è l'Istituto per l'Oriente C. A. Nallino di Roma, che ha stampato oltre 250 opere arabistiche dal 1921, anno della sua fondazione. Anche l'IsIAO di Roma ha tenuto, finché è rimasto in vita, regolari corsi di lingua araba, pur non interessandosi istituzionalmente all'arabistica in quanto tale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Studi sul Vicino Oriente in Italia dal 1921 al 1970 – I. L'Oriente preislamico, Roma, Istituto per l'Oriente, 1971, viii+185 pp. – II. L'Oriente islamico, Roma, Istituto per l'Oriente, 1971, 437 pp.
  • P.M. Holt, Studies in the History of the Near East, Londra, Frank Cass, 2013.
  • Arnoud Vrolijk, Richard van Leeuwen (eds.), Arabic Studies in the Netherlands: A Short History in Portraits, Leida, Brill, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4142845-6