Apologia della confessione di Augusta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce è parte della serie
Lutherrose.svg
Luteranesimo

Pagina del titolo Apologia Confessionis (1531)
Evidenzia l'Apologia della Confessione di Augusta in tedesco di Justus Jonas il Vecchio

L'Apologia della Confessione di Augusta (Abbreviazione: AC; in latino Apologia Confessionis Augustanae) è stata scritta da Filippo Melantone, sotto l'influenza notevole di Martin Lutero, per la Dieta di Augusta del 1530 come una risposta alla Pontificia Confutazione della Confessione di Augusta, la risposta ufficiale cattolica romana alla Confessione di Augusta luterana del 25 giugno 1530, commissionata da Carlo V. Era destinata ad essere una difesa della Confessione di Augusta e una confutazione della confutazione pontificia. Non fu tuttavia presentata perché rifiutata. La sua prima pubblicazione ebbe luogo a fine aprile 1531.

È stata presentata come una confessione di fede da importanti signori luterani e capi religiosi in occasione della riunione della Lega di Smalcalda nel febbraio 1537,[1] e successivamente inclusa nell'edizione tedesca [1580] e in latino [1584] del Liber Concordiae. Come il più lungo documento nel Libro di Concordia offre la risposta luterana più dettagliata al Cattolicesimo Romano del tempo, così come un'ampia esposizione della dottrina luterana della giustificazione.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

L'Apologia della Confessione ha 28 articoli come la Confessione di Augusta stessa, che sono comunque molto più dettagliati. In particolare gli articoli che trattano la dottrina della giustificazione (art. 4, 12, 20), vengono ampliati in modo significativo; essi costituiscono quasi la metà dell'intera Apologia della Confessione.

L'Apologia della Confessione fu chiamata da Melantone con un certo cinismo disputatio brevis ("breve discussione")[2], che certamente non è vero con 300 pagine stampate. È possibile chiamarlo piuttosto come "Trattato teologico"[3] oppure "Commentario"[4].

L'Apologia della Confessione non è affatto in contrasto con le argomentazioni presentate nella Confutatio, ma ha sviluppato una dottrina della giustificazione, a differenza di scolastici più giovani come Gabriel Biel, attaccati come i principali nemici. Il tono è estremamente aggressivo, gli avversari sono definiti come empi[5] e fanatici[6] e condannati anche in modo esplicito.[7] La propria posizione è rappresentata spesso come non necessitante di nessuna chiarificazione, con l'insegnamento comprensibile e chiaro.[8]

Sommario[modifica | modifica wikitesto]

Le sezioni principali dell'Apologia sono elencati di seguito, insieme con l'articolo della Confessione di Augusta, che Melantone sta difendendo.

  1. Concernente Peccato originale—Articolo II
  2. Concernente la Giustificazione—Articolo IV
  3. Concernente l'amore e l'osservanza della legge
  4. Concernente la Chiesa invisibile—Articoli VII e VIII
  5. Concernente il Ravvedimento—Articolo XII
  6. Concernente la Confessione e Assoluzione
  7. Concernente il numero ed uso dei Sacramenti—Articolo XIII
  8. Concernente le tradizioni umane nella Chiesa — Articolo XV
  9. Concernente l'invocazione dei Santi—Articolo XXI
  10. Concernente le due specie nella Eucaristia (Ultima Cena) -- Articolo XXII
  11. Concernente il Matrimonio dei Preti—Articolo XXIII
  12. Concernente la Messa—Articolo XXIV
  13. Concernente il Giuramento Monastico—Articolo XXVII
  14. Concernente il potere ecclesiastico — Articolo XXVIII

Egli si riferisce anche ad alcuni degli altri articoli della Confessione di Augusta che non hanno bisogno di una difesa approfondita. Questi articoli sono: I, III, XVI, XVII, XVIII, XIX, XX.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Book of Concord: The Confessions of the Evangelical Lutheran Church, Theodore G. Tappert, trans. and ed., (Philadelphia: Fortress Press, 1959), 97-98, 287-88, 334-35.
  2. ^ AC 4: 389 (BSLK 232, 37).
  3. ^ Horst Pöhlmann: Unser Glaube; S. 124.
  4. ^ Bernhard Lohse: Von Luther bis zum Konkordienbuch; in: Cals Andresen (Hg.): Handbuch der Dogmen– und Theologiegeschichte. Band 2: Die Lehrentwicklung im Rahmen der Konfessionalität; Göttingen: Vandenhoeck & Ruprecht, 19982; S. 93.
  5. ^ "impius": AC 4: 244 (BSLK 207, 43); 253 (BSLK 209, 54); 300 (BSLK 219, 11) u. ö.
  6. ^ "furor": AC 4: 298 (BSLK 219, 1).
  7. ^ "Et maledicti sint pharisaei [vale a dire i cattolici] adversarii nostri"; AC 4: 269 (BSLK 214, 10 f.).
  8. ^ Sorprende la serie di semplici istruzioni: la Dottrina è "facile da comprendere" (facile (20x), AC4: 49, 51, 79, 84, 118, 171, 183, 219, 244, 290, 291, 294, 297, 303 (2x), 304, 316, 343, 388, 396), "aperta" (aperte (14x), AC 4: 33, 50, 63, 65, 86, 89, 97, 145, 244, 262, 286, 293, 298 (2x)) e "chiara" (clare (22x), AC 4: 74, 83, 97, 106, 107, 152, 161, 163, 195, 240, 257, 262, 267, 304, 314, 323, 325, 334, 345, 356, 367, 396.).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

(DE)

  • Le confessioni della Chiesa Evangelica Luterana. Vandenhoeck & Ruprecht, Göttingen 1930 (12ª edizione. Ibidem, 1998, ISBN 3-525-52101-4) (testo originale).
  • Rudolf Mau (eds.): denominazioni protestanti. Confessioni della Riforma e le spiegazioni teologiche più tardi. Sottobanda First Luther-Verlag, Bielefeld 1997, ISBN 3-7858-0386-9 (con la traduzione della quarta edizione).
  • Horst George Pohlmann (Ed.): La nostra fede. Le confessioni della Chiesa evangelica luterana 5. Edition. Gütersloh casa editrice, Gütersloh 2004, ISBN 3-579-01289-4 (Pocket Books Gütersloh 1289) (con la traduzione dell'edizione in ottavo).
  • Christian Peters: Apologia Augustanæ confessionis. Studi sulla storia testuale della confessione luterana (1530-1584) Calwer Verlag, Stoccarda 1997, ISBN 3-7668-3467-3 (Calwer teologica monografie serie B:. Teologia sistematica e storia della Chiesa 15). (contemporaneamente Università di Münster, Habil., Schr., 1995/96), (la storia ecclesiastica di accesso, con ampia bibliografia).
  • Gunther Wenz: la teologia delle confessioni della Chiesa Evangelica Luterana. Una introduzione storica e sistematica del Libro di Concord. 2 voll. de Gruyter, Berlin e altri 1996-1997, ISBN 3-11-015238-X (Vol. 1), ISBN 3-11-015756-X (vol. 2), (De Gruyter-libro di testo), (approccio dogmatico).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]