Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Apollonio Discolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Apollonio Discolo (floruit II secolo; Alessandria d'Egitto, ... – Alessandria d'Egitto, ...) è stato un grammatico greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Mnesiteo e Ariadne, nacque e morì ad Alessandria d'Egitto e fiorì sotto i regni degli imperatori Adriano e Antonino Pio. Fu uno dei più autorevoli grammatici del suo tempo, sia in base alla testimonianza di suo figlio Elio Erodiano che dei successivi, anche se visse in estrema povertà, e tale stato di indigenza sembra avergli procurato quella crisi mentale che gli fece guadagnare il soprannome di Discolo: Prisciano, comunque, definisce sia Apollonio sia il figlio Erodiano i più grandi fra i grammatici, e dichiara che, senza l'ausilio dei loro scritti, non avrebbe mai potuto completare la sua opera[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Una lunga lista delle sue opere è fornita da Suda, ma di tutti gli scritti lì citati ne restano soltanto quattro: Περὶ συντάξεως τοῦ λόγου μερῶν (La costruzione del discorso), in quattro libri[2]; Περὶ ἀντωνομίας (I pronomi); Περὶ συνδέσμων (Le congiunzioni); Περὶ ἐπιρρημάτων (Gli avverbi)[3].
Fra le opere che Suda ascrive ad Apollonio vi è un Περὶ κατεψευσμένης ἱστορίας (La falsa storia)[4], il cui testo, però, è probabilmente opera di un omonimo Apollonio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prisciano, Praefatio: "quid enim Herodiani artibus certius, quid Apollonii scrupulosis quaestionibus |enucleatius possit inueniri?".
  2. ^ Cfr. l'edizione critica Apollonius Dyscole, De la construction (syntaxe), vol. 1: Introduction, texte et traduction par Jean Lallot, Paris: Librairie philosophique J. VRIN 1997.
  3. ^ Gli scritti minori sono in Apollonii Scripta minora a Richardo Schneidero edita, in Grammatici Graeci, pars II Vol. I fasc. 1, Lipsiae, in aedibus B.G. Teubneri, 1878. Il Περὶ ἀντωνυμίας è alle pp. 3-116; Περὶ ἐπιρρημάτων 119-210 e Περὶ συνδέσμων 213-258. Precedentemente, gli ultimi due opuscoli furono editi da August Immanuel Bekker nei suoi Anecdota Graeca, vol. II (1816): il Περὶ συνδέσμων alle pp. 477-526, il Περὶ ἐπιρρημάτων alle pp. 527-625.
  4. ^ Historiae commentitiae liber, sive historiae mirabiles, Guilielmus Xyladrus, Joannes Meursius, Ludovicus Henricus Teucherus (ed.), Lipsiae in bibliopolio gleditschiano, 1792.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN72187489 · LCCN: (ENn82054983 · SBN: IT\ICCU\SBLV\301136 · ISNI: (EN0000 0000 6299 5147 · GND: (DE118645471 · BNF: (FRcb119298010 (data) · BAV: ADV10101928