Antropologia visuale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'antropologia visuale o visiva (in inglese visual anthropology) è uno dei campi dell'antropologia, focalizzato sullo studio e la produzione di immagini, fotografie, film e nuovi media usati nell'etnografia[1].

Le prime società scientifiche dedicate specificamente all'antropologia visuale, sono sorte negli Stati Uniti, intorno agli anni 70 e 80, per poi diffondersi successivamente in Europa. L'antropologia visuale si inserisce nel quadro delle scienze demo-etno-antropologiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cecilia Pennacini, Antropologia visiva in Enciclopedia del Cinema (2003) on line su Enciclopedia Treccani[1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE1028524978
Antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia
  1. ^ Rudolf Arnheim, Il pensiero visivo, traduzione di Renato Pedio, Torino, Einaudi, 1974, ISBN 9788806344054.
  2. ^ Clifford Geertz, Antropologia interpretativa, in Biblioteca, traduzione di Luisa Leonini, Bologna, Il mulino, 2001, ISBN 88-15-08122-4.