Apple A10

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Apple A10 Fusion
Central processing unit
Apple A10 Fusion APL1W24.jpg
Il processore Apple A10 Fusion
Prodotto7 settembre 2016
Progettato daApple Inc.
ProduttoreTSMC
Frequenza CPU2,34 GHz
Processo
(l. canale MOSFET)
16 nm
Set di istruzioniA64, A32, T32
MicroarchitetturaARMv8‑A
N° di core (CPU)4 (CPU):
  • 2 (Hurricane)
  • 2 (Zephyr)
Cache L1Per Core (CPU):
  • 64 KB (istruzioni)
  • 64 KB (dati)
Cache L23 MB
Cache L34 MB
Nome in codiceAPL1W24
GPUPowerVR (Hexa-Core)
ApplicazioniMobile
PredecessoreApple A9
SuccessoreApple A11 Bionic
VarianteApple A10X Fusion

L'Apple A10 Fusion è system on a chip (SoC) a 64-bit basato su ARM, progettato da Apple Inc e prodotto da TSMC.[1]

È un processore con processo a 16 nm ed è stato presentato per la prima volta nel keynote del 7 settembre 2016 per iPhone 7 e iPhone 7 Plus.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 125 mm² di volume (9% più piccolo di Apple A9 e 34% più piccolo di Apple A9X);
  • Processo a 16 nm;
  • 3,3 miliardi di transistor (in confronto ai 2 miliardi di Apple A9 e ai 3 miliardi di Apple A9X);

In qualità di CPU (in architettura ARM) è dotato di:

  • 2 core ad alte prestazioni, denominati Hurricane;
  • 2 core a elevata efficienza energetica, denominati Zephyr;

Secondo Apple, i core Hurricane offrono prestazioni fino al 40% in più rispetto ai 2 core Twister presenti nel precedente chip Apple A9.

La GPU, in architettura PowerVR GT7600 Plus, è dotato di 6 core per elaborazioni grafiche fino al 50% più veloci dell'Apple A9; il chip Apple A8 dispone di 4 core su architettura PowerVR GX6450.

Nello stesso chip è presente la RAM LPDDR4 prodotta da Samsung, con 2 GB su l'iPhone 7, iPad (sesta generazione) e iPod touch (settima generazione), e 3 GB su iPhone 7 Plus e iPad (settima generazione).

Dispositivi predisposti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ iPhone 7 ai raggi X: Apple A10 Fusion è super sottile, confermato modem Intel, su macitynet.it, 16 settembre 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]